venerdì 1 novembre 2013

Alzare il Volume

Non sono mai stato solito alzare al massimo il volume dello stereo, sarà perchè ascolto solitamente pezzi piuttosto "soft" e, quindi, per apprezzarli al meglio non c'è bisogno di "spararli" nelle orecchie alla massima potenza, anzi il tono basso finisce per renderli probabilmente più intimi, confidenziali ed intensi. E anche in generale, musica a parte quindi, non sono uno che alza la voce, non ho mai amato chi fa rumore per nulla o gareggia a chi strilla di più, anzi credo che molte volte sia decisamente più efficace una cosa detta bene e col tono giusto piuttosto di una urlata, perchè la forza delle parole, per me che poco sicuramente ci capisco, sta nel come si usano e in quello che trasmettono, non nei decibel. Ieri però avevo decisamente bisogno di "coprire" i pensieri che affollavano la mia testa, non che fossero brutti, anzi tutt'altro credetemi perchè erano decisamente i più belli che abbia mai fatto (!!!), però forse proprio perchè "invaso" dalla loro bellezza, sommata ad alcune altre cosette che capirei solo io e che non sto quindi qui a dirvi, ho avvertito la necessità di provare un attimino ad uscirne, a "rientrare in me". E allora tiro fuori una vecchia pennetta USB regalatami da un amico piena di musica rock "pesante" che in verità non mi è mai piaciuta poi tanto, quella che davvero è quasi soprattutto rumore, un overdose di batterie e chitarroni elettrici inarrestabili come quelle che spesso vengono utilizzate in tv per farne clip video "adrenaliniche", avete presente immagino, no? ecco, quella, infilo la pennetta prima nello stereo dello studio e poi, uscito, ci attacco direttamente le mie cuffiette, ed entrambe le volte la manopola del volume va altissima, dove mai l'avevo portata. Supera insomma i soliti "limiti", come a voler dire che adesso non bisogna porsene, trasmettendomi ancora quella sensazione di voler provare, osare, rischiare (ammesso poi che essere se stessi e cercare il massimo sapendone esattamente le coordinate e rendendosi conto di non potere nè volere fare altro sia un "rischio"), concetti tanto potenti negli ultimi giorni, e tanto dirompenti in me. Effettivamente è una musica che molti di quei pensieri li "copre" mica male, e che ti fa anche un pò sentire la "vena" che non è mai sbagliato ricordarsi di avere (anche se poi quella, di questi tempi, in realtà la sto sentendo, e tanto, ugualmente pur senza musica), trasmettendoti pure un pò di sana "carica", roba che dopo puoi pure andare in battaglia galvanizzatissimo. Insomma, è stato un esperimento sicuramente interessante, e ora capisco meglio perchè questo tipo di musica ottiene così tanto successo, perchè credo che in giro ci sia tanta gente che non vuole pensare più di tanto e allora così riesce davvero a spegnere l'interrutore. Certo però io, a dire il vero, volevo semplicemente non pensare troppo e "alienarmi" solamente per un pò, visto che per come sono fatto non saprei vivere senza i miei mille pensieri, dei quali anzi ho bisogno, e soprattutto dal momento che, lo ripeto, ciò che mi affollava la testa era meraviglioso, o meglio è meraviglioso, fa parte di me da un pò e sono sicuro che proseguirà a farne con sempre più forza. Voglio che sia così, non può che essere così. Ma vi confesso che neanche tutto quel baccano è riuscito a spegnere totalmente questi pensieri, che hanno un nome preciso, un forma perfetta e suggeriscono immagini vive, colorate e definitissime del presente e soprattutto del futuro che malgrado il frastuono non sono mai uscite del tutto dalla mia testa, insomma pensate un pò che roba mi è capitata per le mani. Però è stato comunque un tentativo utile, oltre che inusuale per me che non ero abituato a "necessità" simili, perchè alla fine di questi lunghi ascolti mi ha fatto tornare un pò in me e, in fondo, semplicemente questo era ciò che volevo: si, mi interessava rientrare per un pò nei ranghi, nella mia "solita" pelle, rimettere un attimo i piedi per terra, darmi due pizzicotti per verificare se ero sveglio e riordinare le idee. Bene, ho scoperto di essere ben sveglio e ora ho due lividi in più sul braccio per via dei pizzicotti, qualche decibel in meno nelle mie orecchie perso per sempre nel frastuono di quella musica assordante, la piena cognizione di me stesso e, soprattutto... gli stessi, anzi diciamolo meglio, lo stesso incessante pensiero nella testa. Insomma, niente copre, niente aliena, niente allontana e nemmeno a mente fredda mi fa cambiare il "senso" di tutto questo, e l'importanza di quel pensiero. E allora, beh, mi mancava soltanto questa ulteriore controprova, uscire dal caos e pensare subito, limpidamente e chiaramente, alla stessa cosa, mi ha dato l'ultima conferma, perchè se anche a bocce ferme e mente libera, pienamente me sulla concreta terra e non "fluttuante e sognatore" come stavo un pò rischiando di passare, avverto le medesime cose e addiritura in modo ancor più forte e nitido, allora è ufficiale: preparo le provviste, la bussola punta già nella giusta direzione ma probabilmente nemmeno mi occorrerà guardarla perchè la strada la troverei, stavolta si, anche senza il suo aiuto, e mi porto dietro armi, elmo e scudo sperando che non mi occorrano, ma ben sapendo che se servirà combattere li indosserò senza timore e lo farò fino al mio massimo e anche oltre. Per QUESTA cosa, che poi è molto "di più" di una cosa, sono assolutamente pronto, disposto ed intenzionato a combattere, DEVO farlo o non me lo potrei mai perdonare... quindi mi incammino e vado dove non posso non andare, dove sento che è il mio posto, ed anche se i numeri non sembrano proprio dalla mia parte io alle statistiche non ci credo, piuttosto credo nelle "eccezioni", ed in ogni caso la mia volontà di sovvertirli è ferrea, è davvero troppo importante vincere questa volta ed io quindi avanzo, vado incontro al mio destino con in testa solo quell' epilogo. Dopo il lungo cammino e mille inevitabili peripezie arriverà il momento decisivo ed io so che sarò lì, a giocare per la vittoria: dopo di che tornerò, col mio scudo... o sopra di esso ^^


