giovedì 12 maggio 2016

"Gli InterrogATTIVI" Ep. 7 - Cristiana2011


Dopo una piccola pausa, prosegue la serie di episodi de "Gli InterrogATTIVI", la rubrica che ho aperto nel mese di gennaio qui sul mio blog e che è dedicata a voi e alle domande che desiderate pormi.
Come di consueto trovate QUI tutte le informazioni in merito a questa iniziativa, io da parte mia vi invito a partecipare numerosi aggiungendo quesiti nel post introduttivo che vi ho linkato visto che, oltre alla puntata cui sto ora per dedicarmi, me ne rimarrebbe soltanto un'altra al momento, perciò ho bisogno del vostro contributo per poter proseguire :)

Riepilogo episodi precedenti

Protagonista di questa settima puntata de "Gli InterrogATTIVI" è cristiana2011. Vi esorto a visitare il suo bel blog, pieno di spunti sempre vari, argomenti coinvolgenti e interessanti punti di vista.
Rispondo quindi volentieri alle domande che ha voluto farmi, a mio avviso molto stimolanti :)
Benvenuti perciò al settimo episodio de "Gli InterrogATTIVI":

1) Qual'è il primo ricordo della tua vita? Bella domanda! Allora... provo a ricordare "più indietro" che posso... ho dei ricordi abbastanza definiti dell'asilo, di quando giocavo con gli altri bambini col pongo e con i pupazzetti delle tartarughe ninja, dei vestiti per le recite che mi faceva mia nonna, dei momenti passati con lei a casa sua ad imparare, prima del tempo, a leggere e scrivere ma anche a inventare giochi, canzoni, passatempi pieni di fantasia. Anche perché sono un "figlio degli anni '80", quindi di una generazione e di un periodo dove ancora la televisione e la tecnologia in generale non avevano preso il sopravvento, e nel quale quindi era importante creare, immaginare, scoprire con le esperienze dirette il mondo. Riflettendoci sopra adesso, pur sfruttando e apprezzando io per primo le potenzialità della tecnologia penso però che quello fosse un modo davvero sano di trascorrere le giornate, e direi pure migliore.
Quindi ecco, diciamo che i primi ricordi che ho sono di questo periodo e di questi momenti, quando avevo 4/5 anni. E sono istantanee assolutamente bellissime, positive, felici.

2) Qual'è lo smacco che ricordi ancora con rabbia? Beh devo premettere che, purtroppo o per fortuna (io credo più la seconda, alla fine), non sono una persona che prova rabbia. O meglio, mi capita di averci a che fare ma essa difficilmente riesce a prendere il sopravvento su di me e, se anche ciò avviene, comunque non è che per brevi periodi. Non so spiegare perché, ma non riesco a tenermi dentro le cose brutte, le butto via, le rimuovo, le supero... penso che non ci sia infatti alcun buon motivo per covare sentimenti negativi, per tenerli lì ad avvelenarci, anche perché già di suo la vita ci offre a volte cose non fantastiche, e allora io il resto del mio tempo cerco di passarlo in serenità, occupandomi e ricordandomi di quello che mi fa e ha fatto star bene, non certo del contrario.
In ogni caso un "tallone d'Achille", innegabilmente, lo ho, ed è legato al rapporto con mio padre, o meglio (visto che non lo ho di fatto mai avuto essendo lui andato via di casa ancor prima che io nascessi), al suo comportamento: mai sono riuscito a spiegarmi come abbia potuto fare le cose che ha fatto e mai ho trovato loro alcuna logica o giustificazione, pur provandoci con tanta volontà. E questo tentativo l'ho fatto per difendere l'immagine, l'idea, che volevo avere di lui, negando però la realtà oggettiva dei fatti. Quando però crescendo sono riuscito a capire che l'evidenza non si può negare nè tantomeno difendere (di certo non questa, almeno), sono giunto ad una conclusione "buona" per me, e cioè ho scelto di rinunciare a capire cose e persone che semplicemente non possono essere capite, che vivono davvero su altri mondi rispetto al mio e che hanno valori (per così dire...) che non sono minimamente paragonabili ai miei.
Oggi insomma non mi ammorbo più avendo realizzato che semplicemente non potrò mai comprendere le sue azioni e la sua persona, e che non ha alcun senso e utilità tentare di farlo oltre quanto già non abbia provato.
Una scelta netta, forse, ma per me indispensabile, arrivati ad un certo punto.

