sabato 26 novembre 2016

Sogni, e tutto quello che c'è...

Ieri sera ho fatto un sogno particolare. Doveva essere mattina, faceva freddo, parecchio freddo, c’era tanto silenzio e non c’era nemmeno il sole.
Mi trovavo nella piazza "nebbiosa" di una città che non conosco, mi guardo intorno e mi colpisce, dall'altra parte della strada, un volto che mi "sa" di familiare. Lo osservo meglio e mi sembra somigliare a qualcuno a me noto ma che non riesco a riconoscere, forse perchè diventato parecchio più grande dei suoi anni.
Incuriosito mi metto quindi a seguirlo da lontano e lo vedo entrare in una casa.
Vado a fare toc-toc alle sua porta e, con mia sorpresa, appena mi ci appoggio questa si spalanca, mostrandomi qualcosa che non ha nulla a che fare col mondo fuori: dentro quella casa c'è tantissima luce calda, addobbi natalizi, un grande albero, dei regali.
Lui è lì, seduto su una poltrona, mi accoglie con un "ti stavo aspettando". Io rimango dubbioso ed inizio a domandarmi cosa stia facendo, eppure mi sento stranamente a mio agio, quindi decido di entrare e mi siedo. Mi dice che può restare solo per pochissimo tempo, nonostante ciò vuol riuscire a comunicarmi una sola cosa, che è davvero importante: "Cerca di essere decisivo sempre" - mi dice - "ma soprattutto in quelle situazioni non così clamorose da venire ricordare, eppure fondamentali".
Io resto perplesso e gli domando cosa voglia dire, così prosegue aggiungendo: "Sta tutto lì, è la chiave di svolta: solo chi sa essere il co-protagonista perfetto dentro qualsiasi storia e situazione, quello che fà ogni volta davvero la differenza anche quando tutto intorno nessuno sembra accorgersene, può essere al centro della storia che più conta: la sua storia, e quindi la tua storia. Ciao!"
Mi sorride e all'improvviso "pufff", scompare. E assieme a lui svanisce anche tutto, resta solo l'albero, stavolta però spoglio ed ai suoi piedi vuoto.
Ma è stato proprio in quel momento che mi sono reso conto che, in realtà, sotto l'albero di questo particolarissimo sogno mi è rimasto il dono più prezioso, che va oltre il "materiale": è una favola da raccontare, la favola di chi si era perso ed ha capito ad un certo punto di dover affrontare una metamorfosi per potersi ritrovare, per riconoscersi. Non c'è paradosso in questo, nessuna filosofia, semmai solo tanta lucidità. Quella che ad esempio ti fa comprendere l'importanza di usare bene il tempo che hai mentre realizzi quanto siamo soliti buttarne, e che quindi ti trasmette la santa fretta di voler recuperare tutto il più velocemente possibile.
Sembra poco ma, con dentro questa consapevolezza, già si muovono i primissimi piccoli passi di un'orma gigante. Che richiede tutta la straordinarietà che può esserci soltanto in chi riesce ad essere, semplicemente, assolutamente normale. E per questo straordinario, come mi è stato insegnato da questo "onirico" personaggio.
Nessun paradosso neanche qui, questa è una fiaba e quindi tutto è possibile, non occorre perciò sforzarsi per giungere ad una conclusione o a un'assoluta verità. Un po' come succede nel mondo dei bambini, ai quali la verità non sempre si dice o talvolta si omette che ci sia proprio quella, al fondo.
Perchè alla fine i sogni non devono per forza avere una spiegazione, l'unica cosa veramente importante è che non si rompano, che non finiscano mai e che ci si accorga che a volte semplicemente si spostano soltanto un pochino più in là, restando comunque a portata di mano.
Per molti magari è difficile crederci, per me invece farlo, intravedere in ciò che mi accade sempre e comunque qualcosa di bello, di buono e di positivo, è facile come volare.
E allora da questo sogno mi voglio portare via lo stimolo ad essere "decisivo", ovviamente in positivo, in tutte le occasioni fondamentali della mia vita, affinchè possa far si che il mio tempo sia fatto solamente di grandi momenti, grandi persone, grandi sentimenti e soprattutto grandi cuori.


Alla prossima... :)

p.s: che poi, a ripensarci, mi è venuto il dubbio che quel tipo dall'aria "familiare" potesse essere... :)

26 commenti:

  1. Un sogno denso di significato che potrebbe essere oggetto di varie interpretazioni ma sono convinta che quella da te addotta sia la più plausibile,la più verosimile e attendibile:una sorta di monito per impiegare al meglio il nostro tempo sfruttandolo a nostro vantaggio senza sprecarlo come spesso noi tutti,chi più e chi meno e' avezzo fare..un consiglio prezioso senza ombra di dubbio e da tenere nella massima considerazione...e sempre....
    Grazie mille per la condivisione:)
    Un saluto e buona domenica:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy :)
      Si, credo che ci sia un suo significato, e sognando raramente (o meglio, ricordandomene, perchè dicono che si sogna ogni notte ma non sempre si ricorda cosa) lo ho voluto condividere qui, anche perchè era molto, molto particolare :)
      E il "monito", come dici tu, mi sembrava interessante, per me (visto che è un momento in cui devo usare il mio tempo molto molto bene, visti i tanti impegni) e per tutti :)

