lunedì 2 marzo 2015

"La Tua Canzone Preferita?"

Negli ultimi giorni mi è capitato di parlare di preferenze musicali, così ho finito per interrogarmi sul quesito che dà il titolo a questo post: "qual è la mia canzone preferita? e soprattutto, ne ho una?"
Perchè si, anche se a prima vista può sembrare un interrogativo da poco, effettivamente almeno nel mio caso dare una risposta precisa è... praticamente una mission impossible ^^ Intanto perchè non ho un artista di riferimento di cui posso definirmi vero fan, poi certamente ho le mie anche nette preferenze per questo o quel cantante ma per intenderci non sono uno di quelli che colleziona discografie complete o presenzia a più concerti possibili del suo autore preferito, anzi quelli che mi è capitato di vedere sono stati per lo più casuali e anche lontani dal mio gusto, ma questa è un altra storia ^^ E poi perchè se vado indietro anche con la memoria non trovo un pezzo che abbia fatto da colonna sonora a TUTTA la mia vita: sicuramente ci sono stati diversi brani che ho ascoltato e sentito molto miei in specifici e differenti momenti, del resto credo che associare un evento, un periodo o qualcuno ad un pezzo sia una consuetudine piuttosto comune, ma non al punto di definirli "il pezzo preferito". Sarà forse pure che tendo a dare un grosso peso alle scelte che faccio e quindi, anche in un contesto tutto sommato così "soft", non me la sento di eleggere un vincitore, sia mai che poi debba ripensarci e ammettere l'errore ^^
Insomma, ho tante canzoni che mi ricordano precisi momenti e persone ma non un brano "assoluto": così se penso per esempio al mio amico Alessio mi vengono in mente i CD degli 883 che ascoltavamo sempre a casa sua dopo la scuola, se ricordo le sere attorno al fuoco nelle lande sperdute con la chitarra di Adriano non posso che pensare ai Red Hot Chili Peppers che lui amava suonare, se la mia mente và poi ancora più indietro ecco i Queen che ascoltavo piccolissimo con mio cugino più grande o i pezzi di Venditti sulle musicassette (che tempi! ^^) della mia mamma e così via, sciorinerei una lista troppo lunga dovessi dirvele tutte :)
Perciò come potrei dare una risposta adeguata al quesito iniziale sulla base di tutto questo? Probabilmente non c'è, almeno per me, credo dipenda anche da come una persona vive la musica e il suo ascolto, se come una compagnia fissa e quasi distratta, se come un momento di relax e piena immersione oppure come mezzo per scaricare le tensioni magari ballando, cantando o che ne so io. Senza poi aprire la parentesi sui generi musicali, con l'eventuale "integralismo" verso un genere specifico piuttosto che un ascolto variegato di un pò tutto.
Per quanto mi riguarda, a me interessa che chi canta mi colpisca invitandomi ad ascoltarlo con attenzione, bado poi soprattutto ai messaggi e ai testi perciò anche una voce non perfetta ma che sappia veicolare bene il senso di quel brano la gradisco molto più di un pezzo vocalmente perfetto ma a conti fatti "scialbo". Sia perciò chiaro che il tormentone estivo è tra i miei peggiori nemici, così come tutte quelle canzoni col ritornello e tre parole diverse, non credo sia musica quella, poi possono essere anche allegre e quello che vi pare ma... cantare è un'altra cosa, secondo me almeno. Ovviamente se in tutto questo ti chiami Freddie Mercury, con quella voce divina e intensa e quei pezzi di rara bellezza, allora hai vinto a mani basse con me, ma non c'è ovviamente solo lui. Mi piace insomma principalmente il mondo cantautorale, in Italia attualmente credo lo rappresentino molto bene i Fabi e i Gazzè, vivo l'ascolto musicale come un qualcosa che non fa continuamente parte della mia vita, non giro con l'ipod nè guido con la radio accesa h/24, scelgo però certi momenti per ascoltare tranquillo e cerco di godermeli a pieno. Comunque due o tre "puntatine" di sano rock energico non le disdegno mai, un bel pezzo che trasmette carica ed energia è sempre ben accetto :)
Ma in tutto questo... ancora non ho risposto alla domanda che da origine al post! ^^ E credo che questa risposta, in senso assoluto, non potrò darla mai, come detto non so scegliere un pezzo su tutti, in ogni caso ho tante belle compilation in testa, questo sicuramente.
