mercoledì 20 maggio 2015

"E' un pò come nel calcio"

Non è certo una regola "assoluta" ma certamente non è sbagliato dire che spesso è il centrocampo a decidere il destino e quindi il successo di una squadra. Un centrocampista infatti svolge il cruciale compito di collegamento tra la difesa e l’attacco, quando ha il pallone tra i piedi organizza il gioco e guarda avanti ad ampio raggio, ma è anche il primo ad accorrere in aiuto dei difensori quando c'è da proteggere la propria porta.
L'identikit ideale di un centrocampista è perciò quella di un giocatore che rappresenti la sintesi perfetta tra due anime, che dia un equilibrio stabile tra fase difensiva e offensiva, che non si faccia trovare mai troppo indietro rispetto al vivo dell’azione ma nemmeno fuori posizione per essersi fatto trascinare oltremodo dalla voglia di attaccare. Occorre insomma avere importanti qualità mentali e di ragionamento per poter interpretare con profitto questo ruolo nevralgico, e anche chi si intende poco di pallone comprenderà facilmente che avere a disposizione un grande centrocampista è probabilmente la più importante risorsa per qualsiasi squadra. Spesso infatti riconosciamo facilmente l’abilità scintillante delle ali tecniche e veloci e degli implacabili ed efficaci attaccanti, ma non dobbiamo dimenticare di apprezzare il lavoro più complesso eseguito da chi guarda loro le spalle, da chi offre loro i palloni da giocare che, altrimenti, non gli arriverebbero.
Da parte mia ho sempre giocato in attacco, ma recentissimamente qualcuno mi ha detto che sospetta io abbia un segreto talento nell'intepretare anche questo ruolo più arretrato, che combina insomma non solo la finalizzazione ma anche la manovra. Dicono che sappia cioè tessere piuttosto bene trame anche elaborate ed organizzare così le mie azioni ben prima di andarle a concludere io stesso, e allo stesso tempo che sia in grado di fiutare per tempo i rischi che può correre la mia difesa in modo da farmi trovare puntualmente nella giusta posizione quando la squadra avversaria dovesse ripartire. In breve, sostengono che io non sia soltanto l'esecutore materiale di quello che arriva dalle mie parti, come fa un attaccante vero, ma che "c'entri" parecchio anche con il modo in cui quella palla me la sono fatta arrivare, come se l'avessi "chiamata" ecco, indirizzata perchè arrivasse proprio lì dove e come immaginavo/volevo nella mia mente.
Non dico se è vero ma non dico nemmeno che sia falso, certamente è credo buona cosa saper interpretare più ruoli, non essere insomma limitati ad una sola possibile versione di noi stessi ma avere, piuttosto, la possibilità di essere e quindi mostrare le tante sfaccettature, anche molto differenti tra loro, della stessa faccia, perchè ovviamente quella è autentica ed è solo e soltanto una.
E così, da attaccante/presunto centrocampista di ragionamento, ho iniziato a giocare in una squadra speciale, prima di scegliere la quale ho voluto però parlare personalmente e chiaramente con il capitano, per capire quale tipo di calcio volesse giocare e soprattutto quale fosse il mio ruolo nel suo piano tattico. Presto detto: "Indispensabile" è stata la sua risposta. E questo me lo ha dimostrato non nelle parole, ma nei fatti. Tanto mi è bastato per firmare in bianco, e così da 16 mesi a questa parte (il contratto "ufficiale" parte da lì, ma in realtà ero "in prova" già da un pochino prima) vado ogni giorno in campo col mio capitano, che forse non lo sa ma è davvero nato per questo ruolo, un capitano magari silenzioso ma cui basta uno sguardo, un gesto, per infondere sicurezza, entusiasmo e coraggio. Un capitano se serve granitico, anche in senso strettamente figurato, ma col cuore più grande e generoso che conosca.
Il modulo di gioco, che ha disegnato tutto attorno a me ed insieme a me, è davvero perfetto per la nostra squadra, i tifosi lo coccolano ed in tanti ce lo invidiano, non mi è difficile pensare infatti a quanti si mangiano le mani per non essere arrivati in tempo su di lui portandolo in un'altra squadra o, peggio ancora, per aver scelto altri giocatori al suo posto.
Comunque poco importa, ormai lui è qui, è solo nostro ed ha conquistato tutti, e si pone in ogni partita al mio fianco mostrandomi così nella pratica la sintesi perfetta tra forza e idee: è capace di alzare in un momento una diga in mezzo al campo quando gli avversari cercano di metterci alle strette e l'attimo dopo di uscirne a testa alta e con le idee chiarissime rilanciando subito la nostra azione. Ecco allora che, se davvero anch'io come dicono ho almeno un pò di queste caratteristiche, possiamo scambiarci vicendevolmente e con fiducia questo compito, perchè il mio pensiero è come il suo pensiero, l'azione che immagino io è la stessa che immagina e metterebbe in pratica lui.
Insomma, difficile se non impossibile trovare difetti (eppure chi non ne ha?) a qualcuno così. Al più gli si può rimproverare forse solo una cosa: non essere troppo alto... ^^
Perchè si, il mio capitano è una capitanA, ed è bella, dolce, magnifica, fantastica, splendida e soprattutto... nana! ^^



