mercoledì 17 dicembre 2014

Emaro

Emaro ha un nome inusuale, che si legge con l'accento sulla "e".
Emaro è buono, e su questo non c'è dubbio e non ci piove.
Emaro è uno ed uno soltanto, anche se in molti lo confondono e, sbagliando, dicono e credono di averlo visto prima qua e poi là.
Emaro sa fare fieramente bella mostra di se in mezzo al mondo sia col sole che con la tempesta, ma capita anche di vederlo nascondersi nella sua inattesa timidezza al primo soffio di vento o accenno di pioggia.
Emaro vive cose bellissime ed affascinanti che racconta attraverso fiumi di parole coinvolgenti e sincere che sembrano quasi perfette, e sempre Emaro è capace di comunicare le medesime emozioni ai cuori che sanno recepirle facendo parlare soltanto i suoi occhi, senza pronunciare una sillaba.
Emaro a volte grida con tutta la forza che ha per farsi sentire, altre invece se ne sta in silenzio e sembra molle, spaesato, più stanco di un messicano stanco. Eppure riesce a fare almeno altrettanto rumore di quando urla.
Emaro sa muoversi perfettamente con grande sicurezza di se, anche nei percorsi più tortuosi sa avanzare agilmente senza alcun intoppo, eppure talvolta capita che inciampi invece contro tutto e tutti lungo il più semplice dei rettilinei, come chi si è messo la scarpa sinistra al posto della destra.
Emaro sa agire di puro istinto riuscendo sempre a fare la cosa più giusta e più bella, ma Emaro è anche in grando di perdersi in inutili domande che inquietano il prima e ingrossano scioccamente e immotivatamente il dopo di ogni sua azione.
Con tutte le sue contraddizioni e i suoi limiti Emaro se ne va per il mondo, mentre il mondo stesso non si avvede di quanto lui sia indispensabile. Questo invece Emaro lo sa bene, così come sa di essere forte e indistruttibile ma di avere pure continuamente bisogno di darsi attraverso i fatti una prova inequivocabile perché quello che sa di essere diventi quello che davvero è.

Alcuni dicono che Emaro abiti in riva al mare, altri quasi dubitano esista sostenendo di non averlo mai visto in giro. Quelli che non lo ritengono un frutto della fantasia raccontano che si sia stabilito lì dopo che più di qualcuno lo ha malamente scacciato non volendo più sapere di lui. Nonostante questo però in tanti lo vanno cercando, chiedono di lui e di dove trovarlo, anche se non è affatto facile riuscirci visto che ama andarsene al largo con la sua barchetta a vela. Non è certo il più esperto dei navigatori ma ne sa sicuramente parecchio di venti e di barche.
Su di lui si racconta un cuorioso aneddoto: dicono di averlo visto navigare nella bonaccia, e questo sembra alquanto curioso dal momento che la bonaccia è quello stato di totale assenza di vento durante la navigazione che fà risultare il mare calmo e tranquillo, quindi uno scenario perfetto per chi vuol farsi un bagno ma al contempo una vera sciagura per chi veleggia verso luoghi e mete lontane e senza vento a gonfiare le vele finisce alla deriva in balìa corrente.
Ebbene, si dice che Emaro invece sappia navigare ugualmente anche in quel caso, che per lui la bonaccia non esista, che la sua barca se cerca il vento lo trova anche quando sembra non esserci. Ma come può farlo? Come riesce ad avanzare spedito verso il suo obiettivo anche quando per tutti gli altri riuscirci è un' impresa impossibile?
La risposta al questito su Emaro è Emaro stesso. E' l'anagramma del suo nome.



