mercoledì 29 aprile 2015

"You can be my whole World if I can be your Satellite"

Due innamorati, le mani di Lui a stringere il viso bellissimo dell' amata, un bacio dolce e lungo nel sottopassaggio dell'ormai solita stazione. E' vita vera e non un film, ma se fosse un film ed iniziasse in questo modo allora ci starebbe alla perfezione una dissolvenza. Un salto temporale di oltre un anno e mezzo da oggi, o meglio e più precisamente da lunedi scorso, che catapulti lo spettatore alla metà di novembre del 2013, stessa location, ritrovando i medesimi protagonisti nel momento in cui tutto ebbe inizio, ed iniziando a raccontare la loro storia.
Che da lì potesse nascere qualcosa di bello era in una qualche misura prevedibile, per tanti motivi che non serve nemmeno spiegare perchè si "sentono" e basta, o ci sono o non ci sono, e nel loro caso di sensazioni forti ce n'erano in quantità industriale. In fondo se vogliamo era pure ipotizzabile che questo rapporto potesse diventare di lì a poco davvero importante, perché nei mesi precedenti quel primo incontro si era capita fin troppo bene l'aria speciale che si respirava tra Lui e Lei, e che il legame che si stava venendo a creare non era una cosa da poco. Ma che sarebbero poi trascorsi oltre 18 mesi meravigliosi ed intensi, pieni di gioie ed emozioni infinitamente più grandi di quelle che i due potessero mai desiderare e sognare questo non era tanto prevedibile, figuriamoci quindi se poteva essere previsto.
Bello e imprevisto, anzi bello in quanto imprevisto. Probabilmente è proprio questo il segreto della felicità, quando resti sorpreso, travolto, da qualcosa che non ti aspettavi e che supera in positivo ogni tua immaginazione.
Supera invece tutto e tutti Lei, capitata a Lui come un dono dal cielo e sua immensa ed inimmaginabile fortuna. Lui ne è rimasto semplicemente folgorato e così l’ha "strappata al mondo" prima che potesse rendere meravigliosa la vita di qualcun altro, riuscendo incredibilmente a metterla liberamente nella sua perchè solo quello era, è e sempre sarà l'unico posto che Lei può occupare. A quel punto le ha costruito attorno un ideale muro che non rappresenta però una costrizione, perchè non serve a porre limiti o stabilire limitazioni ma che è piuttosto un muro d’amore, un muro di passione, semplicemente la delimitazione del luogo privilegiato ed esclusivo dentro al quale intende tenerla e proteggerla, riversandovi tutta la sua voglia di rendere memorabile questa storia. Le pareti sono quindi colorate, vivaci, rallegrate dalle sottili e saggie pennellate di Lei che ne definiscono la ben più grande immagine complessiva, come in un quadro impressionista.
Ad unirli c'è un sentimento autentico ed imperante, totalizzante e pieno, vissuto però da ambo le parti con tanta lucidità e profondo senso della misura, niente dichiarazioni esagerate ma tanti fatti concreti e tangibili, niente illusioni pronte a sgretolarsi ai primi freddi ma chiare e sincere promesse fatte col cuore e con la testa che passo dopo passo, giorno dopo giorno, si vedono realizzate e li avvicinano così sempre più a giungere proprio là dove desiderano arrivare, dove i loro sogni incontrano la più eccezionale delle realtà. Là dove possono essere, arrivare e stare solo e soltanto loro due insieme, ovvio.
Spesso raccontando di incontri che cambiano la vita delle persone si parla di traiettorie del destino, ma questa non è stata una traiettoria perché una traiettoria ammette delle possibilità alternative, mentre qui ce n'era solo e soltanto una. Non è stata neanche una parabola perché una parabola dà tempo per accompagnarla, sperarla, seguirla, guardarla, in questo caso invece tutto è accaduto in un attimo. Semplicemente insomma per loro trovarsi è stato inevitabile: doveva andare così, non poteva che andare così, non poteva accadere diversamente.
Può sembrare forse un eccesso d'amore, ma l’amore non è mai in eccesso, anzi più ce n’è e meglio è. E se anche lo fosse loro sono assolutamente disposti ad affrontarlo, in nome di quel "Ti Amo" che continuamente si scambiano e si ricambiano, le cinque lettere più naturali, importanti e straripanti che esistano, la sintesi perfetta in cui racchiudere tutte le emozioni racchiuse nelle loro anime.

