giovedì 1 ottobre 2015

Come Quando Fuori Piove

Mi è stato insegnato che chi è davvero uomo non ha mai bisogno di dimostrarlo. Ci sono però delle occasioni nella vita che invece ti impongono di far vedere chi sei, determinati momenti che accadono quasi appositamente e rappresentano opportunità rare per fotografare l’anima, propria e altrui. Insomma, eventi particolari in cui ci troviamo talvolta anche "costretti" a rivelarci per come siamo davvero, a mostrare l’altra faccia del profilo che ci siamo scelti. O la stessa ovviamente, dato che alcuni si dimostrano poi realmente per come appaiono, ma questo certamente non accade per tutti.
Non so nemmeno perchè ho cominciato a riflettere su questa considerazione nata in me assolutamente dal nulla, fatto sta che ho comincato a pensare a questa o a quella persona e ai momenti "cruciali" in cui mi è capitato di scoprirli davvero per quello che erano. Ad esempio, ho ricordato quando in occasione di un servizio di assistenza fatto assieme un amico di cui oggi ho perso le tracce questo ha fatto vedere un qualcosa di del tutto inaspettato di se stesso, e cioè il lato nascosto del "cretinello superficiale" che era solito apparire agli occhi di tutti, rivelando nel modo più inatteso di possedere invece il garbo e la sensibilità di chi sa quali sono e quanto contano i veri valori nella vita.
“Imparano più i popoli da una sconfitta, che non i re dal trionfo” disse Giuseppe Mazzini, e credo fosse un' osservazione molto giusta. Anche se è vero che c'è pure chi non impara niente, mai, e da nessuna situazione. Personaggi incapaci di ammettere i loro errori oltre che abilissimi a smaterializzarsi nei momenti che contano, nonostante di se mostrino chissà quale forza e personalità, ovviamente solo apparente. Questa è una categoria di "bimbi non cresciuti" coi quali avrei fatto volentieri a meno di entrare in contatto, ma non sempre possiamo scegliere e nel mio caso infatti appartiene ad un legame "di sangue", di quelli che insomma ti assegnano d'ufficio, non determinati quindi da noi. Purtroppo chi di dovere, che ahimè per onestà "esempio d'uomo" non posso proprio definire, non ha compreso che, anche se si dovrebbe comunque cercare di limitare i propri errori (specie quelli di enorme portata) alla fine poco importa se si sbaglia, purchè si sia però sinceramente pronti ad ammettere le sciocchezze commesse e a rimediare, se non in tutto almeno in parte salvando il salvabile. Preferisco mille volte chi incappa in una scelta che si rivela poi tremendamente sbagliata e quindi dà tutto di sé per chiedere scusa per quello stesso sbaglio a chi si crede infallibile o, peggio, è incapace di ammettere le proprie colpe, specie poi se queste hanno causato palesi ed evidenti sofferenze ad altri.
Perchè nell'ammettere i propri sbagli non c’è contraddizione con la figura di "uomo vero" che si vuole mantenere, ma anzi è proprio lì che sta la capacità più importante che un uomo degno di essere definito tale dovrebbe possedere: lottare per quello in cui crede, qualsiasi cosa sia, ma sapere all'occorrenza chiedere scusa, avere si il coraggio della sfida ma mostrare poi quello ancora più grande del sorriso, della comprensione, dell' attenzione agli altri ed a ciò che le sue azioni producono.
E' solo in questo modo che quello che è accaduto, anche e forse ancor più quando succede in negativo, una volta compreso, riconosciuto ed accettato può diventare la base dei successi futuri. Il concetto è quello di ripartire ed imparare da quelle stesse delusioni, dire e dirsi insomma che le sconfitte non le dimentichiamo ma ci costruiamo sopra qualcosa di positivo, senza lasciare (come invece molti fanno proprio per questa incapacità di scusarsi) che i nostri errori avvelenino ed allontanino noi e chi ci sta attorno. In questo caso, almeno per me, si è in presenza di veri uomini, gli altri sono parecchie chiacchere e distintivo.
