giovedì 21 gennaio 2016

"Gli InterrogATTIVI" Ep. 2 - Evil Evey


Nuova settimana e nuovo episiodio de "Gli InterrogATTIVI", iniziativa che sto portando avanti dall'inizio del mese di Gennaio e della quale trovate ogni dettaglio QUI. Per chi ancora non lo sapesse, comunque, si tratta di una nuova rubrica che troverà spazio nel mio blog, totalmente dedicata a voi ed aperta a raccogliere ogni vostra domanda e curiosità.
Vi invito quindi nuovamente a partecipare numerosi a questo "esperimento" che sto cercando di metter su, inserendo tutti i quesiti che vi vengono in mente nei commenti al post introduttivo che vi ho linkato, e che saranno lo spunto per le prossime puntate :)

Riepilogo episodi precedenti

Per questo secondo appuntamento con "Gli InterrogATTIVI" risponderò alle domande di Evil Evey, con la quale ci siamo incrociati ormai diverso tempo fa, quando aveva un altro nome e un altro blog. Da un simpatico post su Sheldon di "Big Bang Theory", che portò al primo scambio di commenti, è nata e si è sviluppata questa nostra conoscenza, anche grazie alle tantissime belle letture che ho potuto farmi nel suo spazio, ricco di curiosità, aneddoti ricercati e per me impensabili, disquisizioni artistiche e musicali e, soprattutto, emozioni vere nei racconti di una vita, verissima e piena, come è la sua.
Mi fà perciò molto piacere rispondere alle domande che mi ha posto, per lo più incentrate sul mondo dei libri di cui lei è ottima autrice e instancabile divoratrice ^^
Benvenuti dunque al secondo episodio de "Gli InterrogATTIVI":

1) Libri preferiti? Come per molti altri ambiti della mia vita, mi piace "spaziare" nei generi, negli stili e nelle tematiche, conoscere tanto e riuscire a farmi un'idea personale di un pò di tutto, e da questo punto di vista i libri non fanno eccezione. Anche se oggi, effettivamente, leggo molto meno di prima (e questa è senz'altro una "colpa", pur se giustificabile), è altrettanto vero che ho cercato di leggere molto in passato, e che questo bagaglio, piacevolissimo ed importante, me lo porto dietro. Il mio primissimo ricordo legato ai libri sono, ovviamente, quelli delle fiabe che mi leggeva mia nonna (o meglio, li tenevo io per guardare le figure, dal momento che lei le storie le sapeva a memoria e non ne aveva bisogno). Può sembrare una sciocchezza eppure anche questa tipologia di libri ha avuto un "peso", assolutamente non irrilevante, nella mia vita, ho infatti sempre cercato di tener viva in me la fantasia di cui ovviamente strabordavano come, pure, trasportato nel mio quotidiano quella ricerca del "lieto fine" nelle cose, nelle persone e nei progetti. Quel quasi "bisogno" che, al momento cruciale, tutto possa andare come si spera, anche quando sembra tanto difficile. Si, è una visione un pò utopistica forse, me ne rendo conto, però a me non dispiace.
Poi è venuto il tempo dei gialli, non scherzo se dico che li ho davvero divorati, terminando velocemente un'intera collezione per bambini (della quale ricordo nitidamente "Assassinio sull'Orient Express" di Agatha Christie) e passando quindi a quelli dei "più grandi". Era un periodo un pò così in cui volevo fare il detective, e mi guardavo anche "Chi l'ha visto?" su Rai3... :)))
Quindi ho iniziato a leggere, soprattutto nell'epoca del Liceo, i libri quelli "veri", quelli classici diciamo oltre a diversi libri d'autore ogni estate, appassionandomi in particolare, non chiedetemi perchè, a Boccaccio. Ho letto tutto il "Decamerone" in brevissimo tempo, sarà pure che il contesto dove mi trovavo mi offriva ben poche alternative. Così ho iniziato anche a leggere le raccolte di poesie, Foscolo (allegria! ^^), Leopardi, Ungaretti ecc... Non conto ovviamente la "Divina Commedia", i "Promessi Sposi" e i vari canti dell'Iliade e dell'Odissea, molto affascinanti ma ovvio materiale, per il tipo di studi che ho fatto, scolastico.
Dopo la scuola mi sono messo a leggere cose proprio diverse, ad esempio dei manuali di tattica militare romana e greca, libri umoristici di vari autori italiani, biografie, romanzi di vario tipo e stampo. Per intenderci passavo senza problemi dal "librone" del "Signore degli Anelli" alla biografia di Pippo Inzaghi regalatami, per scherzo ma io poi me lo sono letto davvero, da un caro amico :) Quindi, totalmente, da un genere a tutt'altro ^^
Comunque, e conlcudo, se dovessi dire quale libro abbia preferito in assoluto dico "Salvate il soldato Ryan", che ho letto nel 2000 e mi appassionò tantissimo. La cosa bella, poi, fu che vedendo successivamente il film (meraviglioso) diretto dal genio di Spielberg e con un Tom Hanks monumentale non rimasi deluso, come invece solitamente accade a chi legge prima il libro e poi va al cinema, anzi lo trovai assolutamente vicino a ciò che, leggendo, avevo immaginato io. E poi va detta un'altra cosa su questo libro, una "casualità non da poco": lo lessi nel mio unico soggiorno, con la mia famiglia, in Calabria. Non ci sono stato mai prima e mai dopo, lì, ad eccezione di quando, ormai oltre due anni fa, sono tornato per Paola. E beh, questo libro, caso vuole, lo lessi proprio in una località di vacanza sul mare Tirreno che si chiama Paola. E, come ho detto, è quello che ho preferito in assoluto in vita mia. Poi fate voi, io però non credo sia una coincidenza! ^^

