martedì 1 gennaio 2013

Primo Dell'Anno

Sarà banale (e probabilmente lo è) però, prima d'ogni altra cosa, buon anno nuovo a chi passa (?) di qui :) Da qualche ora è infatti finito il 2012 e siamo entrati nel 2013, carichi di buone speranze e, anche, di vecchie certezze ma pure incertezze, come è normale che sia. Poi se siano più le certezze o le incertezze che ci portiamo dietro dipende dalla singola persona ma, come una mia assidua lettrice trova molto divertente, certamente "questo è un altro discorso" :D Personalmente sono da poco rientrato da fuori città, dove ho trascorso l'ultima notte del 2012 a casa di un carissimo amico, e in buona compagnia: uno scenario semplice ma bello, senz'altro positivo e, alla fine, è quello ciò che più conta. Tra l'altro, come da tradizione, ho dormito praticamente poco e niente eppure sono tuttora in grado di formulare, almeno così sembra, frasi compiute e grammaticalmente corrette, e me ne compiaccio non poco perchè si dice che col tempo si perdono tante cose, ma almeno questa m'è rimasta, quantomeno per adesso :D Ehehe, ricordo quando facevo 36/37 ore insonni... al confronto, ieri è stata una passeggiata :D Anche se, in effetti, altre qualità (se così possiamo chiamarle ^^) invece me le sto un pò "perdendo", sia inevitabilmente che per scelta personale, ma meglio non pensarci e accettare quindi l'esito dell'inesorabile scorrere del tempo :D
Detto ciò vi confido che sinceramente, per una volta, non ho iniziato a scrivere il post con già in testa l'idea precisa di ciò che intendessi dire, del messaggio che volessi far arrivare... forse perchè sono oggettivamente un pò stanco e non focalizzo bene, o forse perchè ho avvertito di recente che molti dei miei "input", proprio in generale eh, vengono poco recepiti e, quindi, magari non è così sensato insistere più di tanto in quella direzione lì se non c'è un "riscontro"... perciò andiamo del tutto a caso, pienamente "a braccio", mettendoci semplicemente ciò che passa in questo momento nella testa dell'oratore (che sarei io, pensate un pò ^^): in effetti ho una sensazione un pò diversa oggi, e mi sorprende perchè ho sempre ritenuto il passaggio al nuovo anno, in fondo, un giorno assolutamente come un altro, al pari di molte festività, compleanni e celebrazioni varie, invece stavolta.. boh, magari qualcosa è cambiato davvero, o sta cambiando, o magari è soltanto una sensazione mista a stanchezza che domani, bello riposato, mi accorgerò essere scomparsa... vediamo un pò :)
Quindi, per concludere questo post "slegatissimo" di inizio anno, in questi giorni mi è tornata in mente una canzone secondo me bellissima del "Principe" Francesco De Gregori, che s'è capito essere tra i miei autori preferiti: ce ne sarebbero tantissime altre da citare e far ascoltare eh, e probabilmente nel tempo lo farò, oggi mi va semplicemente di salutarvi mettendo questo pezzo, che a mio avviso è delicatissimo e, nella sua brevità (1'40'' di canto, il finale è solo musicale), dice davvero tante cose descrivendo perfettamente stati d'animo complessi e suggerendo immagini e sensazioni non certo banali.
Ovviamente, per chi sa coglierle, chiaro ;)


Buon anno nuovo, e al prossimo post ;)

1 commento:

  1. Dunque dunque... sono un pò di giorni che non pubblichiamo!!! ^^

    RispondiElimina