lunedì 7 aprile 2014

Ritmo

Tranquilli, non è un post sulla gloriosa automobile anni '80 della Fiat che andava a veleno, non benzina, e spopolava in moltissimi film dell' epoca come anche sulle strade. No, il protagonista di questo pezzo è IL ritmo, nella sua più ampia accezione perchè, a ben vedere, si può utilizzare questo termine per indicare svariate cose, sensazioni e situazioni. Ed allora dai, non indugiamo oltre ed addentriamoci gioiosi nel meraviglioso mondo del ritmo!
Per ritmo possiamo innanzitutto intendere quello di una musica, alludendo quindi al tempo musicale di un brano, ma esiste pure ad esempio il ritmo di una camminata, di una corsa, dello svolgimento di un lavoro, ed in questo caso ci si riferisce alla velocità di un nostro (o altrui) effettivo movimento. Ritmo dell' orecchio e ritmo del movimento insomma, ma non finisce qui, perchè entrando nella sfera più "mentale" esistono il ritmo delle giornate, che indica il modo più o meno frenetico che abbiamo di viverle, il ritmo dei nostri pensieri e delle nostre idee, che viaggiano su tempi sempre vari a seconda dell' intensità con la quale questi vengono a "frullarci" in mente e, anche, il ritmo delle emozioni. Ecco, di queste ultime vi ho recentemente parlato, nello specifico della magia del trasferimento di ciò che si prova da una persona ad un altra, oltretutto casualmente in quell' occasione l' emozione trasmessa è partita proprio da... un ritmo, quello del battito di un cuoricino piccolo piccolo ma già tanto forte, ascoltato durante una delle ultime visite prima del lietissimo evento :) Insomma, potremmo dire che la nostra vita è un insieme di ritmi che vengono fatti coesistere venendo in questo modo a creare la nostra personalissima musica, diversa da quella di chiunque altro: alcuni saranno così persone dal ritmo incalzante, rumoroso, frequentissimo, altre invece tutto l'opposto, dai ritmi leggeri e controllati, altre ancora un mix di entrambe le cose... ma il bello dei ritmi è che sono liberi, possono variare a nostro piacimento, diventando così da dilatati ad incalzanti e viceversa. Possiamo insomma determinare autonomamente su che ritmo sintonizzare la nostra vita, se scendere o salire all'improvviso, a volte possiamo addirittura decidere di fermarlo del tutto o quasi. Quel che invece non possiamo prevedere, e spesso controllare, è quando la presenza di qualcun' altro arriva a cambiare il nostro ritmo, quando insomma un ritmo altrui "entra" nel nostro, e non potendo certo andare fuori tempo a quel punto è naturale conseguenza che ci si sincronizzi. Ad esempio, io fino ad inizio autunno avevo un mio ritmo ormai abbastanza consolidato, mi ci trovavo anche piuttosto bene, magari aveva qualche "stonatura" qui e lì e qualche buchetto sonoro qua e là, ma non ci si poteva assolutamente lamentare: era il mio e ci stavo bene dentro. Ecco, adesso è passato l' autunno, finito l'inverno ed iniziata la primavera e, se ORA dovessi rientrare in quel ritmo che pure tanto trovavo "calzante" per me... proprio non riuscirei. Non ce la farei perchè ho scoperto tempi diversi, ho dilatato la metrica degli istanti e degli attimi riempiendoli di note che credevo non ci stessero, eppure... ci stanno, e anche benissimo! E così, oggi, il mio ritmo è di quelli belli pieni, di quelli che vanno forte forte senza però disturbare, soprattutto senza stancare mai, e paradossalmente per quanto sia ormai diventato ricco delle più incredibili e perfette sonorità mi mette continuamente voglia di aggiungerci qualcosa, mai e poi mai di levarne. Insomma, stavo bene nel mio vecchio ritmo ma adesso amo questo e non sarei assolutamente in grado di cambiarlo con qualcosa di diverso :) Si, non ne sarei davvero capace, ormai siamo "sederino e camicia" io e lui, pensate che ieri pomeriggio dopo aver ricevuto una notizia super il mio ritmo è andato su di giri, direi pure fuori giri, ma io ho tenuto botta, perchè ormai ho imparato a conoscerlo e a capire che questo ritmo è così, ti prende, ti avvolge, ti coinvolge, e tu non puoi che farti trovare sempre pronto perchè non sai mai quando deciderà di aumentare la sua già frenetica intensità, quindi devi essere preparato ad andargli dietro.
Mi piace il mio ritmo, cavolo se mi piace, quando mi porta appunto fuori giri trasmettendomi il brivido della novità e dell' euforia ma in generale in praticamente ogni momento, per la sua straordinaria capacità di rendere nuovo e diverso anche ciò che si trova in me ed attorno a me da sempre solo che semplicemente, adesso, sono in grado di viverlo con la giusta intensità, da una prospettiva "ritmica" differente che dà quindi un senso diverso al tutto :) Mi piace quanto mi fa sentire vivo, quanto mi fa percepire pienamente calato dentro tutto quello che faccio e che desidero fare, amo la spinta adrenalinica tramutata in voglia di fare che mi trasmette e che mi permette di credere, e non provate a convincermi del contrario perchè sono un capoccione niente male io, che qualsiasi cosa desidero è possibile. Ed è ad un passo da me, raggiungibile e "inglobabile" nel mio ritmo, già perfetto così com'è, se desidero mettercela.
Insomma, ad ognuno il suo ritmo ed a me il mio, che è in continua evoluzione e che penso sia prossimo a ulteriori, fantastici, cambiamenti di frequenza, perchè ci sono così tante note meravigliose ancora da conoscere e da porre quindi nel mio spartito. Sono tutte attorno a me e le posso praticamente quasi toccare con mano per quanto le vedo vicine, magari con l' aiuto di qualcuno posso inserirle al meglio nel mio ritmo e, direi, la persona giusta per questo "affare"... ce l'ho. Anche perchè, in musica, non sono mai stato un campione, quindi un sostegno professionale e competente (eh se lo è! un genio in ogni materia, una tuttologa! ^^) sarà sicuramente utile e, secondo me, il ritmo che ne verrà fuori... sarà davvero niente male! :)