"Che spettacolo quando giochiamo NOI,
non molliamo mai.
Loro stanno chiusi ma,
cosa importa chi vincerà?
perchè in fondo lo squadrone siamo NOI,
lo squadrone siamo NOI!!"


20 commenti:

  1. La più bella metafora calcistica dopo Diavolo Illuso :(
    In fondo lo squadrone siete voi... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si beh, questo pezzo degli 883 a me è sempre piaciuto molto, poi ovviamente "de gustibus", ma secondo me gli è riuscita davvero una bella metafora di vita, estremamente vera e condivisibile :) "Diavolo Illuso" la conosco poco, quindi me la ascolto volentieri su tua segnalazione :)

      Buona settimana Moz! :)

      Elimina
  2. Guarda, per affezione ho letto fino in fondo. E considera che si tratta di un post scaccia...donne. :)))
    Ciao Maurì!!! Sai che tra poco c'è il ponte? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Gioia, il calcio è argomento non proprio "top" per il genere femminile, però qui è stato usato volutamente in senso metaforico, perciò spero che la tua lettura fino in fondo sia stata in qualche modo "ripagata" :)

      Ciao a te, e si, lo so che c'è il ponte a breve, inizio settimana prossima per il 2 di Giugno :)

      Elimina
  3. Io ho capito che SE qualche lungimirante osservatore scorgesse in te anche la stoffa dello spietato stopper e l'acrobatica felinità di un mitico portiere... POTRESTI GIOCA' DA SOLO!!!! ..e c'è una fine metafora in tutto questo..
    NON FA ARRABBIA' ER CAPITANO CHE CE METTE UN AMEN A DEPENNATTE DALLA FORMAZIONE!!! .. a buon intenditor.. poche sostituzioni.. ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che me faccio le pentole e pure i coperchi da solo? :D C'ho preso? :))))
      Comunque no, io al Capitano lo adoro e quindi non lo faccio arrabbiare mai mai mai, o almeno tento... poi comunque sono fiducioso che, pure se si arrabbiasse, non mi sostituirebbe... del resto, l'ottimismo è il profumo della vita ^^

      Elimina
  4. Sì però... ecco... Max Pezzali... O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che proprio non ti garba, ma pensa alla metafora... pensa alla metafora! :DDDD

      Buona settimana Vale :)

      Elimina
  5. Maurizietto ecco il mio bel tenerone che ha un capitano che tutti vorrebbero avere, con una visione di gioco che ti ha attraversato e ti rimbalza dentro, nei vari passaggi del pallone per far sempre centro, visionando questo strambo gioco della vita, che ci vede tutti spettatori attenti e felici dei tuoi ripetuti"goals"
    Questo si chiama" visione del gioco" ..e a buon intenditor , poche parole!
    Bacionissimo campione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nellina, che belli i tuoi commenti :) Mi fai sempre sorridere tanto quando ti leggo, ed è una cosa che trovo bellissima :)
      Sei una persona sempre presente e, come spesso ti dico, tanto tanto dolce, e poi... cavolo che metafore che mi tiri fuori! :)
      E hai detto (come al solito) benissimo, la "visione di gioco" del mio Capitano, che poi è la mia metà, la mia meta, la mia Paola, è una qualità innata in lei e non smette mai di sorprendermi, ogni giorno di più :) Mi ha davvero attraversato dentro, Lei sta dove nessuno è stato mai, Lei è veramente diventata una parte di me, tanto bene mi conosce e tanto perfettamente mi completa.
      Perciò ecco, posso solo ringraziarti delle tue sempre bellissime parole che sai riservarmi con tanta delicatezza ed attenzione, e mandarti un grandissimo abbraccio da parte mia e anche del Capitano coraggioso :D

      Buona giornata! :)

      Elimina
    2. E io vi stringo forte tutti e due...che pacere l'avervi!!!