Mi piacerebbe possedere ancora l'animo che avevo da bambino, quando non pensavo a tutte queste cose pure vedendole in continuazione e giustificavo quindi tutto e tutti. Il fatto è che a un certo punto si cresce, tutti, e si inizia a vedere il mondo, e le persone, con occhi maturi. Nonostante ciò credo sia una fortuna, per chi ancora riesce a farlo almeno per qualcosa, riuscire a stupirsi come si fà da bimbi, perchè quello stupore sincero ti permette di cogliere il senso più essenziale delle manifestazioni della vita. E' anche vero però che per riuscire a fare questo dei bambini bisognerebbe possedere anche la pulizia che questi hanno negli occhi e la loro capacità di giudicare con semplicità e leggerezza.
E mentre ricordo quei miei anni felici e spensierati ecco che la mia mente infine vola ad un' ultima persona, non un uomo ma una donna perchè l'essere "uomini", in questa accezione di autenticità e di essere persone da prendere a modello, a mio giudizio vale assolutamente anche per lei. Una donna la cui storia racconta in innumerevoli occasioni proprio questo essere vera, trasparente, oltre che davvero davvero grande. Una storia fatta d'amore, di pane quotidiano e sudore nonostante la presenza di un dolore vero nascosto in fondo al cuore da celare a tutti dietro un immancabile sorriso. Lei è stata per me fulgido esempio potitivo di umiltà che ti porta a riempirti di gioia, di impegno attraverso il quale si arriva necessariamente a ciò che si desidera, insegandomi a crederci anche quando tutti ti dicono di lasciare stare, e se possibile a farlo ancora di più quando le persone nemmeno ti dicono niente perché si sono dimenticate di te, talvolta dandoti addirittura per finito, per passato o per scontato. Un insegnamento prezioso del quale ho davvero fatto tesoro, questo.
Ma la cosa bella è che nonostante questo suo esser grande lei non si è celebrata mai, sempre dedita a noi e al lavoro, capace di risorgere ogni volta dai bassi della vita come se non la avessero mai buttata a terra, di farsi trovare sempre asciutta nonostante fosse stata ore sotto una pioggia torrenziale. Potrei trovare milioni di aggettivi per definirla, in quest'occasione però voglio limitarmi a un suo attributo soltanto: l'eleganza. Era elegante in tutto e quindi anche nelle sue lotte, fatte appunto sempre d'eleganza e di lealtà.
E' proprio vero, chi è grande non segue mai la grandezza degli altri, e il più delle volte nemmeno conosce la propria. E' quella la vera forza, e lei ne aveva tantissima. Anche se poi, nel parlare a me e al bimbo che ero non utilizzava praticamente mai questa grande forza, piuttosto un fortissimo amore e l' onestà con cui riusciva a farmi capire che nonostante le cose storte un altro mondo, più bello ed esattamente come lo desideravo io, era possibile. E io le rispondevo "mi impegnerò allora perchè domani lo sia". Anzi "perchè domani lo è", per quel gusto tutto mio di farle un giocoso "dispetto" (essendo lei insegnante), ma in realtà a causa del mio "ribelle" ritenere talvolta il congiuntivo un errore, in quanto non dà il senso. A me piace l'indicativo, il presente, dove tutto può succedere se solo lo desideriamo. E poi perchè è "solido" come me e come lei, che come siamo nati siamo rimasti: indicativi, sempre presenti.