Perciò, beh, orecchie tese e teniamo il tempo!


Alla prossima! :)

20 commenti:

  1. Cavolo, avresti dovuto linkare "Ritmo" come canzone :)
    Comunque, capisco il tuo punto di vista e lo condivido: ognuno ha il suo ritmo, e bisogna trovare chi ha un ritmo simile al tuo. Ma non uguale, perché è bello anche vedere altri tempi ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'ho pensato alla mitica canzone dei Litfiba, sai? Poi però ho convenuto che su di loro hai tu l'esclusiva ^^ l'hai pure usata in un tuo pezzo di qualche tempo fa :)
      Quanto al ritmo di cui si parlava nel post, dici bene, trovare ritmi diversi ma che stanno benissimo nel nostro è il massimo! :)

      Elimina
  2. Sono sicuro che Paola ti ha mandato piacevolmente fuori ritmo e ti sei fantasticamente adeguato, come lei al tuo. Ed è una bellissima jam session la vostra, che crea un'armonia da suoni apparentemente diversi.. (me sto a guadagna' la prima fila dai, ammettilo..) "...La luce che hai intorno
    Di notte e di giorno
    E Il ritmo che hai dentro
    Nel petto e nel cuore
    Quello che ti muove
    E quello che fa rumore..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo devo ammettere, a 'sto giro... sei stato "dolce come er zucchero" ^^ Guadagni posti, poi Lei è artisticamente (e fermamose là sennò v'accoppo a tutt' e due! ^^) "colpita" da te, quindi.. diciamo che hai praticamente 3/4 di invito già in cassaforte, se poi ci abbini questi commenti.. è fatta! :)))
      Ma ironie a parte, hai scritto parole molto belle, delle quali non posso che darti conferma entusiasta e ringraziarti sinceramente :) bella anche la citazione della ri-edizione di "Tieni il tempo", fatta con Jovanotti per il ventennale della carriera di Max ;)

      Elimina
  3. Oddio questa canzone..è di quelle che anche se le risento dopo dieci anni ricordo a memoria le parole! :)) Mi sento vecchia XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, allora siamo in due ^^ del resto "il ritmo non finisce maaaai", no? Neanche dopo 10 anni :))))
      Un pezzo storico, non certo una perla ma è di quelli che ha fatto un epoca, e che di colpo, ascoltandolo, ti ci riporta :)

      Elimina
  4. Ah il ritmo dell'ammmore ♥_♥
    Comunque volevo dire che è un po' come in quei casi rarissimi che c'è un pezzo che ti piace e pensi sia bello, poi arriva uno che ci fa una cover cambiando e aggiungendo note e scopri che ti piace più dell'originale...
    Sì le metafore non sono il mio forte ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece ti dirò che ti è venuta molto bene questa metafora, si capisce perfettamente ciò che volevi dire, e mi trovo d'accordo :) Anche se generalmente non amo le cover, però alcune effettivamente superano l'originale che già mi piaceva (certe altre invece sono improponibili, ma vabbè ^^)

