lunedì 10 febbraio 2014

Il Ranocchio, il Pinguino ed il Principe

C'era una volta, in una foresta incantata, un ranocchio verde e sorridente che viveva felice nel suo stagno, dove l'acqua era limpida e poteva saltare da una ninfea all'altra o nuotare spensierato per tutto il tempo che desiderasse. Nessuno lo disturbava e lui a sua volta faceva altrettanto, si faceva bastare il suo bel mondo, amava bagnarsi sotto la piccola cascata che immetteva direttamente nello stagno da una parete di rocce ed il senso di protezione e al contempo sicurezza che tutto ciò gli trasmetteva, non avvertendo così l'esigenza, pur potendo farlo, di mettere il suo nasino di ranocchio fuori da quel bellissimo specchio d'acqua a lui tanto caro. Sempre in quel magico tempo e luogo c'era anche un piccolo pinguino che veniva dal Polo Nord. Non fosse stato per il buffo cappottino color giallo canarino che indossava sempre assieme ad uno zainetto sulla spalla sarebbe potuto essere scambiato per un pinguino qualunque, invece ovviamente vestendo quell'abito colorato spiccava in maniera distinta tra gli altri, catturandone l'attenzione. Eppure il suo obiettivo non era quello di rendersi diverso per essere guardato, piuttosto di essere differente dagli altri per poter guardare, lui e a modo suo, il mondo che lo circondava e che aveva tanta voglia di conoscere ed esplorare. Diversamente dal ranocchio, insomma, era mosso da un fortissimo desiderio di conoscenza e nuove esperienze. E poi, infine, come in ogni fiaba che si rispetti ecco arrivare sul suo destriero bianco un bellissimo principe. Colore dell'abito, nemmeno a dirlo, azzurro, sguardo fiero di chi sa ciò che vuole e conosce tutto quello che si trova attorno a lui, di chi ha visto il mondo e ne è pienamente consapevole al punto da poterlo descrivere in ogni dettaglio a chi gli domanda dei suoi viaggi e delle sue imprese. E stessa cosa potrebbe fare col volto d'angelo della sua bellissima principessa, della quale è in cerca da una vita, per la quale ha affrontato ed ancora affronterà mille peripezie. Insomma, tre personaggi diversi e apparentemente incompatibili tra loro, uno praticamente in cerca di nulla, che basta a se stesso e si fa bastare ciò che ha, un altro invece mosso da un desiderio di viaggi, scoperte, partenze all'avventura "armato" solo del suo buffo cappottino giallo e della meraviglia e lo stupore che ha nel cuore e l'ultimo, da par suo, ormai navigato conoscitore delle cose e del mondo, alla ricerca perciò dell'unico pezzo che manca nella sua vita piena di peripezie, dell'ultimo tassello che mandi perfettamente al suo posto ogni tessera del puzzle che va componendo da sempre. Eppure, se si fa attenzione alle piccole cose non fermandosi all'apparenza, si scopre che qualcosa in comune ce l'hanno tutti e tre, e se ne accorgono mentre il ranocchio si guarda nell'acqua del suo stagno tranquillo, mentre il pinguino si osserva riflesso sulle finestre della casa dove il suo viaggio lo ha appena portato, mentre il principe rimira allo specchio la sua immagine tanto ambita e quel suo sguardo in cui... ritrova gli stessi occhi del ranocchio e quelli del pinguino col cappotto giallo, come se fossero, ognuno di loro, parte l'uno dell'altro. Come se fossero, tutti e tre, momenti distinti del percorso di un solo individuo, corpi differenti per la stessa anima, che prima era ranocchio capace di bastare a se stesso e contento della sua individualità, poi si è evoluta in quella del pinguino viaggiatore, che ha le ali ma non può volare però non per questo rinuncia a cercare ed a percorrere la sua strada, infine eccolo diventare un principe, che ha visto tutto e fatto tanto, e adesso va alla ricerca della completezza finale che metta a posto ogni pezzo della sua esistenza.
Ovviamente è fantasia, tanta ed anche un pò infantile, però in tutte le storie c'è sempre un fondo di verità, ed allora... chissà, chissà che da qualche parte non ci sia davvero questo strano personaggio con l'aspetto di un ranocchio, il giubotto giallo canarino del pinguino e le tasche piene di biglietti e orari di voli e treni presi e da prendere, e l'animo nobile del principe dentro al cuore. Chissà... io penso che ci sia, e che sta guardando proprio lì dove ha sempre guardato, non abbassa lo sguardo e, tra milioni di persone, osserva la principessa del suo cuore sperando che lei si accorga di lui. Perchè, quando lo farà, lo troverà pronto, visto che lui resta lì a guardarla, è da sempre lì a guardarla, in modo che appena gli occhi della bella fanciulla che vive in quell'alta torre del castello che pare sconfinare tra le stelle incroceranno i suoi... questa fiaba non potrà che finire con il più classico degli "e vissero tutti felici e contenti", come si conviene ad ogni favola degna di questo nome. Forse è già successo, forse sta succedendo proprio adesso, lì, in quel regno fantastico da qualche parte oltre l'arcobaleno ma... in realtà, molto molto più vicino a noi di quanto non si creda :)