Perciò beh... meno male che Emaro c'è! :)

Alla prossima ;)


20 commenti:

  1. "perché l'emaro è il più grande motore di quell'aereo che è chiuso nell'ecruo, che fa girare e sembrare infinita come una giostra la nostra vita" :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz :)
      A parte che sei molto bravo a risolvere i difficilissimi anagrammi che propongo (^^), mi ha fatto davvero sorridere questo tuo commento perché è la citazione di una canzone che, un ventennio fa (hmmm... che botta pensarci! ^^), era in una recita natalizia che ho fatto alla scuola elementare :) ora non so se anche tu l'hai conosciuta in un contesto simile, sarebbe molto curioso, fammi sapere ^^ in ogni caso mi hai portato alla mente dei bei ricordi che altrimenti sarebbero rimasti impolverati, quindi ti ringrazio per questo singolare, ma graditissimo, avvenimento :)

      Passa una buona serata! :)

      Elimina
    2. E' semplicemente una delle mie canzoni preferite dello Zecchino D'Oro. Da piccolo ero innamorato della cantante che la cantò non durante la gara, ma la interpretava sempre successivamente (anche con Bud Spencer, LOL)
      Felice di averti riportato alla mente bei ricordi!^^
      L'amore è il solo motore :)

      Moz-

      Elimina
    3. Ah, no allo Zecchino d'Oro non credo di averla mai sentita, poi non lo guardavo molto devo dire, ricordo giusto che c'era il Mago Zurlì e che, in gioventù, ci cantava Cristina D'Avena. La mia cultura in merito finisce lì :D
      Comunque si, quella recita la ricordo con molto piacere, ricordo mia nonna che era lì a vedermi, mia madre... bello :)

      Buon fine settimana! :)

      Elimina
    4. Eheh, i tempi in cui eravamo spensierati...
      Buon fine settimana anche a te, Mau!

      Moz-

      Elimina
  2. Risposte
    1. Dici? Non so giudicare, è nato tutto molto a caso, leggendo in internet il nome di un programma di studi di robotica che fanno a Genova (Emaro, appunto) e... poi l'ho associato all'anagramma ed è venuto tutto consequenziale :)

      Elimina
  3. Bellissimo post Maurizio e io non avrei mai riflettuto sull'anagramma se non pensando e poi cercandolo suo web...E invece è proprio tutto ciò che fa girare l'universo, perbacco che stupida sono....
    Dovrei affittarlo questo amore, amico caro, non dico averlo sempre sarebbe troppo...ma qualcosa riuscirei a concludere di questa spesso per me inutile vita, che comunque amo immensamente!
    Bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella :)
      Per l'anagramma, non sono assolutamente portato ma l'idea mi è venuta molto casualmente (lo scrivevo nel commento sopra, a Franco) ed è stata come un illuminazione. Mi ha ispirato il post, insomma, tutto parte dall'anagramma :))))
      E il senso si, era quello, l'amore fa muovere e girare tutto, nei sentimenti tra due persone e, anche, in senso più ampio. Poi lì ci ho ricamato su questa mezza favoletta cercando di mettere in evidenza le sensazioni agli "antipodi" che l'amore porta, a seconda di chi lo vive, di come e di quando :)
      Per il resto, ti mando un grande abbraccio e mi auguro che l'amore riesca a tornare nel tuo cuore e nella tua vita, ci sono tante forme in cui è possibile darne e riceverne, e soprattutto non c'è cuore che non ne necessiti. Nè dolore che possa sopraffarlo. Magari occorre ancora tempo, e va benissimo così, ma sono sicuro che tornerai a sentire il tuo cuore battere forte forte, nel modo più giusto e al momento giusto. Tu, però, non smettere di pensare che sia possibile, siamo noi i protagonisti di quello che viviamo e che ci capita! ;)

      Buon fine settimana ;)

      Elimina
    2. Grazie Maurizietto..anche con il pc che fa i capricci...