(p.s: speriamo "con"!!! ^^)

Alla prossima :)

22 commenti:

  1. Quando il sesto senso è meglio di qualsiasi bussola, non si può fare a meno di buttarsi a capofitto in quello in cui si crede! Buona fortuna! :)

    RispondiElimina
  2. Sei in vena di post metaforici, in questi giorni?^^
    In ogni caso, anche io che ascolto rock non amo i volumi alti.
    Ma io spesso alzo la voce: coi caproni devi strillare sennò non capiscono :p
    Quanto alla tua rotta, io credo che la strada è già dentro di te e tu la conosci già.
    Tornare con lo scudo o sopra lo scudo poco importa, perché l'importante è l'essenza di ogni viaggio.
    Certo, è meglio con, e ti auguro di tornare con! :)
    Buon novembre!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente in vena, noti quindi benissimo, ma era anche difficile non farlo ^^
      Comunque sia si, sulla rotta hai ragione, la conosco ed è già chiarissima dentro di me, e trovo corretto anche il discorso dell'importanza "a prescindere" del viaggio. Il fatto è che, qua, nulla è "a prescindere", perché io da questo viaggio VOGLIO tornare con lo scudo, non sopra..è troppo importante, è davvero quello che voglio, è un qualcosa di imprescindibile insomma, che non può andare, per me e per come ne ho bisogno io, che in QUEL modo lì :)

      Non so dirti se basteranno le mie CERTEZZE perché non dipende purtroppo soltanto da me, sicuramente però a me basteranno per provare a vincere fino in fondo, fino a spingermi anche oltre i miei limiti e le mie possibilità :) voglio questo, in fondo ;)

      Ciao, e grazie :)

      Elimina
    2. Penso di aver capito a cosa ti riferisci, ed è un gioco che si fa in due.
      Poi comunque facci sapere :)
      In bocca al lupo!

      Moz-

      Elimina
  3. Che dire. il pezzo mi ha conquistata già solo per l'ultima immagine che hai messo.
    Però neanche la parte restante è mi ca male, sai?
    Ti ci vedo, te, dal volume basso, anzi quasi sussurrato, sorpreso dalla tempesta (di sole) che sembra ti abbia sorpreso all'improvviso. Ma forse è solo quello di cui avevi bisogno; che ti svegliasse nel modo che serviva.
    Ti ci vedo anche nell'arena, contro leoni e tigri, con lo sguardo da Crowe calato nella parte, con qualche cicatrice qui e la ma pronto all'attacco.
    Perché alla fine i buoni vincono sempre, anche se non col finale che ci si aspetta, i buoni vincono sempre. Sennò che gladiatore saresti?
    Quindi hai questo viaggio da intraprendere che chissà dove condurrà; magari tra mari e monti, forse direttamente tra le stelle. In qualche via dal nome strano con l'idioma che non capiresti neanche provandoci, ma forte della convinzione che non vorresti sentire altro perché tanto un interprete di buona volontà che ti spieghi e ti indichi lo troverai certamente.
    Ed allora da bravo scout che hai scritto di essere (stato), stai pronto col tuo zaino in spalla, che il treno potrebbe partire da un momento all'altro e se lo perdessi, ed il tuo compagno di viaggi è impaziente, allora sarebbero guai.
    Quindi ti auguro tanta, tantissima fortuna per questa tua avventura e ti auguro che, qualsiasi cosa accada, qualsiasi labirinto tu ti trovi a percorrere, tu possa portarti sempre nel cuore quello che proverai guardando fuori dal finestrino.
    Perché come lessi (no, non il cane come scrivesti tu, e mi sembra giusto ricordare che le tue battute son pessime): l'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa, ma quello che provi mentre corri. E mi sa che quello che c'hai trovato tu è molto bello. Bello davvero.
    Ed allora che posso fare se non augurarvi (ad entrambi, N.B) ancora buona fortuna e soprattutto buon viaggio?