Alla prossima ;)

22 commenti:

  1. Bellissimo post, Mau!
    Sì, tutte e tre le anime sono parte di un insieme più grande, che è quello probabilmente di ogni uomo. Tre sfumature diverse che prendono piede ora una volta, ora l'altra.
    La principessa c'è per tutti^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz :)
      Ti ringrazio, la favola tra l'altro è "nata" ieri notte, subito dopo la mezzanotte, assolutamente a caso ma... mi è piaciuto immaginarla, inventarla e raccontarla, ed allora... ho deciso, stamattina, di provare a farci sopra un post. Non so come sia uscito, in fondo mancano diversi pezzi tra l'inizio e la fine ma... forse, in realtà, c'è già tutto così, è un buon "canovaccio" perchè poi, ognuno, sviluppi la storia e quei personaggi come vuole. Io, da parte mia, non fatico ad immaginare nè il ranocchio, nè il principe nè il pinguino con tutti i suoi dettagli... e, penso, non sono il solo a poterli immaginare e vedere perfettamente, anche lì nella torre più alta del castello so che vedono quel che vedo io. E questa è la cosa più bella :)

      Buona giornata a te :)

      Elimina
  2. eh che dire Mauri,quando lo scriverai un bel libro di fiabe? no perchè questa mi è piaciuta assai! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Streghetta :)
      Come dicevo un attimo fa a Moz nel commentino poco più su, è una fiaba nata davvero "a caso", e che volendo si può sviluppare in mille modi diversi, tra il "rinconoscersi" dei tre personaggi in uno solo e l'immancabile "e vissero felici e contenti" finale, con la bella principessa al fianco del protagonista della storia :) Sono contento ti sia piaciuta, quanto ad inventare... diciamo che penso di essermela sempre abbastanza cavata in questo ambito, per esempio una volta da piccolino scrissi una storia sui pirati che devo ancora avere da qualche parte, e un soggettino per uno spettacolo sugli animali... ihihi, che tempi ^^ E poi, ma qui non c'entrano le fiabe, al Liceo inventavo letteralmente le versioni di Greco... ihihi ^^ e la professoressa mi diceva che non era letterale, ma a livello di tecnica e fantasia era scritta meglio dell'originale :D

      Buona giornata a te, attendiamo notizie... ;)

      Elimina
  3. Mi piace l'idea che una sola persona possa avere dentro di sé tre anime tanto diverse quanto complementari... bella fiaba Maurizio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, penso che sia una bella idea, e che forse non sia poi così impossibile trovare qualcuno che le possegga tutte assieme, magari osservando bene attorno a noi :)

      Ciao Vale! :)

      Elimina
  4. Bella questa...complimenti :)
    La bellezza dell'animo umano sta proprio nella sua complessa semplicità, sfaccettature che ci rendono quello che siamo nel bene e nel male...
    Ciaoooo Mauri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lila, hai proprio ragione, la bellezza, oltre che ovviamente nell'estetica che ha sempre il suo colpo d'occhio innegabile, per tutto e tutti, sta soprattutto nell'anima delle persone, e in quelle piccole e grandi sfaccettature che, tutte assieme, determinano poi l'identità di ognuno di noi :)

      Ciao, buon pomeriggio :)

      Elimina
  5. Maurizio, pensa che fortunata la principessa che trova il ranocchio, il pinguino ed il principe più belli del mondo.
    Vedere dalla torre, lontano, il principe (senza cavallo, ti prego, lo sai che ne ho paura (dai scatena l'ironia)) con gli occhi più belli del mondo e riconoscerlo immediatamente. Nonostante tutto e tutti.

    E poi la principessa lancia un'ascia al trio, che in realtà è un solista, per farsi notare ihih, e finalmente l'ammmmore trionfa *.*

    Tu sei tutto. Il mio bellissimo ranocchio che dentro ha il cuore da gladiatore (va beh, dai, facciamolo diventare in quartetto, so che tu lo concederai ihih); il mio dolcissimo pinguino che mi fa vedere il mondo come nessuno lo ha mai mostrato.