      Elimina
  4. Caro Maurizio. Se non ci fosse Emaro saremmo tutti perduti. Col sui compagno Ecruo regala l'unico verso senso alla nostra vita. Che altrimenti sarebbe solo una inutile perdita di tempo. Grazie a lui riusciamo a respirare,urlare, ridere e a volare. Grazie davvero per il bellissimo post. Buona giornata e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella :)
      E' vero, Emaro e Ecruo (Moz ci chiederà i diritti per il nome del secondo? ^^) sono indispensabili per dar senso alla nostra vita, è uno è legato a doppio filo all'altro: non serve a nulla amare senza avere cuore, nè possedere un grande cuore nel quale però non alberga amore :) Unendoli otteniamo emozioni uniche, bellissime e fortissime che danno significato, peso e valore al tempo che abbiamo a disposizione, e al più nobile e coinvolgente dei sentimenti :)

      Grazie a te per le belle parole, un abbraccio e buon fine settimana :)

      Elimina
  5. Io aggiungerei però Lacunfo. Uno degli esserini che spesso ci risolve tanti, ma tanti di quei problemi che, in assenza, neanche Emaro potrebbe farci nulla.. eheh..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra l'anagramma di una parolaccia... sbaglio io o era proprio quello il riferimento? :D

      Elimina
  6. Mi prenderò il mio tempo per leggerlo meglio... io continuo a sostenere che questo Emaro non esista... ;) comunque sia... ti ho taggato su un giochino nel mio blog!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la mia storia fa presenti tutti i vari punti di vista, chi crede esista, chi no, chi è dubbioso... accontento tutti! :D Spero tu possa ricrederti, ovviamente coi fatti, che poi son quelli che contano ;)
      Per il giochino mi hai ovviamente molto incuriosito, quindi corro a leggere! :)

      Buon sabato sera! :)

      Elimina
  7. Proprio un bel post Maurizio! Mi è tanto piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Valeria, in realtà è nato in modo casualissimo ed è un pezzo estremamente semplice, ma mi fa molto piacere saperlo :)

      Buona serata a te :)

      Elimina
  8. Vediamo se finalmente riesco a farti questo commento ^.^ anche se, ammettiamolo, è colpa tua stavolta, eh. Però ti perdono dato che a Natale sono tutti più buoni.

    Il post è bellissimo, molto. Sembra quasi una fiaba, tanto bene hai raccontato le vicende di questo Emaro, che per molti è quasi una finzione, per altri vera e propria ragione di vita.
    Quello che cercavo quando ho provato a scrivere la prima volta, era un commento in cui mi dicevi che, anche se ci speravi, eri quasi sicuro non avresti trovato l'Amore più vero; quello come nelle favole, in cui la persona al tuo fianco è davvero la tua metà perfetta.
    Ed io ovviamente ti sgridavo: eri così dolce e profondo, come saresti potuto rimanere da solo?certo, mica sapevo sarei stata proprio io, però...

    Emaro (però io lo chiamo sempre Amore) ogni tanto fa i capricci, e lo sai bene tu che te ne stai con la più imperfetta di tutte. Emaro qualche volta sembra nascondersi dietro la rabbia, la tristezza, le incomprensioni e così via, lasciando il posto a compagni di viaggio più scomodi, come il simpatico Orgoglio o la snob Testardaggine. Compagni che, in realtà, altro non sono se non frutti della stupidità umana spesso inutile e di troppo. Ma per chi ci crede davvero, Emaro torna sempre. Come nelle migliori storielle in cui il cattivo soccombe. Ti pare che uno che naviga in bonaccia non sappia riprendersi il proprio posto?!

    Emaro esiste; quando se ne va è solo perché ha letto male la propria mappa ed ha raggiunto il posto sbagliato. O è arrivato tardi o troppo presto. Emaro esiste; quando arriva non importa se urla, sussurra, ti abbraccia o ti schiaffeggia,perché sa sempre farsi sentire e notare. Si dice che però non vada cercato. Ha l'assurda vanità di venire lui da te, perché gli appuntamenti programmati non gli stanno bene. La sua dolcezza, la sua bellezza, paradossalmente si abbinano ad una ribellione estrema verso qualsiasi schema: non ha regole, come la guerra, è a volte scorretto, altre imparziale. Spesso fa male. E se lo si intrappola nelle proprie gabbie, pur d'oro che siano, smette di essere Emaro assumendo sembianze diverse senza neppure farsi beccare. Emaro è ingestibile, come impossibile da fermare è l'amico cuore quando Emaro lo ipnotizza.
    Emaro è uno soltano, non ha omonimi nonostante le varie sfumature che riesce a darsi.