"... È solo un uomo quello di cui parlo,
quando inciampa nella sua ombra,
quando cammina sull'acqua e non affonda.
È solo un uomo quello di cui canto,
di quando sbaglia e non si perdona,
il furore e il disincanto di quell'universo
a forma di persona ..."

Alla prossima ;)



25 commenti:

  1. Mi hai lasciato senza parole.
    Hai detto tutto tu, Maurizio, in questo post colmo di saggezza e di amore.
    Hai fatto una descrizione splendida, trapela la bellezza di quella donna speciale vicino a te. Ho indirettamente pensato a mia mamma, il vero uomo di casa, esempio di coraggio, di umiltà e di tanta voglia di fare. Il suo essere forte continuamente, a dispetto degli ostacoli da percorrere, a dispetto degli altri.
    Non so' più cosa scrivere, risulterei soltanto ripetitiva dato che sono completamente d'accordo e innamorata di ciò che hai scritto!
    Grazie!

    Una buonagiornata a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria :)
      E' molto bello questo tuo commento e mi lusinga anche molto, il pensiero di scrivere qualcosa di positivo e giusto non solo per me, ma anche per gli altri e che questi lo recepiscano pienamente mi fa, ogni volta in cui accade, davvero tanto piacere :) Quindi "grazie" posso e devo dirlo io a te, non certo il contrario :)
      Sono anche felice di averti fatto pensare alla tua mamma, anche alla luce delle cose che recentemente hai scritto sul tuo blog, riscoprire quanto chi abbiamo intorno sia stato, e ancora certamente sia, importante per noi, un porto sicuro, un appiglio incrollabile... è sempre una cosa bella, del resto chi non prova piacere nel toccare con mano le certezze che ha, o nel riceverne o riscoprirne di nuove? Io, personalmente, amo rinfrescarmi la memoria appunto con questi pensieri, o prioprio attraverso i gesti e le parole, trovo infatti bellissimo scoprire quanta forza può dare un ricordo positivo e, ancor più, un gesto nel presente che dà nuova linfa, coraggio, sostegno a chi amiamo. Non dovrebbero mancare mai, putroppo a volte le vicende della vita ci fiaccano o distraggono, invece dovremmo sempre ricordarci di chi ha fatto e fa tanto per noi, e "coccolarli" come meritano :)
      Quindi sono felice di averti portato alla mente questo bel ricordo, le mamme (e le nonne) sono figure cui io sono personalmente molto molto legato, e infatti il mio post, partito da tutt'altra parrte (ma non è una novità ^^), voleva essere proprio un "tributo" a loro :)

      Una buon fine settimana a te, ciao! :)

      Elimina
  2. Buongiorno! Come stai?
    Grazie per essere passato! Fantastico questo post è sempre bellissimo leggerti! Incredibile! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Shane :)
      Io tutto bene, spero anche tu :) E grazie a te per essere passata qui e per le belle cose che mi scrivi sempre :)

      Una buonissima settimana a te! :)

      Elimina
    2. Buongiorno! Grazie!
      Ciò che ho scritto è la verità leggerti è un gran piacere!
      Mi fa piacere che anche tu condividi con me il fatto che cucinare "scarica lo stress" :) Ti auguro una buona giornata!

      Elimina
  3. Inutile dirti che il tuo testo mi piace e vorrei sapere anch'io dire queste cose alla donna che amo e che è con me da 25 anni. La cosa che mi ha colpito è che purtroppo non è possibile tornare indietro per avere l'animo che avevamo da bambini. La vita ci colpisce e ci forgia qualche volta anche duramente.
    Passiamo a qualcosa di più leggero. Non so se giochi a poker, ma il titolo che tu hai dato al post si utilizza in questo gioco per definire la sequenza e priorità dei semi. Quindi: Cuori - Quadri - Fiori - Picche. Ottima la canzone. Buona domenica con il tuo amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio :)
      Credo che ognuno abbia il suo modo di essere e di esprimersi, non credo ce ne sia uno "migliore", ma semplicemente uno giusto per noi. E non dubito che, per essere insieme da 25 anni, tu sia assolutamente capace di far sentire amata, speciale e unica la tua dolce metà, magari meno a parole ma più con i fatti, che poi sono quelli che più contano :)
      E' vero il discorso sul non poter tornare indietro a come eravamo da bimbi, in fondo è un'utopia quella, perchè appunto crescendo perdiamo disincanto, acquistiamo responsabilità, poi le vicende della vita ci segnano... ed ecco lì che quel disincanto per forza di cose si perde, ma è normale. E' però credo possibile riuscire a ritrovarlo, magari indirettamente attraverso una terza persona quando si ha la fortuna di averla. Quando (e se) la avrò questa fortuna, potrò confermartelo... :)
      Per il poker no, non ci gioco, non sono tanto per i giochi di carte devo dire, però si, conosco quel detto ed infatti ho "giocato" proprio con il titolo sia perchè, mentre scrivevo questo pezzo, fuori pioveva davvero, sia perchè era una delle tante cose, questa che hai anche ricordato ora tu dei semi delle carte, che mia nonna mi insegnava :) Perciò sono felice tu l'abbia citata, in modo da permettermi di ricordare anche questo piccolo aneddoto :)

