martedì 28 maggio 2013

Quando ti capita...

... tra le mani una foto, una lettera, un qualcosa del passato e "bum", la tua mente va subito lì! Vi è mai successo? immagino di si ;) Ecco dalle mie parti non è cosa molto infrequente, anzi, e poco fa mi è capitato con un cd, piuttosto datato perchè parliamo del 2001 (anche se in Italia penso sia uscito l'anno dopo), che mi era stato regalato da un amico quando davvero ero poco più che un adolescente :) E allora mi sono tornate alla mente un sacco di cose di quel periodo, di ricordi con quel gruppo di amici lì o più in generale di quei tempi oggi così lontani, in particolare quelli legati alle canzoni di questo disco che, per un'estate intera, ascoltavamo spesso e volentieri... insomma, momenti di grande amarcord! ^^
E non vi nascondo un pò di nostalgia, credo immancabile e normalissima, per quel periodo spensierato, a ripensarci pare passata una vita e probabilmente lo è davvero, però ecco è bello guardarsi indietro potendolo fare col sorriso, con piacere, e a me è successo proprio questo, quindi va benissimo così :)
E allora a questo punto "condividiamo" la canzone principe di quel disco, quella che ci piaceva più delle altre (anche se pure "Blurry", molto diversa come sonorità, era apprezzatissima), quella che il mio amico suonava alla chitarra (lui che ne era capace, io al massimo suono il campanello di casa ^^) o che mettevamo a tutto volume nello stereo dell'auto di chi all'epoca era già "motorizzato": sicuramente la ricorderete, è "She Hates Me", ovvero "Lei Mi Odia", un bel rock scanzonato tipico delle band di quegli anni e adatto ai gusti dei ragazzini che, appunto, allora eravamo :) Tra l'altro, cercandola ora per condividerla, ho trovato anche la versione con la traduzione italiana, che mai avevo notato e... per diverse cose è un testo che, sorprendentemente, "ci sta", ci si può ritrovare e rivedere qualcosa o qualcuno, e ormai sapete a me quanto piace questa caratteristica nella musica ^^ Anche se, oggi come ieri, la cosa più divertente era il video, che trovo sicuramente originale e spassoso, per quanto sia un'ovvia "americanata" eh, ma vabbè, l'importanza delle cose è data dal contesto delle stesse e, qui, questa serie di "deliri disperati" ci va benissimo :D


Molto bello poi il finale, dove lui dice che, in fondo, ha detto soltanto tutta una serie di cavolate, perchè in realtà soffre come un cane, e si dispera scappando via per il campo da football! :D Ehhhh, davvero altri tempi! :D
Vabbè, sperando che questo tuffo nel passato sia stato per voi piacevole quanto lo è stato per me, o almeno divertente, vi saluto dandovi appuntamento alla prossima! :)


2 commenti:

  1. grandi i puddle of mudd!She fucking hates me,trust,she fucking hates me la la la la!

    RispondiElimina
  2. grandi ricordi e la biondina del video è proprio gnocca!!! peccato però che poi sono spariti i puddle o non hanno più fatto niente di rilevante. ciao!

    RispondiElimina