2) Libro fino ad ora più detestato? "Il giorno della civetta", di Leonardo Sciascia. Non per niente, ma dovevo leggerlo per la scuola e, davvero, mi è pesato farlo dalla prima all'ultima pagina, non mi ha appassionato per nulla, nè la storia, nè il contesto, nè lo stile. Per quanto sicuramente abbia avuto una sua importanza per il messaggio che ha veicolato allo Stato, aprendo gli occhi dell'opinione pubblica su una tematica quantomento "scomoda", l'ho trovato davvero un libro "pesante", e ritengo molto probabile che, non fossi stato "costretto" a leggerlo, volontariamente mi sarei interrotto ben presto nel farlo.

3) Ultimo libro acquistato? "Non si esce vivi dagli anni '80", che ho preso come regalo per il compleanno di un mio amico. Forse definirlo libro è troppo, perchè è costituito da una serie di pagine nelle quali, accanto a una bella foto a colori, si elencano svariati motivi per i quali i nati negli anni '80 sono persone diciamo "speciali", avendo vissuto gli anni più ruggenti della tv ed essendo rimasti "segnati" quindi da "Heidi", "Genitori in Blue Jeans", "Chips" con Ponciarello e tutti gli altri programmi indimenticabili dell'epoca, visti ovviamente da un punto di vista umoristico e divertente. Al mio amico è piaciuto molto, di certo si è fatto quattro risate di gusto che, a volte, sono la cosa più importante di tutte :)

4) Ultimo libro letto? "Open", la biografia di Andre Agassi. E io non amo ne seguo il tennis eh, però mi è capitato sotto mano e, cominciando a sfogliarlo... mi è piaciuto. A parte che Agassi ha davvero cambiato il mondo del tennis col suo stile, non solo sul campo, e qui svela molti retroscena del suo lato umano inedito, ma soprattutto è stato un libro "forte", per me, nel racconto del rapporto col padre, ossessivo e brutale con lui nel volerlo rendere un campione in quello sport che il giovane Andre invece, per assurdo, aveva finito per detestare, dal momento che le pressioni paterne lo avevano reso solo e triste, insomma tutto ciò che un bambino non dovrebbe essere. Forse mi ha interessato tanto perchè tratta di un qualcosa che non conosco, in cui quindi non mi riconosco ma che magari, se qualche "sliding doors" del destino si fosse aperta o chiusa diversamente, avrebbe potuto anche far parte della mia vita. E' una bella biografia, ve la consiglio.