      Un grande saluto a te, e una buonissima settimana :)

      p.s: Fabi a me piace molto, un ottimo cantautore davvero, peccato anzi gli si dia poco spazio

      Elimina
  4. Ciao Mauri. Mi sembra quasi una banalità dirti quanto mi sia piaciuto il tuo post. Me ne sono venuti in mente altri letti sempre qui, in cui parli della "forza" delle donne che ti hanno cresciuto. E di tua nonna, che sempre mi fa pensare alle mie. Meravigliose e intrepide creature che hanno vissuto tutta la loro vita nella massima semplicità e concretezza; facendo in modo che il loro messaggio e la loro visione di vita rimanessero impresse negli occhi e nel cuore di chi è loro cresciuto accanto. Una grande fortuna che ci ha reso quelli che siamo. Il nostro bagaglio di passato e' il senso del nostro futuro. Ti abbraccio ragazzo, come sempre grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari :)
      Che belle cose che mi scrivi, trovi sempre le parole giuste e sai, poi, anche centrare sempre il punto. Questo è molto bello, davvero :)
      Ed hai ragionissima, queste figure, che abbiamo la fortuna di condividere nel senso di aver avuto accanto persone diverse per identità ovviamente ma non per cuore, amore e premure verso di noi, ci hanno realmente resto quelli che siamo. E' un bagaglio che ci portiamo dietro, che nasce da lontano e sempre ci accompagnerà, queste si che sono le cose belle da portare con se nel lungo viaggio della vita :) I ricordi di chi ci ha incondizionatamente amato, cresciuto, aiutato e stimolato a farci diventare ciò che siamo :)

      Ti abbraccio anch'io allora, e ovviamente sono io a dover ringraziare te, non certo il contrario, e non accetto discussioni sull'argomento! ^^

      Elimina
  5. umm... che dirti... non leggo i post lunghi :( mi attirano i titoli (cuori quadri fiori picche)
    ma voglio darti ''fiducia'' e mi sforzero' prima o poi a leggerli... :)
    per ora ti invito in un posto dove ne troverai di post lunghi... ma spero ''gustosi'' e poi sono fotografici pure!! :) ciaooooooooooooo
    That’s amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grace, intanto piacere di conoscerti :)
      Verrò a vedere il tuo spazio, intanto grazie per la "fiducia", se prima o poi vorrai leggere nonostante la lunghezza dei pezzi che dici di non amare molto mi fa sicuramente piacere :) Io invece, personalmente, ho quasi una preferenza per i post lunghi, e in generale per le cose scritte in senso lato, visto che ritengo che più un testo è elaborato, più parole contiene, più, probabilmente, chi lo ha scritto ha qualcosa da dire. Ovviamente però dipende sempre da alcune variabili, dall'abilità di intrattenerci di chi scrive, dal nostro interesse per quell'argomento ecc... :) Ma in generale, ecco, preferisco i post lunghi, anche perchè sono gli unici che io so scrivere ^^

      Quindi beh, un saluto e alla prossima, passerò a vedere quello che mi hai linkato :)