E se adesso il regista contro-sfumasse tornando alla scena iniziale sarebbe il giusto momento per il gran finale, senza bisogno di aggiungere altro alla storia. Perchè a volte uno sguardo vale più di mille parole, e questa è proprio una di quelle volte. E così gli occhi dolcissimi di Lei prima dell'ennesima temporanea separazione la dicono lunga su quanta parte abbia ormai Lui nella sua vita ed in quella che, senza neanche nasconderlo più, entrambi desiderano crearsi insieme, perchè non c'è alcun dubbio nella loro mente e nei loro cuori che potrebbe far loro ipotizzare un epilogo differente. Una vita che li veda costantemente l'uno al fianco dell'altra in ogni momento, quella nella quale fanno continue immersioni ad ogni loro incontro sbirciando nel futuro, quella che li aspetta ad un passo da qui.
Ed è proprio a questo che pensa Lui trovando il modo di incrociare lo sguardo dell'amata anche una volta salito a bordo del treno ormai pronto a partire, fermardosi davanti al finestrino per riempirsi gli occhi e il cuore di Lei fino all'ultimo istante possibile. E' un modo per dirle che non può più starle neanche un istante lontano, e per rispondere "Anch’io, amore mio" al "Ti amo" scritto sul viso dolcissimo e sorridente della sua bella, che già non vede l'ora di ritornare il prima possibile a baciare ed a stringere a se.



"Non sopporto vedere i momenti scomparire,
ma stanotte la sabbia si ferma.
Quindi prendi la clessidra e rompila,
cosi potremo restare per sempre dentro questa atmosfera"

venerdì 17 aprile 2015

La "Mia" EXPO

Svariati promo in tv o sui cartelloni delle città ci ricordano che a Milano, dal 1° di Maggio al prossimo Ottobre, c'è l'EXPO 2015, invitandoci ad andare per vivere un'esperienza particolarissima dando sostanzialmente uno sguardo nel futuro. Ben 37 treni speciali al giorno collegheranno per l'occasione tutta Italia con il luogo di questo evento, che diventerà quindi inevitabilmente un punto di riferimento per visitatori, giornalisti, televisioni e quant'altro per i prossimi mesi.
A questo punto deluderò forse qualcuno ma, se proprio devo dirla tutta, l'EXPO che interessa a me è decisamente un altro, che si terrà poi non lontano da Milano ma... è davvero tutta un'altra cosa. Ho infatti scoperto con mia somma gioia che a Torino, da inizio Luglio a metà Novembre, sarà possibile visitare l' Expo del 30° Anniversario di Ritorno al Futuro, e questo per me si che è un "must" da visitare! Potrà suonare un pochino nerd ma chi se ne frega, un evento così per chi ha amato come me quella splendida trilogia è assolutamente imperdibile :) Un film che ha segnato una generazione, che è diventato un vero e proprio "cult" per gli appassionati di cinema e che soprattutto ha scatenato la fantasia dei suoi innumerevoli fans sparsi in tutto il mondo.
Ma ci sarebbe decisamente troppo da dire su questo capolavoro degli anni '80 che, credo, non ha bisogno di presentazioni, quel che quindi è certo è che, EXPO per EXPO, io me ne vado qua: volete che da Luglio a Novembre non trovo un week-end per andar lì, gustarmi questa imperdibile esposizione con tanto di museo "scenograficizzato" (sto aspettando solo che esca il programma sul sito che ho linkato per sapere quando c'è la macchina del tempo aperta al pubblico, una volta che vado fin là... devo salirci! ^^), fare a quel punto una doverosa capatina anche al vicino museo egizio e tornarmene lieto e felice a casetta mia? Impossibile resistere, e ancor più impossibile perderselo, al cuore del resto non si comanda quindi non vedo l'ora di poter fare, nel futuro, questo straordinario e direi indimenticabile viaggio nel passato :)

Insomma la mia collezione di gadgets, della quale propongo qui un piccolo reperto fotografico parziale con le riproduzioni delle 3 automobili dei vari film in edizione limitata a me immensamente care, aspetta "rinforzi" ^^ come pure le cornici delle pareti di casa mia :)