      Buon pomeriggio! :)

      Elimina
  5. Questo è un elogio del ritmo!
    Anche io inizialmente avevo pensato alla vecchia auto degli anni 80 ad essere sincera =) , ma continuando a leggere ho trovato tanta serenità e spensieratezza.
    Mi hai fatto pensare a tutto il bello che c'è da cogliere in questa vita, basta solo seguire e ascoltare il ritmo del proprio cuore.
    Ci sono volte in cui dobbiamo ricordarcelo, quello volte in cui il ritmo non si riesce proprio a tenerlo, diventa quasi una sfida con se stessi, troppo lento o troppo frenetico e tu che non trovi il tuo, che non appartiene né all'uno né all'altro, allora li ti fermi.
    Devi ascoltarti, ascoltare il tuo ritmo.

    Ciao ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Ritmo è indelebile nella mente di tutti ^^ Ricordo la mamma di un mio amico che veniva dalla provincia, e che alle elementari (già anni '90) veniva a prenderlo con questa Ritmo celeste, con quelle maniglie di apertura particolarissime... che tempi! :D
      Molto bella la tua riflessione, a cominciare dal pensiero di poter trasmettere serenità e spensieratezza in quello che scrivo, cose positive insomma, e se questo davvero mi riesce non posso che esserne soddisfattissimo :) E poi si, il concetto fondamentale è proprio quello che hai evidenziato tu, se ascoltiamo il ritmo del nostro cuore allora ecco che scopriremo di avere attorno a noi un'infinità di cose che magari son sempre state lì ma che, adesso, sappiamo cogliere, con questo ritmo speciale che abbiamo imparato ad assecondare. Ovviamente si, non è sempre facile ascoltarlo perchè a volte c'è confusione, in noi e all'esterno, ma in quei casi l'importante è riuscire, fermandosi un momento, a ritrovarlo, per poi... ripartire al nostro ritmo :)

      Buon pomeriggio a te :)

      Elimina
  6. Ah gli 883...
    Quanti ricordi :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, la prima musicassetta (La Dura Legge del Gol - 1997) e il primo CD (Gli Anni - 1998) che ho comprato coi miei soldini, ancora in lire ^^ Ma ovviamente avevo anche i 3 album precedenti più il Remix :) Bei tempi ^^

      Elimina
  7. Mantieni il tuo ritmo allora...il mio è più calmo di anni fa, però non disdegno se si fa più veloce ogni tanto, è bello viverlo e sentirlo ^_^ Evviva gli 883!! Buona serata caro Maurizio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo mantengo assolutamente Sara, mi piace proprio tanto :)
      E quanto al tuo, non contano gli anni, se ce l'hai ce l'hai, non si perde mai il nostro ritmo. Magari può modificarsi un pochino, ma sta sempre lì pronto a farsi riscoprire. Un po' come gli 883 ^^

      Buonissima serata a te :)

      Elimina
  8. Bello trovarsi avvolti da un ritmo che ci fa stare bene, che non si fsa rincorrere e neanche trascinare!!
    Io amo il ritmo in levare, perché anche nei momenti peggiori mi fsa venire voglia di ballare, di sorridere, di muovermi più veloce!
    Goditi il tuo ritmo ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il ritmo migliore è proprio quello che ci fa stare bene, poi la frequenza può variare, perché ci sono momenti in cui è bello accelerare ma anche altri in cui ti godi un ritmo più basso, ma ugualmente appagante, quelle occasioni in cui per capirci sei in pace con tutto e tutti anche stando semplicemente fermo, magari con chi ami al tuo fianco.
      Certamente comunque quello in levare, in crescendo, è davvero uno dei migliori ritmi possibili, mi trovi pienamente d'accordo :)

      Buona serata a te :)

      Elimina
  9. Sapevo avrei fatto bene a non commentare subito.

    Ritmo.

    Tutto quello che facciamo in fondo ha un ritmo. Tutto quello che diciamo.
    Ritmo. Siamo miliardi al mondo, eppure nessun ritmo è completamente uguale ad un altro.
    Ed è bellissimo; cerchi, ti chiedi se esiste qualcuno che riesca a raggiungere la tua lunghezza d'onda, se, tanto per riferirci ad un ritmo musicale, qualche bravo musicista sarà in grado di riempire il tuo pentagramma con le note che desideri.