    ..La tua fama è ben meritata Ispanico, non credo che ci sia mai stato un gladiatore come te..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola :)
      Intuisci tutto più che bene, mi complimento con te ^^ ma seriamente, hai trovato la metafora giusta, è stata una grande e bellissima sorpresa che non aspettavo e non mi aspettavo, improvvisa e dirompente. E allora ti assicuro che non potevo far altro che scendere nell'arena, dove infatti ora mi trovo mentre ti scrivo, e dove le vecchie cicatrici sono ovviamente visibili a chi assiste allo spettacolo ma "esistono" solo come tali, sono chiuse, ferite che non sanguinano più e quindi.. non sono ormai più di un ricordo, non bloccano nulla, hanno smesso di avere importanza per me :) Quello che ora mi importa davvero ed unicamente è arrivare alla meta prefissata, poi non so dirti se io sia il "buono" e quindi merito di vincere, so che "ci sono", ci voglio essere e soprattutto.. che desidero vincere, pienamente e trionfalmente :) qui, in questa battaglia, non ci si può accontentare, voglio tutto e proverò quindi a prendermi tutto e nulla di meno ;)
      Perciò si, vado e continuerò ad andare verso la destinazione che sto cercando, e per le lingue si, mi sto attrezzando e mi sono trovato un ottima guida ed interprete, indossa una pelle di tigre, ha mille storie da raccontare e non dice mai nulla di banale. Insomma cammino e ci arrivo pure a piedi, poi i treni passano, ma quello che serve a me è ancora alla stazione precedente mi han detto, però alla prossima, ma anche in corsa se servisse, non lo mancherò, perché se è impaziente il compagno di viaggio non sai quanto posso esserlo io :)
      Fortuna? Certo, quella è sempre utile ma qui sta sicura che la "cosa" non sarà determinata solo dalla fortuna, c'è in ballo e in gioco molto di più per lasciar scegliere il caso :) e so quello che provo, lo sento benissimo proprio adesso e me lo ricorderò, ma il mio obiettivo è ricordare le cose ancora più belle e intense che sto andando a prendermi. Perché te l'ho detto, io vado per vincere e per prendermi tutto, onori e oneri che la VITTORIA porterà con se :)
      Ti terrò informata, contaci, e grazie per il tuo augurio.. mi servirà perché questa è davvero una grande impresa, ma dovessi riuscire a compierla.. stà certa che sarebbe qualcosa destinato a riecheggiare nell'eternità. Voglio che lo sia ;)

      Ciao, buona serata :)

      Elimina
  4. Caspita, le tue parole mi hanno dato una carica come e più di un buon pezzo ad alto volume!! Sono davvero, davvero felice per te e spero tanto che riuscirai ad ottenere ciò per cui ti sei così bene equipaggiato!
    Buona fortuna! (E, ovviamente, aggiornaci, che qui siam curiosi... :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale! :) davvero ti hanno fatto questo effetto?! bene, è una bella cosa :)
      Io pure sono felice, ma spero, penso e voglio esserlo di più, perché so che LÌ è davvero possibile :) perciò.. vediamo, la "campagna" è partita, il campo base è alle spalle ed il percorso è ben tracciato ;)

      Bacio a te, sei sempre molto dolce :)

      Elimina
  5. Per certa musica il voume alto è quasi di rigore, almeno per me è così. Poi ci sono tipi diversi in cui il volume ridotto le rende molto confidenziali come dici tu.
    Hai preso una decisione, non è mai facile la scelta. Vai avanti e non fermarti, non guardare nemmeno indietro. Il futuro è solamente nelle tue mani. Buona serata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh, io sicuramente non ho la minima intenzione né di fermarmi né di guardare indietro.. :) l'unica cosa che mi interessa è quel che ho davanti, nel mio futuro che, percorrendo questa via fino in fondo, "sento" sarebbe bellissimo, non sono mai stato più sicuro di qualcosa :) perciò.. punto al meglio, faccio il massimo e vediamo cosa succede ;) E' l'unico modo che ho per vincere :)