      Elimina
    2. Sei poi passato da me? :) No perche' ho notato che non sei tra i miei followers! :(
      Vedi ai post lunghi ti ci devi dedicare e quando sei sempre di corsa tra lavoro casa famiglia sport ecc ecc come capita a me quotidianamente arrivi a sera stanca morta che vuoi solo guardare immagini o farti coccolare come ora con il concerto Baglioni (Morandi) a rai1!!!
      Non e' superficialita' credimi ma cerchero' di leggermi il tuo prossimo post da capo a piedi, magari risparmiami qualche riga se puoi facendo un sunto... del resto all'universita' non facevano che ripetermi ''andiamo al succo''! :)
      Buona notte..............

      Elimina
    3. Si, sono passato, ho visto il tuo blog culinario molto ben fatto e curato qualche giorno fa, ora ho anche commentato l'ultimo piatto. E' uno spazio interessante :)
      Per il resto si, ci si deve dedicare ai post lunghi così come a tutto in generale, almeno per le cose che ci interessano non credo ce ne sia una cui sia possibile non dedicarsi al meglio, per farla bene. Quindi poi è una questione di scegliere a cosa dedicarsi e come usare il nostro tempo semplicemente :)

      Ciao!

      Elimina
    4. e siccome non hai scelto me tra i followers allora mi dissocio anch'io :(

      Ciao!

      Elimina
    5. Mi ci iscrivo io se è così fondamentale, eh ^.^

      Elimina
  6. Come sai ho una certa difficoltà a commentarti questo genere di post, una volta ne abbiamo anche discusso, non per disinteresse, quanto per il fatto che mi sembra una cosa così tua, così importante, che non vorrei 'sporcarla' mai con parole non all'altezza e sicuramente non potrei dirti nulla di più di quanto tu non abbia già scritto.
    Ma in quella occasione mi avevi anche fatto presente quanto ci tenessi ed allora non mi tiro indietro e tento di scriverti qualcosa di adatto. Che poi no, scusami, in mia difesa ti voglio ricordare che in qualche email l'ho fatto, eh :-P

    Andiamo per ordine.
    In realtà l'inizio del post ho pensato davvero che fosse una frecciatina nei miei confronti, dato che dici (non so proprio come ti venga in mente, mah) che non so chiedere scusa e che sono troppo ferma sulle mie cose. Ma poi vedo che siamo passati altrove quindi me la sono scampata :-P

    Per la parte di mezzo del tuo post, sai benissimo come la penso del 'legame di sangue'. Per me non sei tu a perderti qualcosa, o almeno te lo perdi fino ad un certo punto, perché un giorno tu potrai recuperare quello che non ti è stato dato e riversarlo sui piccoli mostriciattoli che avranno i tuoi stessi occhi, lui no. Vedila così tesoro mio, che questa è la verità.

    Infine, la terza parte, beh. Beh.
    Hai scritto delle cose meravigliose e penso che se potesse leggerle sarebbe davvero orgogliosa di sapere che sono tutte parole piene d'amore solo per lei.
    Che deve essere stata una donna meravigliosa e splendida, se quello che sei diventato tu è anche un po' merito suo (senza nulla togliere alla tua mamma, perché a me non piace spodestare nessuno :-P). Ed in effetti a tal riguardo non c'è nessun dubbio, perché ben ricordo i post precedenti che hai buttato giù su di lei e quello che ho letto è stato un immenso ricordo, con dentro molti altri, piccoli ma intensissimi, da far invidia a chiunque.
    Perché non è assolutamente da tutti amare quello che allora era un bambino pittolo, ed amarlo nel modo in cui lo ha fatto lei. Anche concretamente parlando, che ti faceva fare tanti giochini e ti insegnava le filastrocche (che con tanta tenerezza tu poi insegni a me, pittoliiiino miooo) e mi ricordo delle marionette e delle date dietro le foto e del video che mi hai mostrato. Che sei stato una meraviglia anche tu a volermela far conoscere anche così per farmi vedere quanto sia stata davvero una Donna con la lettera maiuscola. E proprio grazie a questi tuoi racconti ho potuto constatare come, nonostante le grandi avversità che la vita le ha riservato, ha potuto conservare quella grande dolcezza che poi ha anche sicuramente trasmesso a te, perché a volte le grandi perdite, le grandi sofferenze, invece, sono in grado di smussarti tanto, fino a portare a galla il lato più duro e spigoloso..