3) Quale è stata la prima più significativa lettura? Beh, torno in parte alla domanda numero uno e dico quelle che facevo con mia nonna, quando mi insegnava a leggere. A casa sua avevo tanti libri per bambini pieni di fiabe, storie di fantasia ma pure grandi classici. Col suo aiuto ho quindi letto un pochino di tutto, ed ero anche solito addormentarmi coi suoi racconti. E' un ricordo che custodisco gelosamente nel cuore, con tanta dolcezza. Più significativo di così... :)

4) Qual'è il luogo nel quale non ti stancheresti mai di tornare? Non lo so, sai? o meglio, a pensarci credo ce ne possano essere sicuramente almeno un paio, ad esempio un parco vicino casa mia che ho sempre amato frequentare trovandovi tranquillità e relax pur vivendo in una grande città, essendo un luogo molto silenzioso e poco conosciuto. Però credo che c'entri molto anche il fatto che non mi sono mai trovato a vivere o studiare lontano da dove sono nato, immagino infatti che in quei frangenti sia inevitabile sentire la nostalgia di casa propria, dei luoghi delle nostre origini e dei nostri ricordi più cari. Pur semplici che siano questi luoghi, se ad essi ci legano reminiscenze positive, momenti felici e persone care... tutto diventa speciale, se non per gli altri di certo per noi. E tanto basta :)
Ciò detto, ho avuto la fortuna di visitare molti posti bellissimi e, in diversi di essi, tornerei volentieri per un motivo o per l'altro.

5) Il giorno in cui ti sei svegliato con un sorriso che si è ampliato quando ne hai realizzato la ragione? Mi capita tutte le volte che parto per raggiungere la persona che amo, e che purtroppo, per ora, abita lontano da me. Anche se in realtà la ragione di questo sorriso che aumenta a dismisura è fin troppo scontata, evidente, però... è ogni volta un'emozione nuova, una sensazione più forte, più speciale della precedente. E quindi, se al risveglio immagino lei e noi due insieme poche ore dopo, e ne sorrido, quando poi giungo a destinazione e trovo una realtà ancor più magnifica di quella da me immaginata non posso che gioirne in modo ancor più sincero.

Ed anche per questa puntata è tutto! :)
Quindi vi saluto rinnovandovi l'invito a lasciarmi QUI le vostre domande, diversamente non mi rimane molto altro materiale per proseguire la rubrica e, ammetto, dovermi fermare definitivamente mi dispiacerebbe.
Quindi la palla passa a voi, io sono qui e aspetto i vostri nuovi quesiti :)

E allora, per concludere, ringrazio cristiana2011 per essersi prestata a questa mia iniziativa e per avermi posto le sue domande, e la saluto con l'immancabile canzone di chiusura con cui "rendo omaggio", a modo mio, a chi di volta in volta partecipa alla mia rubrica.
Essendo le sue delle domande principalmente sulle emozioni dei ricordi, scelgo questo pezzo dei Nickelback che parla proprio delle occasioni nelle quali ci ritroviamo, all'improvviso, a tornare indietro con la mente :)


Alla prossima! :)

12 commenti:

  1. Beh, mi sa che manco io, giusto?
    Mi ero perso completamente l'iniziativa!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli, caro Moz, infatti ho sempre puntato forte su di te, e alla fine hai ceduto! ^^

      Ti ringrazio e ti ho segnato per la puntata numero 9 ;)

      Elimina
  2. E così, grazie alle domande di Cristiana, veniamo a scoprire altri particolari della tua vita.
    E la gioia di svegliarsi con un gran sorriso stampato pensando alla persona amata, è qualcosa che provo anche io, pur dopo tanti anni di vita insieme.
    Per cui ragazzo, bello. Continua così.
    E ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari :)
      Si, l'obiettivo della rubrica era ed è proprio questo, farsi conoscere di più non scrivendo per una volta quel che voglio io ma rispondendo alle vostre curiosità. E mi piace come sta andando questo esperimento, infatti per questo mi dispiacerebbe interromperlo, ma comunque almeno a 9 episodi ci arriviamo, e malissimo non è :)
      Quanto a quella gioia specialissima... è davvero un qualcosa che, quando fa parte della tua vita, la cambia radicalmente, totalmente, pienamente :) ma appunto tu sai benissimo di cosa parlo perché provi le stesse cose per la persona che hai al tuo fianco, quindi beh, posso solo dire che è una cosa molto molto bella :)