      Buona serata anche a te, e grazie :)

      Elimina
  6. Allora, mi pare di cogliere che "Questa cosa" abbia grande, grandissima importanza per te.
    Quindi (e te lo dice una che stava in uno stagno d'acqua ferma), tu fai tutto, tutto quello che è nelle tue possibilità. Oltre, non puoi. Ma devi poterti dire, comunque vada, che tu non hai risparmiato nulla.
    Baci! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ti "pare" decisamente bene :) E assolutamente, sto facendo così, voglio fare così e continuerò sicuramente a farlo, al massimo. E poi vediamo :)

      Baci a te cara maestra :)

      Elimina
  7. Tutto il discorso sul suono e i volumi alti lo condivido in pieno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il resto invece non son stato convincente? ^^
      Piacere di conoscerti e grazie del commento, ora ovviamente vado a vedere il tuo spazio, è doveroso ;)
      Buona serata :)

      Elimina
    2. Io amo il rock e ha senso ascoltarlo a un volume alto affinchè si sprigioni la carica e l'energia prorompente tipico di quel genere di musica; un volume troppo basso lo smorzerebbe in potenza e impatto sull'animo. Quando frequentavo il liceo praticamente ascoltavo solo rock,se mi inoltravo fuori dal cerchio sforavo di brutto nel metal. Negli ultimi anni mi sono lasciata andare e ascolto di tutto, sono curiosa di conoscere playlist nuove :) Negli ultimi mesi mi sono bloccata male con Lana Del rey,non so se la conosci :P

      Elimina
    3. No, sinceramente non conosco... ci butto un orecchio allora :)
      Io ho ascoltato "alzando il volume" cose piuttosto classiche, Metallica ecc... quelle avevo del resto :) è che sono più per musiche più "ragionate", però c'è anche tanto bisogno pure di quel genere lì a volte, per prendere carica :)

      Elimina
    4. Nothing else matter <3 Bella,dei Metallica,appunto. Comunque,pur discostandomi dall'ascoltare un solo genere musicale o due,non riesco e non voglio liberarmi mai del tutto del Goth Metal,molto tragico come sound,e si avvale di buone basi strumentali solitamente,quindi ci sguazzo dentro come una bimba che gioca felice in una pozza di fango :D

      Elimina
  8. Come dice il buon Bukowski "se vuoi provarci fallo fino in fondo altrimenti non iniziare neanche"...go Mauri go!!
    In bocca al lupo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si carissima sister, fino in fondo ci sto andando e ci andrò, condivido a pieno il concetto, altrimenti me ne restavo sul terrazzo a dar da mangiare alle galline ^^

      Buona serata a te e.. grazie :)

      Elimina
  9. Confesso che questo post l'avevo già letto ieri, ma prima di lasciare un commento ho voluto prendermi la calma necessaria e il tempo di rileggerlo bene. E ti ho visto. Ti ho visto con le tue cuffie sparate a palla nelle orecchie (checchè se ne dica certa musica merita anche la perdita di qualche decibel! ^--^) e con un sorriso stampato in faccia.
    E' meravigliosa la tua consapevolezza, la tua determinazione. Il tuo voler vedere se le stesse cose le avresti sentite/provate anche imponendoti per un attimo di non sognare.
    L'amore è sogno. A volte solo un sogno dietro le ciglia ma quando si è fortunati è un sogno a mente lucida da vivere e condividere e per cui vale sempre la pena di lottare..anche a mani nude!
    La vittoria è già nei tuoi occhi e nelle tue mani e... non vedo l'ora di sentire del tuo trionfo ed esultare per e con te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carissima :) Ti ringrazio per la "briga" che ti sei presa, addirittura più tempo e una ri-lettura... mi sento VIP, ihihih ^^
      Comunque si, hai visto giusto e bene, sorriso stampato in faccia in primis :D E hai colto esattamente il motivo del "tentativo" fatto con la musica alta... per vedere insomma se variando i fattori cambiava il risultato, ed invece è uscito sempre quello :)
      Per il resto... vediamo, la cosa si evolve, poi evito di essere più specifico o di camminare troppo lontano da terra (anche se è dura ^^) perchè sono anche parecchio scaramantico su queste cose quindi... meglio rimanerlo, che non si sa mai ^^ Però certo, la vittoria e il trionfo sono una gran bella prospettiva in cui credo, prima ancora che spero, fortemente :)

      Vediamo dai... un bacione a te! :)

      Elimina