      Grazie a te per il commento e per il passaggio, buon pomeriggio e serata :)

      Elimina
  2. Che sogno strano però anche interessante ! Io non mi ricordo che cosa ho sognato, ho solo la consapevolezza di aver sognato qualche cosa ma non so che cosa !!!E credo che la tua interpretazione del sogno sia quella esatta. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io me ne ricordo raramente, e quelle poche volte non sono mai sogni così "precisi", in cui poi mi restano bene impressi i dialoghi e non solo le immagini.
      Non so se sia giusta interpretazione, però "fila" dai, o comunque, è un bel modo di vederla :)

      Un saluto a te, buona serata! :)

      Elimina
  3. I sogni da mantenere e il nostro tempo da preservare. Già come inizio mi sembra perfetto per diventare gli Uomini che vogliamo essere. Un paio di sassolini da portare in tasca e ogni tanto stringere forte per non dimenticare mai cosa siamo e cosa vogliamo diventare. Una bella storia, scritta bene a cui dare, ognuno di noi, la spiegazione che vogliamo. L'importante è sapersi riconoscere. Sempre. Buona serata Maurizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Mari, questa cosa dei sassolini nelle tasche mi ha sempre "affascinato", per un periodo, quando ero molto piccolo, ne portavo anche uno, poi non mi ricordo che fine ha fatto... però lo avevo, forse perchè avevo letto qualcosa in merito sui "poteri" che avrebbe potuto/dovuto darmi ^^ soprattutto sulle cose che mi avrebbe ricordato, all'occorrenza :)
      Come dici bene tu, alla fine la spiegazione che ho dato io è una ma potrebbero essercene sicuramente di più, ognuno quindi trovi quella che preferisce, la cosa che conta, in fondo, è appunto riconoscersi, e questo, a prescindere dalla spiegazione, per adesso fortunatamente posso ancora farlo ^^

      Un grande abbraccio ed una buona serata a te :)

      Elimina
  4. Eppure, i sogni hanno SEMPRE una spiegazione.
    Evidentemente quella del grande passo è una tua volontà :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente si, soprattutto per chi come me ne fa proprio pochi... penso che i pochi che mi restano impressi abbiano un "motivo" ^^

      Elimina
  5. Buon pomeriggio! Caspiterina! Anch'io giorni fa ho fatto un sogno strano...non so...particolar..mah...devo dire che a volte non ricordo nemmeno cosa ho sognato! Cmq c'è sempre una spiegazione ad un sogno! Ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Shane :)
      Come detto, ricordo davvero raramente i miei sogni, stavolta è capitato e mi ha ispirato il post, poi il più delle volte non ricordo nulla ^^
      Per la spiegazione si, a parte che poi era stata una giornata particolare quella appena trascorsa quindi... credo sia tutto "collegato", nell'inconscio :)

      Buona serata a te :)

      Elimina
    2. Ciao Maurizio!
      come stai? Si sicuramente è come dici tu, il sogno si è tutto collegago con la giornata trascorsa! Ti auguro una buona giornata!

      Elimina
    3. Ciao Shane :)
      Come avrai letto/leggerai nell'ultimissimo post, sono stato meglio ^^ ma reggiamo tutto :)
      E per il sogno si, ci credo ai segni che mandano, anche poi pensando a questo imprevisto che mi è capitato dopo... forse voleva ricordarmi le cose che contano :)

      Buona serata!

      Elimina
  6. Certo che il tuo sogno ti ha insegnato molto. Io non riesco mai a ricordarmi quello che ho sognato e quindi non potrei mai fare un bel post come il tuo. Buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono d'accordo sul sogno che mi ha insegnato qualcosa, potremmo quasi definirlo un "sogno educativo" ^^

      Una buona settimana anche a te :)

      Elimina
  7. Gran bel post pieno di ottimismo di realtà di saggezza e di consapevolezza.
    Cose in questo periodo molto lontane da me,dove i sogni sono la realtà più buia o la realtà è tanto buia da essere un sogno?
    Chissà...
    Riflessioni spezzate, concretizzazioni rimandate, desideri svaniti, tutto è una lacerazione, come uno specchio in mille frantumi..
    Che fai? Lo aggiusti..?
    Forse farò come i Giapponesi che invece di nascondere le tracce dei pezzi raccolti , li evidenziano per lo sforzo fatto a metterli insieme!
    Un bacio grandissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nellina :)
      Mi dispiace sentirti così abbattuta, giù, soprattutto se penso a quanto, invece, tu hai dentro di positivo, e quindi lontanissimo dal buio che dici, invece, di vivere nei tuoi sogni.
      Spero tu possa tornare a farne di bellissimi, o ancora meglio, che tu possa viverne direttamente nella tua vita di tutti i giorni, senza bisogno di sognarli :) E magari, così, ti accorgerai che quello specchio non è andato davvero in frantumi, magari si è crinato un pò, scheggiato, ma tu secondo me devi essere consapevole di essere più forte di tutto, anche di ciò che ti fa, legittimamente eh, male.
      Non sapevo di questa usanza giapponese, come al solito mi insegni tante cose, e di questo ti ringrazio sempre :)