5) Svelaci qualcosa (qualsiasi cosa a tua scelta) che non conosce nessuno! Beh... la prima, primissima squadra di calcio per la quale ho fatto il tifo è stata la Sampdoria! ^^ Ovviamente per tipo 6 mesi eh, però quando ho iniziato ad appassionarmi al calcio c'era un calciatore, Gullit (ciao Franco! ^^), storica icona del Milan, che stava finendo la sua carriera alla Sampdoria e... non so, mi faceva simpatia, con quelle treccine assurde che non avevo mai visto ^^ Quindi avevo deciso di tifare la Sampdoria, tanto che mio zio passò per Genova e mi prese la sciarpa e il completino di Gullit, fuori dallo stadio di Marassi. Poi "intervenne" mio fratello in maniera energica e mi ha riportato sulla retta via giallorossa :D Anche se ho ricordi molto nitidi di me davanti a "Quelli che il Calcio" a esultare ai gol della Sampdoria per quei pochi mesi ^^

E anche per questo episiodio è tutto! :)
Come già detto in precedenza, mi raccomando non dimenticatevi di lasciarmi QUI le vostre domande, per alimentare questa mia rubrica la cui esistenza... dipende da voi! ^^

Porgo quindi i miei ringraziamenti a Evil Evey per aver preso parte a questa mia iniziativa e per il tempo che ha voluto dedicarmi, congedandomi anche stavolta con un pezzo musicale "omaggio": non credo di sbagliare scegliendo per lei questo gruppo e questo pezzo, in cui Eddie Vedder con la sua voce graffiante rivendica la sua "proprietà" sulla sua stessa vita. Che appunto è sua e di nessun altro, nonostante tutto e tutti :)


Alla prossima! :)

27 commenti:

  1. Post interessante, non sei il primo che parla bene della biografia di Agassi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, come ho scritto mi è capitata sotto mano per caso, tramite mio fratello che vedevo la leggeva con grande interesse e, quindi... ho provato. Saggia decisione, sicuramente ti lascia qualcosa ecco :)

      Elimina
  2. Bella lei :))))
    Vi voglio bene!

    RispondiElimina
  3. Ma quanta bella roba :) innanzitutto i tuoi libri preferiti, favolosi. Coi grandi classici non si sbaglia mai. E mi incuriosisce "salvate il soldato Ryan", non sapevo il film fosse tratto da un libro.

    Del libro su Agassi ne sento dire un gran bene, ma non mi invoglia alla lettura. Boh... Vedremo.

    E sai che io da piccola tifavo Milan, invece? Ero innamorata persa di Gullit :D

    Infine grazie mille per il pezzo. Ci hai preso in pieno. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eva :)
      Voglio partire dalla fine e allora dimmi, ma di Gullit eri innamorata più o meno di quanto lo eri di Massimino Di Cataldo? è un parametro importante, per capire... ahahah :))))))
      Comunque non lo so perchè mi prese questa simpatia per lui, cioè SUCCESSIVAMENTE ho anche scoperto che è stato un calciatore eccezionale (ha vinto pure il "Pallone d'Oro" e tantissimi trofei), ma all'epoca di certo non ci facevo caso, CREDO quindi fosse tutto legato alle treccine, se non sbaglio ricordo che facevano vedere ogni volta tifosi con i cappellini con le treccine incorporate, e deve avermi fatto simpatia ^^ E allora, visto che dal Milan era appena passato alla Samp, mi era preso di tifare la Samp, mi piaceva pure la maglietta :D
      Tornando ora però a noi, e alle domande che mi hai posto, se ne è uscito qualcosa di carino ne sono contento, ovviamente avrai/avrete notato che cerco di "allargarle" molto le risposte, ma va bene così penso, mi piace dare un tocco più personale possibile, anche per ringraziarvi dell'opportunità ;)
      I classici si, sono quelli, è vero, ma se sono "classici" un motivo ci sarà, e infatti ce lo ricordano sempre :) Il libro del soldato Ryan ignoro come mi sia capitato sotto mano, ma davvero mi appassionò tanto, poi come detto ho visto il film e mi è rimasto ancor più impresso :)
      Per Agassi io col tennis centro meno di zero eh... però è stato interessane, poi vedi se ti capita, magari guardi qualche passaggio e ti accorgi subito se ti "prende" :)