Però una cosa particolarmente personale con voi voglio condividerla, c'è un pezzo che ogni volta mi trasmette un vero e proprio brivido, che mi colpisce nel profondo e, oggettivamente, arriva al cuore. L'ho anche scritto in qualcuno dei vostri blog nei post musicali, si tratta di "Bene" di Francesco De Gregori. Tra l'altro è un brano che ho anche utilizzato in uno dei pezzi a me più cari che sono ospitati in questo mio spazio, ormai datato quasi due anni fa quando ancora non conoscevo diversi di voi (e nemmeno quella nanetta di Paola!), quindi insomma ne è passato davvero parecchio di tempo. Fu uno dei post più coinvolgenti per me, più intensi, più "esplosivi"... e quel pezzo, che dal primo ascolto associai subito ad una delle persone più importanti della mia vita, probabilmente mi tocca ogni volta così tanto proprio per questo motivo, per questa indelebile associazione che mi viene automatico fare.
Se desideraste capirne di più, se avete voglia e tempo di leggerlo mi sto riferendo a questo post del Luglio 2013.
E allora, io non lo so ma tutte le volte che ascolto "Bene" la mia mente viaggia, e torna indietro, tanto indietro, all'infanzia spensierata e ai momenti felici che trascorrevo con lei, al centro delle sue attenzioni, immerso nel suo amore e attorniato dalla sua dolcezza infinita. Alcuni passi del testo di questa canzone, non fatico ad ammetterlo, mi spaccano davvero il cuore, forse perchè appunto rispetto a quanto scrissi ormai due anni fa non è cambiato nulla da allora, lei è ancora qui pur non essendoci oggettivamente più, e quindi i pur meravigliosi ricordi di noi insieme, felici e immensamente sorridenti, provocano in me quella lacerante sofferenza di chi sa che, purtroppo, questi non potranno tornare mai per via di un ingiusto "fato" che ha deciso di togliere alla persona più buona e dolce del mondo tutto quello che poteva toglierle. Costringendola a spegnersi così. Fà tanta rabbia ed è il dolore più grande che si possa provare, distaccarsi da chi ami ancor prima della perdita effettiva, perchè anche se ci provi, anche se ci sei, anche se vai da lei perchè lei ancora è fisicamente qui la sua mente è ormai altrove e, quindi, questo ti dilania ancor di più nella struggente consapevolezza di non poter ridare indietro quell'immenso amore che ti è stato dato, ora che più che mai le servirebbe. Anche se poi penso che, in qualche modo, esserne il solo "depositario" sia una grande responsabilità, e sia un monito per non dimenticare mai, per non spegnere in nessun caso questo dolce ricordo che è nel mio cuore. Per me e per lei. E allora ecco perchè intorno al secondo minuto del pezzo di De Gregori quella corda pizzicata con insistenza dopo quel toccantissimo "e puoi chiamarmi ancora... amore mio", che lei tra l'altro usava davvero per rivolgersi a me in ogni occasione, mi trasmette ad ogni ascolto quel brivido di cui parlavo, vibra la mia anima come quella corda che infatti, musicalmente, non c'entra nulla in quel punto della canzone eppure "dice" più di tutto.
Darei tutto perchè mi chiamasse ancora in quel modo o anche semplicemente col mio nome, tutto e più di tutto, qualsiasi cosa, qualsiasi somma, scenderei anche a patti col diavolo in persona, lo giuro. Io che non giuro poi mai perchè lei, fortissimamente credente, mi insegnava che non si fa... ma come ho appena detto, pur di ri-udire una sua dolce parola non ci sarebbe limite a ciò che sarei disposto a fare, quindi anche questo.
E allora si, non so se possa definirlo il mio pezzo preferito ma DI CERTO è quello che più sento mio. Perchè c'è tutto in quel testo meraviglioso, onesto e sincero, che ad ogni strofa dipinge scene e situazioni in cui rivedo nitidamente me e lei, dall'uncinetto alle poesie, dal prendermi per mano al chiamarla "mia", e poi i nostri mille giochi, il suo essere fieramente orgogliosa della sua identità, il momento della mia crescita che però non è stata mai un distacco seppure ha ovviamente cambiato i gesti d'affetto di un bimbo con quelli di un adulto, fino a esplodere in quel finale di clamorosa potenza in cui io stesso mi domando chissà dove avrebbe voluto andare, ed io non l'ho portata mai. Forse lontano come lontano vanno le navi di carta appoggiate sul corso d'un fiume, libera come il suo spirito moderno, entusiasta e creativo, o magari verso mete più vicine... quel che è certo è che, dovunque fosse voluta andare e dovunque la avessi portata, come in tutte le occasioni in cui eravamo assieme avrebbe sempre teso la sua mano alla ricerca della mia, e sarei sempre stato il suo "amore mio".
Nonna, solo tu fai tutto questo al mio cuore, mi manchi tantissimo e non so davvero immaginare come sarà, quando sarà. Ti voglio bene e te lo dico ancora una volta, qui, all'improvviso e senza apparente motivo, perché per dire a qualcuno che lo hai nel cuore non serve una motivazione o un'occasione particolare, e perché semplicemente sento di averne bisogno e di volerlo fare adesso. Così come viene, facendo parlare le mie emozioni così come mi hai insegnato tu.