      Un grande abbraccio :)

      Elimina
  3. Trovo che Cristiana ti abbia posto delle domande veramente interessanti che ti hanno portato anche a ricordare cose tristi del tuo passato. Devo confessarti che quando ero all'asilo esisteva il pongo ma non le tartarughe Ninja. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio,
      assolutamente si, Cristiana mi ha posto ottime domande che mi hanno permesso di "spaziare" molto nei miei ricordi, belli e meno belli, anche se soprattutto in quelli positivi :)
      Per il resto beh, le Tartarughe Ninja erano un vero "fenomeno" in quegli anni, e ci sono finito dentro inevitabilmente :))))

      Buona settimana a te :)

      Elimina
  4. Le domande di Cristiana data la sua intelligenza e perspicacia sono molto gradevoli e produttive. Ti scavano nel profondo e inconsciamente i ricordi, anche i più delicati , riaffiorano con naturalezza.
    Bravi tutti e due: lei per le domande e tu per le gradevoli sincere risposte, che fanno aumentare ancora di più il bene e la simpatia che ho per te!
    Bacio della buonanotte!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caio cara Nella :)
      Confermo anche qui, ottime le domande di Cristiana e, credo, interessante quello che ne è venuto fuori :) Mi ha fatto piacere ricordare alcune cose, un pochino meno forse altre però, alla fine, è tutto parte di me e di quello che sono oggi, quindi va bene così :)
      Ti ringrazio per le tue dolci parole, e ricambio ovviamente anch'io tantissimo affetto e simpatia per te :)

      Un grande abbraccio e una buonissima giornata :)

      Elimina
  5. Scusami, ma alla domanda n.4 la risposta non sarebbe dovuta essere "Ovunque è Paola"? :-/ Ti sei salvato dopo per un pelo.

    Comunque, a parte gli scherzi.
    E' tanto bello sapere di conoscere già a memoria tutte le risposte che poi hai scritto, perché significa che ti conosco ormai benissimo e che mi hai messo a parte di tutte le cose che hai vissuto, felici o meno.
    In particolare, quanto alla risposta sulla rabbia, confermo che non sei il tipo che si lascia andare a questo sentimento (come pure io :-P) e colgo l'occasione per ridirti di nuovo una cosa che ti ho sottolineato diverse volte: ricordati sempre che quando avrai tra le braccia tuo figlio, tra non tantissimi anni, ti renderai conto che il torto più grande non lo hai ricevuto poi tanto tu che sei stato abbandonato da lui, quanto lui verso se stesso per essersi VOLUTO perdere l'emozione bellissima che è veder crescere il sangue del tuo sangue.
    Sei un uomo meraviglioso, con mille qualità e sono certa che questo lo devi anche alla maturità che forzatamente hai acquisito da quella scelta non tua.
    Sono sicura che con questa consapevolezza non devi per nessuna ragione al mondo rimpiangere nulla, anche se OGNI BAMBINO, ogni futuro adulto, merita l'amore dei propri genitori. Ma a volte è meglio non averlo per nulla, piuttosto che essere amati in modo diverso.
    In fondo non sei mai stato solo e questo è l'importante. Aldilà di me, che magari sono arrivata dopo (anche se ti amo proprio infinitamente e come se in fondo ti amassi da sempre), ho visto proprio quanto le persone che hai attorno ti amino e ti vogliono bene, cominciando OVVIAMENTE da tua madre, da tuo fratello, per poi passare verso la tenerezza che vedo proprio nei gesti di W. (censuro per la privacy, che tu rompi sempre), passando per tua nonna (e non c'era neanche bisogno di dirlo), ma anche meno scontato da parte di Elena (che mi ha pure detto che mi ama ihih), ecc.