      Un forte abbraccio e una buona serata :)

      Elimina
  8. L'ansia insomma!
    Ah, comunque sono Misantrophia. Non so se ti ricordi di me.
    Il mio vecchio blog si è suicidato ed ora torno con questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Misa :)
      Si che mi ricordo, e infatti avevo notato dal mio blogroll che il tuo spazio sembrava non esistere più... mi fa piacere, quindi, ritrovarti in questa nuova veste, e ovviamente aggiorno il blogroll col riferimento nuovo :)

      Elimina
  9. Come ti ho detto, leggendo questo post mi è sembrato di tornare indietro a quando eri Maurizio C. ed io Paola S. e scoprivo all'improvviso che avevi pubblicato un post.
    E poi, anche il modo bellissimo, bellissimo davvero, in cui hai scritto, mi ha ricordato di quei due noi.

    Quanto al resto, lo so che tu non ricordi quasi mai i tuoi sogni mentre io i miei quasi ogni notte, però penso sia stata una fortuna che quella notte tu abbia fatto eccezione visto che ne è venuto fuori qualcosa di molto buono.

    Allora continua a sognare, senza aspettare di dormire, perché quelli più belli secondo me si fanno ad occhi aperti. Spero e sono certa sarai in grado di essere il protagonista della tua vita e di fare anche le piccole cose, nascoste, che saranno la base per quelle più grandi ed a portata di sguardo di tutti.
    Infine, non mi dilungo troppo stavolta, immaginavo che la persona del sogno potesse essere...E probabilmente lo era.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei bellissima, c'è poco altro da dire, fare, ragionare! :)
      Anche se certo è bello se questo mio pezzo ti ha riportato ai nostri "albori", per lo stile, i contenuti, le emozioni, non so... certamente so che è bello ricordare le cose belle, soprattutto quando si tratta di un amore fortissimo come il nostro, del quale è certo straordinario ricordare la bellezza, appunto, degli inizi, riprovandone gli stessi "sapori".
      Sono contento di aver fatto questo sogno perchè, se l'ho interpretato bene come penso, c'entri molto anche tu con questo personaggio che c'era lì con me, e posso dirti che l'ho trovato bene, sereno, bell'uomo (ahahah ^^), quindi... se è così, vuol dire che gli è andato tutto bene :)
      Io certo che continuo a sognare, se non a occhi chiusi (che come sai mi capita proprio poco) di certo quando li tengo ben aperti, perchè accanto a me, nella mia vita, ci sei tu, che di sogni me ne regali e fai fare infiniti, oltre che bellissimi.
      E, credimi, non c'è cosa più bella di rendersi conto, come faccio io avendo te, di star vivendo il proprio sogno.

      Ti amo :-****

      Elimina
  10. No, ma beato te che riesci a ricordarti cosa sogni e a trarne un insegnamento...Io raramente mi ricordo cosa sogno e quelli che ricordo sono o totalmente comici o incubi! Ma vabbhè, avrò l'inconscio disfunzionale :P Bella la facilità con cui riesci a trarre e vedere il buono, è una delle qualità più importanti che va sempre coltivata e alimentata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica :)
      I sogni li ricorda, praticamente sempre, Paola, io mai o quasi mai ^^ Però questo è capitato di ricordarmelo e, per fortuna, credo sia tra quelli "buoni" :) Fare tanti incubi non deve essere bello, a quel punto si, meglio non ricordarsene, decisamente!
      Per il discorso del vedere il buono... beh, penso che se uno si mette a pensare al negativo... si sprofonda, prendi anche l'ultimissima vicenda che mi è capitata e ho appena raccontato nel nuovo post... c'era e ci sarebbe da pensare negativo, ma se sto già migliorando e riprendendomi e, invece, grazie al buono che cerco di vedere nelle situazioni, oltre che, sopratutto in questo caso, al buono che mi arriva da chi mi sta vicino con tanto amore :)

      Un saluto e buona serata :)

      Elimina
  11. Un sogno bello, di quelli che portano grandi messaggi.
    Ciao :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina :)
      Per il messaggio vediamo "nel tempo", in ogni caso si, penso sia stato un buon sogno e questo alla fine è ciò che conta :)

      Ciao!

      Elimina
  12. "che non finiscano mai" soprattutto.. perché coi sogni si alimentano mille altre vite, che poi magari non vivremo mai.. ma che ci accompagneranno comunque, sempre, ovunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente vero, caro Franco.
      I sogni sono alla base di tutto, di quello che facciamo e anche di ciò che non riusciamo/riusciremo a raggiungere, ma che senza di essi nemmeno potremmo provare ad avvicinare. E, a volte, il sogno sta anche nel tentare di inseguire le proprie utopie :)

      Grazie di questo bel pensiero e un saluto a te, che sei "forever young"... come Niang! ahahaha ^^

      tvb :))))

      Elimina