    Io l'ho trovato, o meglio, lui ha trovato me. Perché io sono stata buona e brava: non lo cercavo, come piace a lui, e non ho fatto nulla per mettergli il bastone tra le ruote. Però lo dico, lui non se ne stava in riva al mare. Quando io l'ho visto era appena sceso da un treno. Si è nascosto per un po' dentro degli occhi bellissimi, verdi com'è verde la speranza, grandi com'è grande il mondo. Belli com'è bello chi me lo ha portato. Non s'è fatto attendere, mi è bastato un bacio ed un battito impazzito. E se mi chiedi come faccio a saperlo io ti rispondo che quando arriva, lui, non ha bisogno di presentazioni. Lo riconosci e basta. Ecco perché Emaro è quello che è, che ci si voglia credere o meno.

    Ed ecco perché sei tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma colpa mia de che?! dì la verità, ihihihi! ^^ No no, scherzo eh SIA CHIARO A TUTTI, è colpa mia forever and ever in the sky, e sempre così sarà :D anzi, pensavo di farmi una maglia personalizzata con scritto "Colpa Mia" sopra, e quella tua foto in cui mi prendi a "telecomandate" in testa :)))))
      Sono contento il post ti sia piaciuto, e sei dolcissima. Si, tu sai essere davvero dolce quando vuoi, ti sei anche andata a cercare quei vecchi post e commenti, hai una memoria quasi sempre (ahia... rischioooo! ^^ ihihih, perdona tanta insolenza! ^^) perfetta, e quello scambio di commenti con te, che a quel tempo ancora non eri "te" ma stavi già per diventarlo, lo ricordo benissimo. E ricordo che davvero non ci credevo, come non credevi che saresti stata proprio tu, non solo a parole, a farmi convincere che avevi ragione... insomma, talvolta è davvero bello cambiare idea attraverso fatti e persone meravigliose come... te :-*
      Tenerissimo il passaggio centrale su Emaro che non soccombe anche quando lascia campo a quei personaggi più "scomodi", e poi tutte le spiegazioni sulla sua natura... anche tu potresti cimentarti nella scrittura di favolette, ti riuscirebbero anche meglio delle mie, senza dubbio :) Mi hai fatto sorridere, e incantare :)
      E soprattutto (tieniti forte e stampati la pagina ^^) HAI RAGIONE: Emaro è tutto quello che hai scritto, pezzo per pezzo, riga per riga. E Emaro, che è uno e uno soltanto, sei assolutamente TU, per me.
      Amore mio, hai scritto un commento meravigliosamente bello, mi tocca tantissimo e mi emoziona incredibilmente. Rivedere nella mente certi momenti nostri, ripercorrerle e scoprire che, per te, io sono esattamente quello che tu sei per me è un vero spettacolo. Una magia meravigliosa e perfetta che si trasforma in una realtà magnifica SOLO se chi si ama davvero sta insieme. E io e te ci stiamo, ci siamo stati e ci staremo! Perchè cose così solo Emaro, e solo quello vero, può portarle, farle nascere, crearle. Di sicuro, tu sei stata generata da tanto Emaro, tantissimo. Io cercherò, per quanto mi riguarda, di darti tutto l' Emaro che è in me, e che solo per te batte, pulsa... vive.
      Ti amo amore mio, e così sempre sarà perchè solo io so quello che "appare attraverso quel lampo di sole se guardi me": la più grande e immensa bellezza che esista a questo mondo. Tu sei Emaro, tu sei Amore. Il mio.

      Per sempre :-*

      Elimina