      Elimina
  6. Scusa Maurizio se ho letto e risposto solo ora.
    Bellissimo questo tuo modo d'intendere una squadra rapportandola con la vita reale.
    Ci ho letto dentro un pò di ognuno di noi, con i diversi modi di vivere i nostri momenti...con i diversi modi di pensare.
    Soprattutto mi è piaciuto quando hai parlato della nostra unica faccia dalle molteplici sfaccettature...
    Veramente complimenti! Sei stato grande!!!
    Sei indispensabile te l'ha detto anche il tuo Capitano...abbracci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia :)
      Scuse assolutamente non ne servono, sia a prescindere sia, poi, perchè mi hai lasciato un commento davvero molto bello che mi onora anche non poco, perciò io di questo posso solo ringraziarti ed essere molto molto felice :)
      Effettivamente si, il post voleva proprio intendere il rapporto tra due persone come un "gioco di squadra", di una squadra poi dove i meccanismi funzionano, dove ci si fida pienamente del compagno, non so se hai mai visto "Ogni Maledetta Domenica" e, quindi, il famoso discorso di Al Pacino, ecco, una cosa del genere :) Un rapporto insomma dove davvero, in questo caso non metaforicamente ma nel concreto, si è disposti a tutto per il bene della squadra.
      Ovvio poi che ogni "anima" della squadra ha le sue caratteristiche, le sue idee, i suoi bisogni anche, è infatti si importante avere un obiettivo comune ma poi non è assolutamente necessario essere singolarmente identici agli altri componenti del team (in questo caso l'altro). E infatti io e Lei siamo tanto uguali quanto anche diversi in alcune cose, però ci integriamo benissimo, per gli obiettivi della squadra diamo anima e corpo, ma questo senza mai perdere le nostre singole identità, che appunto hanno tante sfaccettature ma, alla fine, un solo volto, che rimane, resta e ci identifica per quello che siamo: un singolo fatto e finito, coi suoi valori e le sue idee che però, oggi più che mai, non può prescindere dalla presenza dell'altro per sentirsi completo :)

      Quindi beh, sono davvero felice che ti sia arrivato così bene e così chiaramente il messaggio che volevo mandare, grazie mille dei complimenti e delle tue belle parole, ricambio con affetto il tuo abbraccio :)

      Passa una buonissima giornata! :)

      Elimina
  7. Ihihihih "nana" mo s'incazza :-)))). Riprendo quanto ha scritto MikiMoz bella metafora,quel capitano mi piace.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S'è già incazzata, pure ampiamente e potendo "infierire" direttamente... :D
      Comunque beh, se piace a voi (e vi confermo l'ottima scelta) pensa quanto può piacere a me... :)

      Un abbraccio a te, passa una buona giornata :)

      Elimina
  8. Come si mette quel cacchio di banner anti coookies?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco :)
      Scusa se ti rispondo solo ora ma sono stati giorni pieni :)
      Per il cosidetto "banner", si tratta di aggiungere un codice html abbastanza semplice, se vuoi posso linkarti una guida che spiega come fare, in ogni caso NOTO ORA che da te ce n'è già uno, come in tutti gli altri siti (compreso questo, dove ora ne ho due de ste barre ^^), che evidentemente ha aggiunto Blogger in automatico (come giusto che sia essendo noi "ospitati" da lui, non proprietari del dominio). Perciò, credo che questo basti e avanzi, poi ovviamente con quella mia puoi personalizzare il colore e la pagina delle informazioni ma... come avevo anche detto alla signorina che mi ha "precettato" per fare questo lavoro (sul quale ho speso un intero pomeriggio ^^), sospettavo ci pensasse Blogger da se, e così mi pare sia stato, quindi sostanzialmente credo non devi toccare nulla e va bene così :)

      Se però ti interessa, scrivimi e ti faccio sapere come si fa :)

      Elimina
  9. Vediamo che viene fuori considerando che mi sono appena svegliata..