    Quindi non c'è proprio nessuna ragione per essere arrabbiato, come hai ben detto, né preoccupato di nulla. Tu hai la tua vita davanti (si spera con me xD) e potrai rimediare anche agli errori non tuoi amando come non è stato fatto, stupidamente, a te.

    Ti amo e tu sei il motivo di qualsiasi mio sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre lamentina lamentosa, oh. Ehhh, troppo bene ormai t'ho abituata... e tu ne approfitti... dì che non è vero!! ^^

      Diventando però "seri", se è bello per te sapere già le risposte che darò, perchè le conosci già in quanto fai parte del mio mondo occupando il posto più fondamentale e insostituibile di tutti, pensa quanto lo è per me pensare, appunto, che tu le conosca, quelle risposte :) Che il nostro rapporto, che è meraviglioso, maturo, "pieno" e sincero, mi abbia già portato a dirti tutte queste cose e tantissime altre... se ci pensi non è cosa da tutti, assolutamente. A me questo piace molto, perchè un rapporto vero, a mio giudizio, è fatto da tanti aspetti che convergono tra loro, e noi li abbiamo tutti: io ti amo a tutto tondo, adoro parlare con te, raccontarti anche le scemenze, sapere quello fai anche nei giorni più "normali", starti a sentire, ridere con te... e se scopro, come poi infatti è, che tu sei ANCHE la mia migliore amica, la persona con cui passerei ore di divertimento o che porterei con me in ogni contesto, prima e più di tutti gli altri... capisci che siamo, davvero, "tanta roba" noi due. E che abbiamo qualcosa di specialissimo, da conservare e difendere :)
      Tu sei meravigliosa, credimi, mi dici sempre cose tanto belle, hai pensieri deliziosi e delicati per me, mi capisci... sei davvero una ragazza/giovane donna in carriera eccezionale. E io sono fortunatissimo ad averti, e a vedere i miei sentimenti per te ricambiati con la medesima forza da parte tua. Perchè non è certo cosa frequente essere amati da un angioletto, eppure... a me succede, perchè ci sei tu :*
      Ora, non credere che io stia "cassando" la parte centrale del tuo commento, anzi semplicemente sto ammettendo che hai piena ragione, e non c'è nulla da aggiungere alle tue saggissime considerazioni. E non c'è rabbia in me, infatti e in fin dei conti, magari "rammarico", si, ma fino a un certo punto, perchè come hai detto bene tu sono circondato da tanto amore che... forse, per assurdo, è andata meglio così piuttosto che se lui fosse rimasto.
      Perciò la cosa più utile e sensata che io possa fare è amare a mia volta chi mi ama, dedicarmi a loro e... a chi verrà. Perchè qualcuno verrà, sarà bellissimo (sperando prenda dalla mamma) e io gli dedicherò, e darò, anima e cuore. E andrà bene così, sarà bello così e scoprirò lì tante cose che non ho vissuto. Magari realizzando di saperle capire, vivere e fare ancora meglio proprio perchè mi sono mancate così tanto :)

      Tu sei il motivo di tutto, per me, ti amo e non c'è nessuno "spero", a meno che tu non voglia diversamente, il mio futuro è assolutamente, e solamente, con te. Ti amo :*

      Elimina
  6. Che piacevole parentesi serale mi hai regalato, Maurizio.
    Dalle tue risposte traspare chiaramente un uomo 'pacifico', che non si fa distrarre da sentimenti ed emozioni superficiali e neanche da azioni che avrebbero potuto rovinare il tuo equilibrio.
    Grazie per le tue parole d'apprezzamento per il mio blog.
    Non perdiamoci di ...vista.
    Un abbraccio.
    Cristiana
    PS. Non ho ricevuto notizia di questo tuo post e ora controllo il link.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana :)
      A volte non funzionano gli aggiornamenti sui vari blog-roll da quanto ho visto, penso sia per questo che non avevi visto il link. In ogni caso l'importante è che alla fine sei riuscita a passare :)
      Sono contento che tu abbia gradito le mie risposte, e ti ringrazio per le parole che mi hai dedicato, oltre a ringraziarti nuovamente per la partecipazione :)

      Un abbraccio a te e una buonissima giornata :)

      Elimina