    Ed una cosa gliela 'rubo' e te la ripeto anche io, aveva ragione a dirti che un mondo come lo vuoi tu è assolutamente possibile, nonostante eventualmente tutto e tutti. E sono sicura che di lei tu abbia preso non solo la dolcezza, ma anche la forza, quella di costruirti quello che più desideri e che più brami, anche lentamente se serve, perché la fretta non serve a niente e nessuno, e quando finalmente sarai in vetta alla cima della montagna che tu avrai scelto come quella giusta da scalare, allora potrai dirle che quello è anche suo. E sta tranquillo che lei lo sentirà.

    ...E ti vengo a cercare con la scusa di doverti parlare, perché mi piace ciò che pensi e che dici, perché in te vedo le mie radici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao piccolina :)
      Come sai io ti amo, iniziamo col dire questo :) Che poi sarebbe la cosa principale da dirti per tipo 4/5mila commenti di risposta, prima di iniziare a scrivere qualsiasi altra cosa :) Tu fà quandi conto che te lo abbia ripetuto tutte quelle volte e, allora, posso cominciare a replicarti, adesso :*
      So come sei tu e come "vedi" questi miei post, su questo preciso argomento, perchè come hai ben detto tu ne abbiamo parlato nello specifico, come poi (ed è bellissimo dirselo e ricordarselo) noi parliamo sempre di tutto :) Ma detto questo, il tuo commento dimostra inequivocabilmente quanto quello che puoi dirmi ANCHE su questi argomenti sia altrettanto eccezionale, perfetto e bellissimo di quanto non fai commentandomi tutti gli altri. Quindi, assolutamente, non "sporchi" nulla, anzi semmai impreziosisci, valorizzi, metti in risalto. Questo fai, e questo hai fatto qui, trovando parole che mi hanno toccato tanto, delicatissime, sincere, dolci e profonde come solo tu sai essere. Perchè, e te l'ho detto giusto ieri, quando lasci uscire questo lato di te... sei disarmante. Amo ogni tua sfaccettatura, lo sai, ma il tuo lato dolce è qualcosa di inarrivabile, che amo e adoro alla follia, che mi fa stare così bene, così in pace, così felice. Poi lo so che tu da scorpioncina e regina di Sparta non riesci mai del tutto a "cedere" ma... io te l'ho già detto, è non è una battuta... la tua VERA natura, per me, è questa. Tu sei questa, e sei assolutamente stupenda :)
      E non ti scriverei mai frecciatine, sai bene a chi mi riferivo, come pure che il tuo caratterino a volte peperino e "tostolino", diciamo così, è ben altra cosa rispetto a ciò cui io facevo riferimento ;) Poi certo, se fossi più "morbidella" talvolta.... ma non si può aver tutto dalla vita ^^
      Torno romantico, dai, e... ti ringrazio moltissimo. Per il legame di sangue si, hai ragione, me lo hai detto spesso e questo mi ha aiutato tanto, quindi colgo l'occasione per ringraziarti della tua comprensione e vicinanza, anche qui, anche così :* La vedo assolutamente così come mi suggerisci tu, e non vedo l'ora che tutto ciò si realizzi, per essere felice in quel modo assolutamente specialissimo... assieme a te :)
      Venendo quindi ai legami, quelli si, davvero importanti, beh... io penso che si, sarebbe certamente felice di leggere questa parole per lei perchè amava farlo coi miei temi e con le cosine che scrivevo in ogni occasione, ma credo pure che sarebbe altrettanto felice di leggere... te :) di leggere quello che scrivi tu e di conoscerti, perchè le saresti senza ombra di dubbio tanto piaciuta, e perchè hai capito profondamente quello che è stata per me e che era a prescindere da me, come donna.
      Anche se ovviamente non sarà come vorrei, a causa della malattia... spero davvero tu possa incontrarla, che tu voglia soprattutto, mi farebbe piacere anche solo che tu possa essere lì, un momento. Mi auguro davvero sia possibile ;)