Perdonate eventuali errori di scrittura, per una volta pubblico subito e non rileggo, oggi è giusto così.

Alla prossima.

28 commenti:

  1. Oh Maurizio... non sia gelosa Paola, ma, se fosse possibile, ti abbraccerei forte forte... a meno di un mese dalla morte di mia nonna sento le tue parole tanto vicine... ringrazio che la lucidità nei miei nonni ci sia stata sempre fino all'ultimo o quasi, che i miei ricordi siano pieni di loro che si preoccupano per me, che mi viziano un po', che mi mostrano il loro affetto non con grandi parole o gesti, ma semplicemente con l'esserci... immagino che sia straziante, che il non riconoscere più le persone che si sono più amate sia qualcosa di infinitamente doloroso per entrambe le parti, ma stalle comunque accanto... se non si ricorderà del suo nipote, proverà riconoscenza per quel giovane uomo che varca la porta della sua camera per passare un po' di tempo con lei... e se nemmeno dovesse mostrare segni visibili di ciò, stalle comunque vicino, per quanto doloroso dovesse essere per te! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kanachan.
      Che dirti... le tue parole mi danno grande conforto, oltre a farmi incredibilmente piacere. E poi hai centrato il punto, avendo tu stessa avuto con tua nonna un rapporto tanto forte, e bello, da poter comprendere come, senza l'ausilio del ricordo, della parola, della comunicazione, diventi davvero difficile. Anche se poi io sono l'ultimo a potermi lamentare, infatti il dolore più grande che provo non è tanto per me quanto per lei, sai, mia nonna è stata un'insegnante che tanti suoi alunni, divenuti prima ragazzi, poi adulti e oggi padri e signori di mezza età, hanno continuato a cercare negli anni, a ringraziare per i suoi insegnamenti e per l'affetto con cui li seguiva. Potrai quindi immaginare che tipo di persona fosse dal punto di vista comunicativo, e quanto il dialogo fosse per lei importante, oltretutto ecco parliamo di una delle prime donne che, nel dopoguerra, ha subito iniziato a lavorare, ad essere indipendente, a emanciparsi da tante cose... insomma, aveva uno spirito ultra moderno e libero e sempre tanto da dire e da dare, vederla quindi "bloccata" nella condizione di oggi è la sofferenza più grande, e mi chiedo davvero quale disegno possa averlo previsto e attuato... e perchè.
      Ma non parliamo di questo anche perchè non serve e soprattutto non lo vorrebbe lei, che aveva una fede incrollabile e fortissima che io rispetto anche se nel vederla così mi è venuta decisamente meno, quindi voglio ringraziarti ancora per le tue parole calde e sincere, anche perchè poi quando vado a trovarla succede proprio come hai scritto, ho visto e vivo proprio le stesse scene e quindi... mi hanno colpito molto, ecco ;)
      Ricambio però il tuo abbraccio e, a questo punto, approfitto per dirti che ho letto, intorno alla metà del mese scorso, quel tuo breve post con tanto di citazione, per la tua nonna... e davvero, in quel momento ho pensato alla mia e... è stata una delle poche volte in cui trovare le parole era particolarmente difficile, non avrei voluto lasciarti un commento "al volo", di quelli senza contenuto ecco, se mi capisci, perciò ho preferito evitare. Credo però di poterti dire due parole ora, e quindi spero davvero che il tuo dolore possa lenirsi, nel tempo che occorrerà, facendosi forsa dei bei ricordi, dall'inizio alla fine, che hai avuto con lei, lasciandoti così sul volto, ogni volta che penserai a lei, un bellissimo sorriso. Come vorrebbe certamente lei, e come ti ha insegnato, con tuo nonno, ad affrontare le cose di tutti i giorni :)

      Grazie per questo bellissimo messaggio, trascorri una buonissima settimana... e ancora grazie ;)

      Elimina
    2. Grazie a te Maurizio per i bei commenti che lasci sempre, sia qui che nei nostri blog!!! non so cos'altro aggiungere a questo commento.... hai detto tutto tu! Un abbraccio e buon fine settimana!