    Io ho ascoltato qualcosa di bellissimo.
    Credevo che il ritmo per me fosse uno di quelli prepotenti. Che di notte ti lascia il boato nelle orecchie per ore.
    Uno di quelli sempre incalzante, come fosse la scena principale di un Thriller.

    Poi un giorno ascolto un ritmo delicato. Delicato ma sempre in crescendo. E quando ho capito che semplicemente ero io a non riuscire a percepirlo prima per chissà quali motivi ma che in fondo l'ho sempre avuto da qualche parte nel cuore, ho intuito che era quello giusto. Dovevo solo farlo andare senza intralciare nulla, perché nulla c'era da cambiare.

    Io non lo so cosa mi ha portato a te, so solo che non voglio più rinunciare al ritmo che hai dato alla mia vita.

    Oggi.. Tutto qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, posso confermarti che il tuo commento "postumo", per mille ovvie ragioni che solo noi possiamo capire, hai finito per farlo proprio al momento giusto, in quell' attimo "di eterno e di profondo" in cui si incastrava perfettamente. Nella sua non eccessiva lunghezza, usando poche parole ma estremamente incisive, sei riuscita a trasmettermi qualcosa di eccezionale, come eccezionale sei tu, mio dolcissimo e bellissimo amore.
      Tu sei il ritmo più bello, sei la lunghezza d'onda sulla quale sintonizzarmi non è uno sforzo bensì naturale conseguenza, voglia insita in me di essere con te, di stare con te, di avere te. Al mio fianco, nella mia vita. Anch' io, e lo sai bene, mi ponevo quelle stesse domande, mi domandavo se davvero esistesse qualcuno così, poi arrivi tu e superi di gran lunga la mia migliore aspettativa! risultando il ritmo perfetto per me, perchè io, forse questa è l'unica differenza tra noi, ho sempre saputo quale fosse il ritmo che avrei amato ascoltare, il problema era che non riuscivo proprio a trovarlo, ma sapevo esattamente cosa volevo. Ed ecco perchè, oggi, so esattamente cosa voglio, chi voglio, e perchè lo voglio. Vuoi le risposte a queste tre domande? TE, TE e PERCHE' SEI TE.
      Non c'è nulla che più conta di TE e non c'è nulla di più bello della tua presenza, di un tuo bacio, di un tuo abbraccio, della tua mano stretta nella mia (... e ora "qualcosa" qui in giro ce lo ricorda dolcemente), del tuo sorriso splendido o di te al sicuro tra le mie braccia. Non c'è nulla che più mi appartiene e, al contempo, mi spinge a non accontentarmi mai, a volere "conquistarti" ogni giorno anche se già sei "mia", anche se già ti ho, come se fosse il primo, come se tutto fosse nuovo, come se l'amore che provo per te avesse bisogno di continua celebrazione. Del resto amare un angelo è qualcosa di troppo speciale per confonderlo con l'amore per un comune mortale, e per viverlo quindi allo stesso modo. Perciò, angelo mio, resta sempre con me, perchè io ho tanto bisogno di te, e tutto l'amore del mondo da regalarti. Ogni giorno.

      Io LO SO cosa mi ha portato a te, E SO che non voglio più rinunciare al ritmo che hai dato alla mia vita.

      Oggi, e per sempre... io amo te, amore mio. E il bello è che, questo, è soltanto l'inizio... :)

      Elimina
  10. Prima di tutto, ho dovuto cercare la foto della macchina perchè non la conoscevo; vuoi che non sono troppo appassionata, vuoi che ho 20 anni, insomma non la conoscevo proprio.
    Poi la canzone, è una canzone che mette un energia assurda. Non amo particolarmente gli 883 o pezzali, ma questo brano gasa alla grande.

    E poi che dire, siamo fatti di ritmo. Evviva i ritmi pieni, coinvolgenti!
    Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      La Ritmo è un must, anche se non è che io sia troppo più grande di te, ma comunque c'era la particolarità del mio amico delle elementari, che aveva la mamma con questa Ritmo che non si poteva non notare, sembrava uscita da un altra epoca! :D
      La canzone, beh, il primo Max (quindi con gli 883) ha oggettivamente segnato un epoca, parlo della parte centrale/finale degli anni 90', e questo pezzo è infatti proprio dei primissimi CD. Per capirci, prima che si desse alle ballate un pò "melense" che ormai sforna a ripetizione ^^ gli piaceva la musica da ballare, ne ha fatto spesso riferimenti :)

      Comunque si, viva il ritmo, di cui siamo pieni tutti, a modo nostro! :)

      Buona giornata :)

      Elimina