    Che dirti, il post è sicuramente molto bello, oltre che significativo e divertente. Soprattutto credo che la metafora sia molto azzeccata: cosa potremmo essere di meglio che non una squadra?
    Dove poi non conta neppure vincere o perdere, perché in realtà non c'è nessuna sfida e se anche ci fosse a noi importerebbe solo di correre sullo stesso campo, con la stessa divisa, insieme.
    Certo che però condividere così la propria esistenza non è sempre facile, soprattutto col capitano che ti ritrovi, e credo che tu lo abbia sperimentato molto ultimamente. Essere nella stessa squadra fondamentalmente significa condividere l'obiettivo, si, ma anche e soprattutto la stessa strategia di gioco e questo non è sempre immediato. Magari uno dei due protende all'attacco, l'altro alla difesa e potrebbero nascere tensioni tra quelli che, appunto, dovrebbero invece essere uniti e d'accordo. Perché in fondo neppure il capitano serve, o c'è, la squadra è fatta di tanti componenti, di giocatori che si sforzano al massimo per vincere, e ritenere che il merito sia da attribuire al capitano, o comunque soprattutto a lui, sarebbe riduttivo per chi, invece, ci mette il sudore, le gambe, il cuore.

    Quindi come concludere, in fondo quello che volevo dire è che comunque sia a me la mia squadra piace e potremmo perdere anche tutta la stagione, io non la cambierei sicuramente. E se ogni tanto ci scappa la sfuriata con l'altro giocatore..saprò farci pace e rimediare anche a quello.

    Grazie per questo bellissimo post che mi hai dedicato, insieme a tutti gli altri che hai scritto per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il telefono non collabora e mi pubblica 2000 commenti uguali..

      Elimina
    2. Inizio il mio "recupero commenti" e, ovviamente, non posso che iniziare da te (te ne devo 3, 2 qua e 1 a "casa tua", che lavoraccio ^^) :****
      E' bello fare squadra con te, già solo per il "senso" che sottintende il fare squadra, quindi avere e perseguire lo stesso obiettivo, il dare tutto per aiutare il compagno ad ogni azione ecc... ma soprattutto mi piace l'idea della squadra come una scelta. Già, o piccola piccolina piccolissima, se ci pensi le squadre sono il frutto delle scelte di chi le mette insieme, di chi studia gli elementi migliori (almeno a suo giudizio) da mettere nello stesso impianto di gioco per cercare di ottenere così i migliori risultati. Ovviamente non sempre basta questo perchè contano anche tanti altri fattori, come le motivazioni, la convinzione, l'affiatamento... però io sono assolutamente convinto che, nel caso di questa nostra squadra specialissima, tutto combaci al meglio, che ogni tessera sia davvero al suo posto e che, quindi, si possa assolutamente aprire un ciclo vincente di vittorie.
      Ho piena fiducia in te e in quello che siamo, amo come sei in TUTTE le tue sfaccettature, quindi non tolgo e non escludo nulla, nemmeno quelle che magari, talvolta perchè talvolta si, succede, possono non essere proprio le mie preferite. Ma per una faccia "storta" tua io penso sempre che ce ne sia almeno una altrettanto "storta" mia, quindi mi va bene così, non si può essere sempre perfetti in tutto, l'importante è, come infatti ci succede puntualmente, ritrovarci. E se nel frattempo avremo perso del terreno in classifica beh, ci rimboccheremo le mani e lo recupereremo senza dubbio con un epica rimonta :)
      Amo questa squadra, amo che tu sia il mio capitano e amo te, tantissimo. Non c'è niente al mondo di più bello, importante, speciale e fondamentale, per me, della tua presenza costante nella mia vita dove, da quando ci sei entrata, tutto è cambiato in meglio, e dove quindi sempre e per sempre io ti voglio e "devo" tenere :)

      Grazie per essere meravigliosa e bellissima come sei, dedicarti post, parole, idee... è il minimo secondo me, e anzi non credo sia mai abbastanza... :)

      Ti amo :*

      Elimina