      Elimina
  2. Ciao!
    Devi scusarmi, innanhzitutto, per non aver mai ricambiato il tuo commento che mi hai lasciato quest'autunno... sono inguaribilmente distratta, perdonami, anche se ora ti sto seguendo ;)

    Per le canzoni... io sono una da discografie, da concerti, ho un amore viscerale per due o tre cantanti di cui conosco ogni respiro, tipo... però no, una canzone preferita non ce l'ho, non in assoluto, e va bene così. Perché alcune canzoni sono legate a certi ricordi, ed è questo il bello, indagare il nostro passato anche attraverso note, accordi, parole che si sono impresse a fuoco nella nostra memoria.
    Minerva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao minerva :)
      Non preoccuparti per quel commento, è normale essere impegnati, anche distratti, c'è sempre tanto da fare e perciò assolutamente non c'è problema :)
      Per la parte musicale, a questo punto però dicceli questi due o tre cantanti, anche per una mia personale statistica mi interesserebbe, tra i miei amici di blogger c'è chi stravede per Tiziano (una a caso... ^^), chi per Lorenzo Jovanotti (un paio eh.. in effetti ^^), chi il rock, eccetera eccetera, vediamo tu dove ti collochi ^^
      Condivido ovviamente il discorso sulla canzone preferita, come ho scritto nel post e hai ribadito tu una in assoluto non è facile trovarla, è bello però avere una compilation di pezzi che ci ricordano questo o quel momento, questa o quella persona :)

      Grazie del tuo passaggio e buona settimana :)

      Elimina
  3. Rieccoci!
    Oh io quando si parla di nonne mi diventano gli occhi a cuoricino e in questo caso poi, che ho vissuto la stessa situazione, non posso fare a meno di commuovermi.
    E De Gregori...anche io ho un ricordo che mi lega a lui.
    Insomma, grazie Mauri perchè ancora una volta ho potuto leggere qui delle belle parole che ho sentito anche un po' mie :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lila, contento di ritrovarti :)
      Lo so, lo so degli occhi a cuoricino quando si parla di questo argomento, si sa che sei una tenerona! ^^ Come pure che ti piace De Gregori :) Ma al di là delle ironie, io credo che emozionarsi sia sempre una cosa positiva, ci fa sentire vivi, anche vulnerabili se vogliamo ma proprio per questo umani, mette insomma a nudo la nostra identità più sincera ed autentica, e da questo secondo me c'è sempre più da guadagnare che da perdere ;) Insomma, viva le persone che si emozionano! :)
      Ti ringrazio poi per l'inciso finale, che in diversi tuoi interventi "ritorna" e mi lascia addosso una bella sensazione, pensare che chi come te passa di qui possa, costantemente, farlo con l'aspettativa il più frequentemente possibile mi auguro soddisfatta di trovarci cose belle da leggere e nelle quali, magari, immedesimarsi... è un pensiero davvero molto bello, per me che qui scrivo da sempre col solo obiettivo di riuscire ad ottenere proprio questo :)

      Un abbraccio a te, allargato ovviamente anche ai tuoi nonnini con grandissimo affetto :)

      Elimina
  4. Un post molto carico.
    Non so cosa si provi a vivere da diverso tempo una situazione così. E' brutto, sicuramente.
    Passando alla canzone, io un brano preferito ce l'ho :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz :)
      Il post è venuto fuori davvero a caso, cioè sono partito dal quesito musicale e poi, visto che cercavo di darmi risposta mentre scrivevo... ha preso una piega inaspettata, è andato insomma da tutt'altra parte rispetto a quello che mi aspettavo, ma va bene così perchè l'importante per me è sempre stato scrivere qualcosa di autentico, poi da dove vien fuori vien fuori :)
      E si, diciamo che la situazione perdura ormai da diversi anni, in questo stadio direi più di un lustro, quindi sai... alla lunga è un pò come la gocciolina che cade sulla roccia... riesce a scavare un vero solco, insistendo senza sosta su quello stesso punto che pare inscalfibile ed invece... non lo è. La cosa più difficile, comunque, è trovare un valido "motivo", un "senso" a tutto questo, a questa ingiusta sofferenza non tanto per me quanto, come ho scritto, per lei, una persona buona, dolce e straordinaria che viveva di comunicazione e sorrisi.