      --->

      Elimina
    2. --->

      E si, è stata quello che hai scritto e molto di più, e la mia mamma le somiglia molto quindi avendo visto lei puoi intuire un pochino come potesse essere. Una donna piena di vita, di idee, soprattutto di attenzione ed incondizionato affetto per chi amava. Questa è la cosa più speciale e bella che mi ha insegnato, perchè se tu dai tutto per chi ami... quella persona non potrà che fare lo stesso. Ecco, io voglio portarmi dietro questo di Lei, oltre ai mille giochi e alle infinite cose che mi ha insegnato, la consapevolezza che se dai amore te ne torna, e fa bene a te e agli altri, perchè appunto crea legami così, indissolubili nonostante tutto e tutti. E' un qualcosa che mi auguro di saper portare avanti, come insegnamento per chi verrà, come modo di vivere proprio nei confronti dei miei affetti di oggi e di domani. E spero sarai felice di pensare che tu sei sia nella prima che nella seconda categoria, bellissima mia :*
      Ho detto tante cose di Lei e ne hai dette tante bellissime tu qui. Non voglio aggiungere molto altro perchè non serve, abbiamo già detto tutto e la tua citazione finale ci sta benissimo. Conosco bene le mie radici, le amo e me le porterò dietro sempre. Voglio però rafforzarle ancora più, farle conoscere in futuro a chi non ha conosciuto direttamente e poi... le voglio fondere con altre. Le più belle del mondo, quelle con cui mi "intreccio" meglio. Ovviamente, le tue.

      Ti amo, grazie amore mio... :*

      Elimina
  7. Caro il mio Maurizietto , ho letto questa notte il tuo bellissimo post e la meravigliosa figura di tua nonna. Un vero peccato ..io ne ricordo a mala pena una e solo ricordo la sua abilità nel fare da mangiare.
    Per quanto riguarda le brillanti maschere che siamo abituati a sostenere in questo mondo non ho parole. Mai uno che riesca a comportarsi nella maniera più degna , ammettendo i propri errori cosa naturalissima pertanto, facendo passare nel silenzio comportamenti veramente penosi. Sono severissima in questo periodo in questo campo, perchè ho assistito a parecchi episodi di questo genere da persone che non avrei mai crerduto tali.
    La coerenza è la cosa migliore, e a te ( a voi dovrei dire) certo non mancano..
    Bacio adorabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nellina carissima :)
      Dal punto di vista della nonna beh, credo di essere stato infinitamente fortunato. Probabilmente anche per questo hanno pensato bene di "compensare" attraverso l'assoluta mancanza di un altra figura "cardine", prendiamola a ridere :) Ma a parte le scemenze, io ho davvero amato mia nonna solo meno di quanto lei amava me, questo lo posso dire con certezza e senza nessuna vergogna, mi dispiace anzi che lei non possa sentirsi dire tutte queste cose ora, in quanto c'è ma... di fatto, purtroppo, ma malattia la rende "assente" con la mente, che è ciò che più conta. E' il dolore peggiore, ma io non demordo e forse anche per questo motivo, per cercare di comunicare in qualche modo con lei come vorrei fare personalmente, ne scrivo qui.
      Poi ovviamente ogni famiglia, ogni rapporto, ogni persona è a se stante, e quindi magari tu non hai ricordi specialissimi della tua ma ne avrai di certo di altre figure del tuo passato, e perchè no del presente, visto che sei una persona alla quale, direi, si può volere solo che bene :)
      Per quel che riguarda i comportamenti, ehhhhhhh... ce ne sarebbe da dire! io qui mi sono concentrato sulle cose "basilari", cioè avere almeno la decenza di chiedere scusa, di preoccuparsi degli altri, di ammettere gli errori palesi. Non dovrebbero essere cose eccezionali, eppure per alcuni sembrano essere quanto di più faticoso possibile. E appunto si trincerano dietro silenzi imbarazzanti, comportamenti immaturi, talvolta pure improvvise considerazioni senza nè capo nè coda in cui vorrebbero pure riuscire a passare, loro, per vittime. Incredibile.
      Mi dispiace perciò se, come leggo, anche tu hai conosciuto gente così, che ti ha deluso e fatto soffrire, ma anche qua non dubito che ce ne sono necessariamente di più che, invece, giustamente non nutrono che affetto e non hanno che comportamenti corretti nei confronti della nostra Nellina :)