      Sono contento che ti piaccia il pezzo che ho scelto, cerco per quanto possibile di dedicarvi qualcosa che o so che vi piace "dichiaratamente" o dove ci vedo un messaggio adatto. Nel tuo caso, come è stato pure per Mariella, sono riuscito a fondere, direi, entrambe le cose, quindi mi fa rende molto felice se hai apprezzato :)

      Un abbraccio a te e buon fine settimana! :)

      Elimina
  4. Maurziett omio bello, io ti posso perdonare tutto , ma che tu fossi un Sampdoriano ..mai e poi mai..
    E sai perchè?
    Perchè io sono una genoana sfegatata e con qualsiasi squadra giochi la samp anche la più sperduta del mondo , sono felicissima di vederla perdente..
    Ora mi perdoni tu ? Sono sempre tua amica ? Lo spero..viva il magico Genoa ,lo amo forever..
    Baciottone ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so Nellina, errori di gioventù! ^^
      Ho anche alcuni amici genoani che me lo "rinfacciano" spesso, però che posso farci, Gullit era un signor giocatore, e molto spesso da piccoli capita che alcune cose o personaggi ci "rapiscano" ^^ E visto che aveva quella maglia... così andò ^^
      Anche se riconosco al Grifone di essere una società affascinante, bella la maglia, bello l'ambiente, è anche il club più antico d'Italia :)

      Comunque certo che io ti perdono, piuttosto fallo tu con me per la Samp! ^^ Un grande abbraccio, e speriamo il Genoa vinca tante partite, dai! ^^

      Elimina
    2. Povero Genoa ..l'ho seguito in momenti tristissimi e poi è una tradizione di famiglia . Mio padre da giovane giocava tra un'operazione e l'altra in ospedale nel Genoa cricket e football club..capirai e come si faceva a non tifare rosso blu?
      Bacissimo e ti perdono!

      Elimina
    3. Beh, in questo caso si può dire che il "Grifone", il rossoblù, ce l'hai nel sangue! :)

      Un grande abbraccio :)

      Elimina
  5. Se tu mi ascoltassi ed accontentassi la mia richiesta di regalarmi un libro al mese, vedresti come la buona abitudine di leggere tornerebbe anche per te!

    Ma come, il libro che più hai odiato è proprio quello che io scelsi di portare alla discussione dell'esame di terza media?Pf, non avevo dubbi, sei il solito razzista!
    Anche se ammetto che il film ha lasciato a desiderare, sarà che lo abbiamo visto con l'interesse di una classe di ragazzini brufolosi felice di saltare due ore di lezione :-P

    Il libro preferito (che è assolutamente quello che più approvo dato la coincidenza che ci hai raccontato ma che io ovviamente conoscevo) lo hai scelto benissimo. Seppur io parlo del film, perché già pensavo non mi avrebbe attratta nemmeno quello, è stata una storia bellissima e di solito leggerla piuttosto che vederla su uno schermo è più intenso, quindi...!
    Infine vorrei fare la spia su una risposta: in realtà il segreto sulla squadra di calcio non è una vera e propria cosa che non hai mai detto a nessuno. Mi aspettavo avresti scritto qualcosa di scabroso per cui ti avrei potuto pestare a sangue!Ma va beh, se te lo ha abbuonato Evil, posso farlo anche io.

    Sempre bravo a divagare piacevolmente, e se lo dico io che amo azzittirti...:-*
    Ti amo, ti amo e ti amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, presto o tardi, questa richiesta la esaudirò. Anche se potresti pure andare al primo mercatino e comprarteli tu i libri, ma vabbè, si sa che sei "Miss Pigrottola", e che oltre a questo non sborsi un centesimo ^^ Quindi va bene, prima o poi cominceremo a fare ANCHE questa cosa, per renderti felice sempre più :P
      Per Sciascia, ricordo che lo hai portato in terza media, ne abbiamo parlato (come di tutto il resto, ed è una cosa bellissima pensarlo e concretamente farlo, con te) ben prima di questo post, però oh... che ci posso fare se ti porti all'esame libri brutti! se fai scelte sbagliate è colpa tua, ma almeno, FORSE, una buona, alla fin fine, l'hai fatta... (modalità "super EGO" attivata! ^^)
      E il film era quasi più brutto del libro, e ho detto tutto!
      Per fortuna, possiamo davvero dirlo, che c'è il soldato Ryan, libro strepitoso, film superlativo, e coincidenza del luogo di lettura... davvero unica, particolarissima... e secondo me assolutamente non a caso. Ricordi sicuramente quella volta sulla spiaggia del lungomare di Paola (la cittadina, appunto)... in quell'hotel lì, su quella spiaggia lì lo ho letto, e tornarci con te, oltre che passarci ormai di continuo per te, è stato molto dolce, e significativo. Probabilmente era un "segno", per fortuna, un 12/13 anni dopo, lo ho colto :)