      Per la canzone si, immagino un pezzo dei Litfiba, non deludermi ^^

      Grazie del tuo passaggio e del pensiero, passa una buona settimana :)

      Elimina
  5. Bello Maurizietto caro..
    Quanto è difficile limitarci ad esprimere la canzone che più ci rappresenta..
    Tutto è fatto di momenti e di attimi, e il tutto può essere accompagnato da diverse melodie a seconda delle situazioni e del nostro stato d'animo.
    Chim i accompagna da un po di tempo è" Heaven" dei Talking Heads , uno dei miei gruppi preferiti e per l'amore-odio che nutro per il mio idolo David Byrne, e la frase che mi colpisce di più è sapere che il Paradiso è un luogo dove si sta bene perchè non succede più nulla...
    Un bacio serale mio caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nellina :)
      Già, già già, individuare e soprattutto scegliere una sola canzone è quasi un'impresa titanica ^^ Perchè, dici bene, la nostra vita è un insieme di attimi, situazioni, momenti e sentimenti diversi, che per questo motivo non stanno bene tutti con la medesima colonna sonora.
      Ho letto della tua passione per i "Talking Heads" in alcuni tuoi pezzi, personalmente però questo pezzo che mi hai or ora suggerito non lo conoscevo (a differenza, per esempio, di "Psycho Killer"), e prima di risponderti lo ho ascoltato (ho trovato una versione live): molto dolce, molto bello, con la chiatarra solamente come base... lo vedo molto adatto a te e alla tua sensibilità, sai? :)
      Quanto al Paradiso, posso citarti De Gregori e il suo "sarà quel che sarà, se sarà vero", non mi pongo il problema che esista o meno, certamente esiste però un posto nel cuore di chi abbiamo amato, e che ha amato noi, che ci apparterrà reciprocamente per sempre. Oltre ogni limite, oltre ogni distacco, oltre ogni cosa :)
      Un grande abbraccio a te, buona giornata Nellina :)

      Elimina
    2. Conoscevo anche la canzone di DeGregori che amo molto, sia l'uno che l'altra a dire il vero, molto bello..ma l'idea stringata che il paradiso sia un luogo dove nulla succede mi affascina sempre tanto!
      Un abbraccio doppio fortissimo amico caro e sai anche a chi!

      Elimina
  6. Ciao Mauri.
    Ho letto con attenzione il tuo bel post sulla canzone o sulle canzoni preferite. Ma ci torno dopo. Ho letto poi, il post dedicato a tua nonna. E l'ho trovato tenero e bellissimo, perfino disarmante nella sua dolcezza e nel tuo dolore.
    Mi spiace venire a conoscenza di una parte della tua vita ora così triste. Dico ora perché di sicuro per il resto della tua vita, la presenza di tua nonna è stata determinante e positiva nella tua formazione di uomo. Mi spiego molte cose, come l'estrema sensibilità che hai nello scrivere o il non avere mai nessuna traccia di quel pudore tipicamente maschile che di solito avete nell'esibire i vostri sentimenti. Sarai di sicuro identico nella vita così come ti ritrovo nello scritto. Gran merito penso tocchi ai genitori e non solo. Anche alla nonna che si è occupata di te in maniera attenta e materna. Il dolore che provi nel vederla così distante da te, è solo la somma dettata dagli ultimi giorni. Ti auguro di trovare conforto nel ricordo. Noi siamo quello che abbiamo vissuto. Tu sei quello che ti ha donato, con tutto il suo affetto incondizionato. E lei sarà sicuramente orgogliosa di ciò che sei adesso. Di sicuro non consola ma magari ti aiuterà ogni volta che la guarderai, pensare a come sei e a quanto di ciò devi a lei.