    Sei tutto (mio).

    E sei pure bellissimo, è giusto dirlo pubblicamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio però a dove la lancia l'ascia... che magari fa danni gravi, tipo mozzare mani, teste... e non è bello ^^

      Sul resto... che ti posso dire... parliamo sempre e tanto, tantissimo, senza mai smettere e senza mai annoiarci l'uno dell'altra (o almeno, tu non annoi me, io forse te si, per quanto chiacchiero ^^), quindi sappiamo tanto "di più" di quello che ci scriviamo qui, anche se scriverci, qui, è bellissimo, perchè è dove è nato tutto, e dove tutto rimarrà sempre, come un bellissimo diario virtuale ma tremendamente reale. Reale come noi, come te soprattutto, come la tua anima bellissima al pari di qualsiasi altra tua caratteristica, interiore ed esteriore. Non sono certo io il "bellissimo" del duo, senza dubbi, e lo sai, ti basta guardare quelle fotine per vedere che la tua "metà" è sempre la più "wowosa"! ^^ E nuove ne arriveranno... presto :) e così potranno confermare questa mii affermazione :)
      Detto questo, è bello guardare il mondo con te, e attraverso di te... e si, mi sento assolutamente tutto tuo, e mi piace, mi piace dirlo poi perchè era quanto di più lontano da me, prima. Appunto, prima, non adesso, perchè adesso, ora, ci sei tu, e tu hai cambiato tutto. Per sempre.

      Un bacio grande a te... :-*

      Elimina
  6. Domani la leggo ai miei nani :)))
    Un bacio Maurì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh, addirittura! ^^ Ne sarei onorato, ma si poteva scrivere meglio, e soprattutto "evolvere" parecchio, tra premessa ed epilogo :) Magari ci penserò ^^

      Ciao a te! ;)

      Elimina
  7. rischio di essere "ripetitiva" a fronte dei commenti sopra.. ma davvero.. scrivilo, il libro :-)

    buon martedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari mi ritirerò in una baita in legno tra i boschi, stile "Secret Window" (il film con Johnny Depp), a scriverlo... ahaha ^^

      Buon mercoledi a te ;)

      Elimina
  8. Mentre leggevo pensavo alla principessa che tentava di sventolare dalla torre quella pesantissima bandiera del Ruanda (verde, gialla e azzurra), rimasuglio di vecchie campagne colonialiste, rinvenuta nella cella dove era rinchiusa da secoli, per farsi finalmente notare da quei tre megalomani vanesi che stavano tutto il giorno a rimirarsi... e non tira neanche una zozza bava di vento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, ma come te le inventi queste?! ^^ Un trio di "guardoni" comunque, hai ragione :D

      Ciao ^^

      Elimina
  9. Caro Maurizio abbiamo bisogno di storie d'amore che finiscono come nelle favole. Coraggio allora impegnati! Il cantante del video è incredibile e mi piace molto. Peccato che non si veda, cmq stupende le immagini e la canzone. Bacione e buon inizio di settimana ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, è sempre un piacere ricevere i tuoi commenti che mi lasciano ogni volta con il sorriso :) il cantante credo sia purtroppo passato a miglior vita, almeno così mi sembra di aver letto, comunque si, molto bravo, io ovviamente ho scelto questa versione con le immagini per abbinare al meglio la canzone alla fiaba. Quanto all'impegno, ce la sto mettendo tutta ^^
      Buonissima settimana a te :)

      Elimina
  10. Le cose semplici,soppropriolepiùbelle.

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, assolutamente d'accordo :)
      Grazie del tuo passaggio e del commento, buona serata :)

      Elimina
  11. Gli occhi, negli occhi c'è racchiuso il senso di chi si è veramente.
    Questa fiaba è magica, risveglia il bambino che c'è in noi e gli ricorda che l'amore è prima di tutto.
    Complimenti davvero, scrivi in maniera coinvolgente.....che dire? di nuovo wow!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Dici bene, negli occhi è racchiuso davvero tutto quello che siamo, ed ognuno di noi guarda le cose, come anche le persone, in un certo modo tutto suo. E ad ogni modo, ad ogni osservatore e quindi occhio, corrisponde una diversa prospettiva della medesima cosa :)
      Grazie del bel complimento che mi hai fatto, pensare di saper coinvolgere è una bella sensazione, e poi si, l'amore viene davvero prima di tutto, deve essere una priorità, anche perché è capace di cambiarti e salvarti la vita. Eh si :)

      Buona domenica ;)

      Elimina