      Per la risposta sulla Samp so che te l'ho detto, a te, ma se tu sei una stalker seriale e un investigatore (nano) privato, e vuoi sapere tutto di tutti, facendo millemila domande... poi non puoi lamentarti ANCHE (^^) di questo! ^^
      E comunque oh, se io non ho scheletri nell'armadio e cose scabrose, se sono "lindo e pinto", candido come un angioletto appena uscito dalla lavatrice e lavato con ACE Gentile... che posso farci? :P
      Loro non lo sapevano e, come vedi, li ha incuriositi e stimolati mica poco quella risposta :)

      Ti amo anch'io, e come vedi sei sempre dentro ognuno di questi post, anche brevemente ma... ci finisci sempre, ed è bellissimo :) Aspetta quindi di leggere il prossimo... :-*

      Elimina
  6. E'terribile che la scuola in taluni casi, invece di avvivinare i ragazzi a certi libri, riesca a farli odiare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Sara, molto vero, a volte la scuola fa dei "danni" se non si sa come approcciarsi, e far approcciare i ragazzi, alle cose che vengono fatte studiare. Un bravo insegnante sa appassionarti, spiegarti, farti capire... purtroppo in quel caso non fu così, e quindi, con Sciascia, è andata come è andata ^^

      Grazie del tuo passaggio qui, torna quando vuoi, buona settimana! :)

      Elimina
  7. Ho letto tutte le risposte ma resto un po' confusa su quale sia il tuo genere di lettura preferito: hai parlato di vari generi, spaziando dall'adolescenza ad oggi, passando dai gialli, ai classici, ai fantasy, fino ad arrivare alle biografie.
    Ma un genere preferito? Posso aggiungere la domanda?
    Magari non c'è eh.
    Divertente leggere che Sciascia ti stava sullo stomaco, pensa io odiavo Pirandello. Per fortuna, con il tempo sono riuscita a rileggerlo con calma e a trovarlo magnifico. Ma c'è voluto un grande sforzo di volontà.
    Quindi sei stato un tifoso della Samp per colpa di Gullit. Ai tempi in cui ci giocavano Mancini e Vialli? Io ho visto i tre olandesi del Milan giocare insieme e dal vivo erano strepitosi, per cui capisco la tua passione per "treccioline" anche se a fine carriera. Il più grande di tutti è stato Van Basten. Una carriera spettacolare e tre Palloni d'oro, tutto finito a causa di infortuni e altri disastri. E dico tutto questo nonostante sia un'interista d'annata. Ma la grandezza quando c'è bisogna riconoscerla. E infine, su Agassi passo.
    Fino a quando queste biografie saranno scritte da giornalisti in nome e per conto lascerò perdere... Lo so, sono purista!
    Un abbraccio domenicale fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari :)
      In effetti, alla fine... sono confuso pure io ^^ Ma direi che si, semplicemente non c'è, ho letto e leggo un pò di tutto, non saprei determinare quindi un genere più gradito di altri :)
      Pirandello a me piaceva molto invece, Sciascia proprio... ma non per colpa sua, trovai il libro pesantissimo e pensa che mi rimediai, su VHS (!!!) pure il film, dopo averlo letto, per capire meglio. Non mi aiutà granchè ad appassionarmici e se ci aggiungi pure che di tutti i libri che ci avevano assegnato questo fu l'unico che non finì nel mio (erano a file) compito... ti fa capire bene, credo, quanto ho amato questa lettura, difatto del tutto inutile! ^^
      Quanto alla Samp, spiego nel dettaglio ^^ : parliamo della fine della stagione '93, in quel momento ero piccolino e inizio a "inglobare" la passione calcistica, tutta italiana, di fratello e parenti. E come detto, c'è sto Gullit che è nel Milan e mi fa simpatia. Ignoro quindi del tutto (ma successivamente assolutamente no, mi sono documentato ed era un vero spettacolo) il discorso dei 3 olandesi, i trofei, le qualità tecniche.. mi fa solo simpatia lui :)
      Quindi dico a mio fratello che a me piace sto Gullit del Milan, e in quella estate lui va alla Sampdoria... pare fatto apposta! ^^ Così inizio a seguire questa Sampdoria, 1993/1994, quella di Eriksonn e Mancini (Vialli era andato via alla Juve), con Platt, Pagliuca, Lombardo il pelato, Evani ecc... e Gullit tra l'altro quell'anno fece 15 gol in 30 partite, uno ogni due, quindi questa cosa era anche stimolante proprio, l'aver scelto un ottimo giocatore e non uno che era uno solo simpatico :D
      Poi però, vedendo questa mia passione "insolita" e sfruttando il ritorno al Milan dell'anno dopo, mio fratello e mio cugino iniziarono a farmi vedere la Roma, a mettere i poster di Giannini in camera ecc... e insomma, mi hanno "recuperato" ^^