    Ora, passando alla canzone preferita. Qualcosa dei miei gusti musicali conosci, e ti dirò ci sono degli artisti che mi accompagnano da tantissimo tempo. Altri che cito di meno ma che sono ugualmente presenti. Ho più di una canzone preferita, condizione necessaria per chi come me ha attraversato già diverse stagioni. E ognuna di esse è parte di me. Riconoscibile al mio animo.
    Te indico qualcuno, elenco non esaustivo e non in ordine, perché non può esserci una graduatoria per le emozioni.


    ONE - U2
    EVERY BREATH YOU TAKE - POLICE
    LEGGERO - LUCIANO LIGABUE
    BELLA - LORENZO JOVA CHERUBINI
    DOREMIFASOL - CLAUDIO BAGLIONI
    VOCE' E LINDA - CAETANO VELOSO

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa una dimenticanza orribile:
      SECRET GARDEN - BRUCE (THE BOSS) SPRINGSTEEN

      Elimina
    2. Si.. tenerissimo Maurizio. Schivo, discreto, affettuoso.. spero Paola comprenda quale fortuna gli è capitata tra le mani..

      Elimina
    3. Ciao Mariella :)
      Ti ringrazio infinitamente per questo bellissimo commento che mi hai regalato, perchè davvero le tue parole sono state un regalo, per me :) Oltretutto hai anche avuto l'interesse e il tempo di andare a leggere anche il post di due anni fa, come se già la lunghezza di questo mio ultimo pezzo non bastasse.. insomma mi ha fatto davvero tanto piacere l'attenzione che hai riservato a questo argomento per me tanto importante, e ti ringrazio moltissimo :)
      Le tue parole mi sono di grande conforto e mi regalano un sorriso, anche perchè davvero hai inquadrato proprio bene non solo quello che riguarda il rapporto con mia nonna ma, anche, l'influenza importantissima che lei ha avuto nella mia vita e nella mia crescita, e che senza alcun dubbio (me lo dico spesso anche io stesso) mi ha profondamente caratterizzato e reso come sono oggi. Sai, io sono cresciuto con mia mamma e con lei, quindi sicuramente alcuni lati del mio carattere sono stati molto influenzati dalla dolcezza e dalla sensibilità di cui ero attorniato, ma ti dirò che mi va bene così: ho imparato che esprimere i propri sentimenti, senza ostentarli perchè quello non si fa e non mi piace ma sicuramente senza nemmeno "occultarli" per sostenere chissà quale sciocca idea di imperturbabilità non è un sinonimo di debolezza, affatto, ma anzi forse riesce a dare poi ancora più forza. Perchè ci rende pienamente consapevoli di quello che proviamo, senza nasconderlo agli altri ma soprattutto a noi stessi.
      Quindi ecco, mi hai detto delle parole bellissime e fatto una descrizione di me (e delle persone che amo e che mi hanno educato) davvero lusinghiera, ho sempre cercato di essere, qui, lo stesso identico me che conosce chi mi conosce al di fuori di qui, se questo arriva mi fa immenso piacere :)
      E certamente si, il tuo augurio è anche un monito importantissimo, e un qualcosa in cui io credo molto: noi siamo quello che siamo per via di ciò che abbiamo vissuto, lo ho visto anche da diversi aspetti della mia vita, tante mie esperienze precedenti e scelte (o non scelte) mi hanno portato qui e ad essere così come sono perciò, visto che oggi sono tanto felice e, credo, una persona che sa stare bene al mondo, lo devo a tutto ciò che è accaduto prima, quindi tanto alle cose belle quanto a quelle meno belle. E certamente si, tantissimo di tutto questo lo devo a lei, che è stata la mia prima maestra personalissima (mi insegnò a leggere e scrivere già prima della scuola elementare) e la mia più eccezionale compagna di giochi. Questo è un ricordo bellissimo che sempre mi accompagnerà.

      Venendo quindi alle canzoni si, seguendoti da un pò conosco abbastanza i tuoi gusti, la tua playlist è molto bella, in particolare mi legano bei ricordi a "Leggero" di Ligabue, poi conosco anche tutte le altre meno quella di Veloso, che provvederò ad ascoltare :)

      Ti mando un grande abbraccio ringraziandoti ancora delle parole tanto piacevoli che hai voluto condividere con me. Davvero :)
      Buonissima settimana! :)

      Elimina
    4. @ Franco: tu sei il più zuccherello di tutti però, dai ammettiamolo! ^^ Comunque beh, io non lo so la "fortuna" di chi è, però mi hai fatto un bel complimento, del quale ti ringrazio :) Poi Lei... non so come la pensa, magari ce lo dirà ^^