Un saluto a tutti voi, alla prossima! ;)

mercoledì 8 aprile 2015

Aprile

Non so chi abbia inventato il detto "Aprile dolce dormire", in ogni caso non gli credete, posso infatti garantire che ultimamente tutto sto facendo meno che dormire ^^
Sarà il passaggio all'ora legale con l'annesso "sfasamento" che si porta sempre dietro (personalmente molto più evidente di quando capita al contrario, per l'ora solare), sarà il tempo parecchio strano che un giorno sembra già primavera e quello dopo pieno autunno, sarà semplicemente un caso, fatto sta che qui davvero di occasioni per dormire ce ne sono proprio poche. Non che poi sia un male eh, anzi in generale forse dormiamo pure troppo e quindi se riusciamo ad occupare bene il tempo sottratto all'abbraccio di Morfeo non credo sia mai un fatto sbagliato o negativo.
Insomma, il mio Aprile è iniziato con molte poche ore di sonno ma in compenso tanti pensieri e cose da fare, il tutto mentre aspetto ancora l'arrivo del mio già citato nuovo divano (previsto ad inizio/metà maggio) che, ovviamente, sarà il luogo dove riposerò le mie membra tanto affaticate dalle faccende di questo mese, mi pare ovvio e pure perfetto come "tempistiche" ^^
Ma questo evento dista ancora tante e tante lune, perciò meglio non pensarci troppo, anzi meglio ancora far quasi finta di dimenticarselo, affinchè il periodo d'attesa scorra più velocemente possibile. Nel frattempo ho provato a spostare alcuni mobili di casa sentendomi parecchio come quei designer d'interni stilosissimi dei canali TV tipo Cielo, Real Time e affini, ho comprato il nuovo CD dei Nickelback che non mi è spiaciuto pur se effettivamente spazia più del preventivato su diverse sonorità, ho anche provato l'ebbrezza di recarmi a comprare vestitini per neonati, per il bimbo del mio amico, ed ammetto che al di là dell'impaccio iniziale (non avendolo io mai fatto prima) si è rivelato anche divertente. La mia "Personal Fashion Nanetta Shopper" mi ha pure detto che ho buon gusto (l'arancione è il mio colore di tendenza della primavera 2015, sappiatelo ^^) e che in futuro si sentirà sicura anche di sguinzagliarmi (mai termine fù più adatto ^^) in queste faccende, cosa posso volere di più?
Ah, ho pure preparato una sopresa per l'ormai vicinissimo compleanno di uno dei miei migliori amici, non vi dò maggiori dettagli qui e ora perchè sia mai che lui leggesse (seppure non penso accadrà, primo perchè si affatica anche solo al pensiero della lettura e poi soprattutto perchè non sa farlo ^^), però ecco credo di aver buone possibilità che sia cosa gradita, o almeno a me personalmente a parti invertite piacerebbe molto, poi magari scopro che sono solo io ad esaltarmi per cose che ad altri non fanno nè caldo nè freddo, non lo escluderei a priori ^^ Ma vedremo, la risposta me la darà il tempo, come poi per tutto :)

Ehhh, se ci penso ci sarebbero davvero tante e tante altre cose da dire e raccontare, ma come al solito o per scelta o per opportunità me le tengo per me (sono una persona a modo io, non pare ma... così è ^^), quel che posso dire è che bolle tanta roba in pentola e quindi c'è davvero tanto da fare e soprattutto tanta voglia di farlo, e questo penso che sia un punto cardine di fondamentale importanza e grande positività :)
Perciò mi congedo da questo mio post "offrendovi" un pezzo appunto tratto dal CD di cui vi ho parlato, di facilissima traduzione e, direi, con un messaggio che penso sia "buono" per tutti e che quindi a tutti voi estendo :) Riempite la vostra vita di quello che volete metterci dentro, non aspettate chissà chi o chissà cosa ma siate voi i protagonisti del vostro tempo e di quello che vi accade ;)


Tra l'altro ho trovato davvero originale, nella sua semplicità, l'idea di questo video, ha un non so che di affascinante per quanto mi riguarda, mi fa venire in mente soprattutto il "mondo" di qualcuno a me infinitamente caro, fatto di agendine, quaderni, colori, parole... insomma, proprio bello :)

Alla prossima! ;)