      Un grande abbraccio a te, e grazie per i tuoi commenti sempre tanto "pieni" :)

      Elimina
  8. Ciao Maurizio! :-)
    Che Bella idea!
    Condivido l'amore per la Christie, anche io ho collimato la mia fase dei gialli con lei :-)
    Anche a te piace Tom Hanks? È uno dei miei attori preferiti!
    A presto per altre curiosità!
    G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Grazie intanto del passaggio qui, oltre che per il complimento alla mia "tentata rubrica", che ancora prima di chiamarla tale aspetto un pò... sono scaramantico ^^
      I gialli della Christie sono davvero piacevoli, geniali, ne ho un bellissimo ricordo assolutamente :)
      E quanto a Tom Hanks beh... io credo che lui dia valore a qualsiasi pellicola in cui viene inserito, cioè un film con lui ha un "peso" già solo per la sua presenza. Del resto parliamo di un attore monumentale, uno dei pochi che poteva reggere un film solitario e silente come "Cast Away" incollandoti allo schermo, o impersonificare in quel modo quasi commovente "Forrest Gump" rendendolo un personaggio credibilissimo, umano a livelli estremi, tanto "vicino" allo spettatore. Ma questi sono solo due dei suoi, tantissimi, capolavori, è uno che dove lo metti lo metti valorizza incredibilmente il film in questione, oltretutto sa essere sia drammatico che comico... anche se ripeto, per me, la suq grande forza è l'umanità, l'impersonificazione quasi assoluta che riesce ad avere coi vari personaggi... e tra questi c'è anche lo strepitoso ruolo in "Salvate il soldato Ryan" :)
      Quindi si, direi che piace anche a me Tom Hanks... giusto un pò ^^

      A presto, torna quando vuoi e buona settimana :)

      Elimina
  9. AhiAhi.
    A mio parere la Christie è stata tra le più noiose gialliste che abbia mai letto,tra i Poirot e le Marple non so chi mi abbia annoiata di più, tenuto conto che mi sono sempre sentita in obbligo di terminare un libro.
    Cristiana

    PS. Grazie del commento, brillante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Cristiana :)
      Ovviamente ognuno ha i suoi gusti, come è giusto, normale e direi pure positivo che sia, altrimenti piacerebbero le stesse cose ad ognuno di noi e saremmo tutti uguali ^^ Perciò "ci sta" tranquillamente non trovarsi concordi su un gusto lettarario, cinematografico ecc... ed è stimolante capirne i perchè e confrontarsi :)

      Per il commento ci mancherebbe, seppure non credo di aver "brillato" poi così tanto, ma grazie ^^

      Una buona giornata :)