      Un caro abbraccio a te, allora, e un nuovo "grazie" speciale per le tue parole, sempre delicate per me e non solo... :)

      Elimina
    2. Tesoro di un Maurizietto non ho molti ricordi familiari..i miei ricordi maggiori sono del collegio e credimi, niente affatto spiacevoli..
      Baciottone serale!

      Elimina
  8. elegante...credo sia il complimento più bello si possa fare ad una donna...
    me lo ha fatto per mia fortuna qualcuno..il mio terapeuta...
    in quei giochini'dimmi come sono in 5 parole'...
    ho chiesto anche a mia madre ma ne ho ricavato che non mi conosce affatto.
    ho conosciuto solo una nonna...quella paterna....
    affettuosa..sincera....calda..
    mi ha lasciato troppo presto...


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Grazie di questo commento inatteso, prima di tutto. Sicuramente un bel complimento nasce da una bella persona, e in questo senso posso garantirti che le mie parole sono state anche poche e inadatte rispetto a quello che era, e a quello che quindi avrei potuto dire sicuramente meglio.
      Mi dispiace per tua nonna, per il fatto che ti abbia lasciato troppo presto, ma mi sembra che tu ne abbia un bel ricordo e questo è sicuramente un "lascito" che rimane e rimarrà sempre dentro di te.
      Quindi beh, ti ringrazio per il tuo passaggio e mi permetto di aggiungere che non avrei pensato mai di trovare un verso di Cecco Angiolieri nel nickname di qualcuno, e invece... :) sicuramente scelta davvero originalissima :)

      Buona settimana :)

      Elimina
  9. Ciao Maurizio,ho aspettato a leggere il tuo post,ho aspettato perché di questi tempi corro spesso e un po' mi dispero perché le cose che vorrei gustarmi lentamente in realtà mi sfuggono,ma i post dei miei "amici virtuali" li voglio leggere con calma e ho fatto bene ad aspettare perché questo post è meraviglioso,la tua persona che è arrivata a comprendere tutto ciò è meravigliosa, e fa nulla se per una volta ogni tanto lascio andare qual che in fondo sento senza temere di essere "mielosetta" questa volta è più che meritato :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina, ti rispondo anche qui, in "arretrato" ma non c'è problema, nè poi c'è un tempo prestabilito per un commento. E, anzi, apprezzo ancor più che tu abbia occupato il tuo tempo per farlo, per dedicarti a questa lettura qui da me, davvero :) Anche perchè so che vai molto di fretta ultimamente, quindi ti ringrazio molto per il modo affezionato che hai di seguirmi :)
      E grazie poi per le bellissime parole sul post e su di me, anche se nel caso specifico la meraviglia più grande era il cuore e l'animo della persona di cui ho cercato di raccontare, credimi :)
      E per il miele va benissimo... io preferisco infinitamente di più quello, se ovviamente è autentico, a chi filtra sempre e comunque ciò che sente: se qualcosa scatena un'emozione in noi, è bello farla uscire, esattamente così com'è :)

      Un abbraccio, e grazie! :)

      Elimina