      Elimina
  7. La mia canzone è Song for Guy di Elton John. Una struggente ballata quasi interamente al piano, dedicata a un garzone della sua casa discografica.
    Poi viene tutto il resto della musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, questa la conoscevo, se non ricordo male è quasi del tutto strumentale e parliamo di metà/fine anni '70, no? Ho studiato a "Sarabanda" io... ahaha ^^
      Pezzo particolare comunque, adeguatissimo alla tua figura, senza dubbio :)

      Un saluto e buonissima giornata :)

      Elimina
  8. "La mia parte di letto in questa parte di vita
    Il tuo respiro che mi calma se ci appoggi il cuore"
    E' sempre lui. E questa è "Come musica"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una pezzo davvero molto bello di Jovanotti "Come Musica". Come ho scritto proprio recentemente altrove (da Mariella precisamente, che ha fatto un post su di lui), alcuni suoi testi sono molto belli, delicati, non banali, e mi piacciono. E, pur non essendone un fan, però effettivamente se mi dici di dirti qualche sua canzone... ne conosco molte, perchè effettivamente è uno che, quando passa anche solo casualmente alla radio, vuoi o non vuoi rimane ;)

      Bella scelta insomma, un abbraccio a te, Gioia :)

      Elimina
  9. Quel luglio 2013, il primo tuo post che ho letto. Ho detto tutto allora, ma è bello sapere che i tuoi sentimenti non sono cambiati! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si Vale,
      quello fù proprio il post nel quale ci incrociammo per la prima volta, ne è passato di tempo :) Oltretutto non era un post di poco conto per me, quindi è carino pensare che sia stato proprio il primo che ci ha messo in contatto :)
      E assolutamente si, son trascorsi quasi due anni ma... oggi ne riscriverei ogni virgola ;)

      Un abbraccio a te, buona giornata :)

      Elimina
  10. Un post con sorpresa sei partito da una domanda per finire a elaborare qualcosa di meraviglioso che parla di un sentimento e di un legame meraviglioso.Hai ragione andava pubblicato così senza rilettura i sentimenti non conoscono rilettura.
    Un bacione (d'affetto amichevole!Lo dico per Paola :-)) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina :)
      Si, in effetti questo post è partito in un modo, da una cosa di poco conto, e poi si è evoluto in modo del tutto differente e imprevisto, anche per me stesso. Diciamo che è un post "ovetto kinder", con sorpresa ^^
      E' bello quello che mi dici e mi fa molto piacere, anche perchè davvero quello con mia nonna è stato uno dei legami più autentici, forti ed importanti della mia vita, se mi guardo indietro la rivedo in tutti i momenti più importanti della mia crescita ma, pure, in quelli più divertenti, più dolci... e questo è un qualcosa che ci unirà sempre :) Quindi ecco, sono contento di averlo scritto, e pubblicato senza riletture, e che chi come te è passato di qui possa averne colto sensazioni positive :)

      Per il bacione sta tranquilla, Paola è una persona taaaaaaaanto equilibrata, liberale, soprattutto moderna, quindi non rischi nulla di nulla. (Questa frase contiene svariate falsità, ndr ^^). Ahahahah :)))))
      Scherzo eh.... ;) o forse no?! ^^ quel che è certo è che, adesso, si scaglierà (ancora) contro di me e i miei continui punzecchiamenti, ma se sapeste cosa mi combina lei... capireste chi è davvero la vittima, qua! :))))))

      Scemenze a parte, un grande abbraccio a te e buona giornata e fine settimana :)

      Elimina
  11. non conoscevo bene questa canzone di de gregori... l'ho ascoltata con più attenzione! grazie per avermici fatto riflettere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica.
      Si, è un pezzo di tanti e tanti anni fa, molto bello ma anche cantato molto meno da De Gregori in apparizioni pubbliche, concerti ecc... perchè, per sua stessa ammissione, lo coinvolgeva molto. Ed effettivamente è un brano che, ascoltato con l'attenzione particolare che merita, riesce davvero a trasmettere qualcosa di importante, diverso da tutti gli altri suoi pezzi.
      E' stato quindi un piacere avertici fatto fare caso, un saluto e buona settimana a te :)

      Elimina
  12. tanti saluti a tutta l'italia. vi mando un raggio di sole dalla francia per quest'estate 2015
    https://www.youtube.com/watch?v=YfL7PNe3UGk

    RispondiElimina