      Elimina
  10. mi piace questo modo differente per raccontarsi un pò1 un abbraccio..ps io di gialli mooolto pochi e se tali si possono definire quelli che ho letto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cindy :)
      Beh, mi fa piacere che l'idea della rubrica sia apprezzata e stia comunque, nel suo piccolo, "attirando" voi che leggete, è nata proprio con questo proposito, raccontarsi un pò e diversamente da come può essere avvenuto in questi 3 anni (e oltre! ^^) di blog :)
      Per i gialli credo sia un discorso di "fasi", perchè appunto successivamente non ne ho più letti, mentre in quel periodo la sindrome da "chi l'ha visto!?" mi ha fatto pure leggere "i gialli di Padre Brown"... ahahah :))))

      Buona giornata a te :)

      Elimina
  11. Non leggo da nessuna parte il nome di Giorgio Faletti e state parlando di gialli 😱😆😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh si, anche Faletti ne è stato importante scrittore, anche se poi a un certo punto (almeno io) ne ho un pochino confuso il ruolo, visto che aveva iniziato a fare l'attore in diversi film. In ogni caso, peccato per la sua prematura scomparsa un anno e mezzo fa.

      Elimina
  12. Poco a poco conosceremo tutto di te. Per i libri sono attualmente su quelli un po' spirituali ed in francese. Quando si invecchia si comincia a pensare all'altra parte dello specchio. Per quanto riguarda il calcio tifavo Juve ma, dopo i vari scandali mi sono allontanato da questo sport. Quando abitavo a Roma (tu non eri ancora nato) alle volte qualche combriccola mi fermava al ritorno da scuola e mi chiedeva : Roma o Lazio? Immancabilmente rispondevo "Venezia" e me ne andavo via. Devo anche dire che per la mia età avevo una bella stazza che mi permetteva di difendermi. Ti confermo che la tua idea mi è piaciuta molto e vedrò di porti, appena possibile, una serie di domande, oltre a quella già inviata sul tuo primo post dove oggi ho anche risposto a Nella confermando il tuo dire. Un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio :)
      Eh si, la "finalità", se così si può definire, della rubrica è proprio questa, ovviamente sperando che quel che ne viene fuori sia per voi interessante da conoscere, diversamente forse era meglio non farlo, ahahah :)))))
      Mi incuriosisce il discorso dei libri spirituali, intendi tipo quelli scritti dai santi/personalità importanti/studiosi e cultori della fede? o che parlano di spiritualità in generale, magari scritti quindi da persone esterne e non per forza dal punto di vista "cristiano"? :)
      Per quel che riguarda il calcio, sicuramente negli ultimi anni se ne salvano pochi da tutti questi scandali, giusto giorni fa hanno aperto una nuova inchiesta sulle evasioni fiscali, e insomma, dopo gli arbitri corrotti e i giocatori che si vendevano le partite... se ne poteva fare a meno. Però l'appassionato, vuoi o non vuoi, resta comunque coinvolto e non riesce a chiamarsene fuori nonostante tutto, è un pò nella nostra natura credo ^^
      Simpatico il tuo ricordo dei tempi della scuola (anche se non ho capito il riferimento alla stazza, nel senso, se non dicevi di essere della Roma o della Lazio ti davano fastidio? spero di no!), il Venezia tra l'altro ha avuto anche dei bei trascorsi (seppure un 2-2 lì negli anni di Capello ci è costato uno dei tanti scudetti persi), ed è una città assolutamente bellissima :)

      Sono contento se anche a te piace l'idea della rubrica, e ovviamente quando vorrai puoi aggiungere nuovi quesiti, il primo che mi hai posto l'ho trovato interessante e, ti svelo un segreto, è già pronto per la pubblicazione ^^ Avendo davanti un bel viaggio e giorni molto pieni, mi sono anticipato il "lavoro", e spero ne uscirà una riflessione interessante :)
      E per quanto riguarda il discorso con Nella, credo che adesso sia tutto chiarissimo e non ci sia alcun problema, semplicemente non vi siete capiti ma il tuo riferimento al fatto che, semplicemente, volevi fare una domanda diversa da quelle più personali e incentrata su un tema quindi differente, almeno a me è sempre stato chiaro dall'inizio ;)

      Una buona giornata e un abbraccio a te :)

      Elimina