giovedì 28 gennaio 2016

"Gli InterrogATTIVI" Ep. 3 - Nella Crosiglia


Continuano gli episodi de "Gli InterrogATTIVI", la nuova rubrica che dall'inizio del nuovo anno sta diventando un appuntamento fisso nel mio blog ed è dedicata a voi ed aperta a raccogliere ogni vostra domanda e curiosità.
Trovate QUI tutte le informazioni in merito, io da parte mia vi rinnovo l' invito a partecipare numerosi inserendo tutti i quesiti che vi vengono in mente nei commenti al post introduttivo che vi ho linkato, e che saranno così l'argomento delle prossime puntate :)

Riepilogo episodi precedenti

Il terzo "numero" de "Gli InterrogATTIVI" vede protagonista la carissima Nella Crosiglia, una delle blogger, ma direi proprio persone, più dolci, presenti e simpatiche che io conosca. Oltre ad avere, poi, un cuore grande grande anche più della sua, vastissima, cultura musicale. Se siete tra i pochi a non conoscerla ponete prontamente rimedio, infatti vi consiglio assolutissimamente di visitare il suo blog e di seguirla.
Rispondo quindi con grandissimo piacere alle sue domande, che devo ammettere non sono niente male e richiederanno quindi risposte all'altezza e il più possibile senza svicolare, dal momento che alcune rischiano di mettermi parecchio in difficoltà ^^ Ma Nella può :)
Benvenuti allora al terzo episodio de "Gli InterrogATTIVI":

1) Come hai conosciuto Paoletta? Qui. La prima risposta che posso darti è proprio "qui", perchè l'incontro impronosticabile, inatteso e non cercato nel modo più assoluto con quella che, invece, da ormai più di due anni è diventata la mia splendida fidanzata, oltre che il centro di tutti i miei pensieri, progetti e desideri... è avvenuto qui, su Blogger, nel mio e nel suo spazio. Ricordo anche il giorno, 12 agosto 2013, lei che mi scrive il primo commento, io che le rispondo e, da lì... non so, ho "sentito" da subito una voglia fortissima di conoscerla, mi piaceva quello che scriveva, che pensava, il suo senso dell'umorismo, la sua risposta sempre pronta (perchè all'epoca, non avendo altri mezzi, passavamo giornate a risponderci e contro-risponderci nei commenti dei vari post)... e questo non sapendo poi nulla di lei, età, aspetto, provenienza: non conoscevo nient'altro che quello che leggevo, e quello che leggevo non era mai sbagliato, mai fuori posto, mai "strano". Adoravo poi la sua compagnia, semplicemente mi faceva star bene questa inattesa presenza. Siamo andati avanti per un paio di mesi così finchè, a fine ottobre, "un po' colpa mia un po' colpa tua" (cit. Biagio ^^) ci scriviamo la prima e-mail. Cui ne seguono, in meno di una settimana, credo... non scherzo se dico 400 ^^ ovviamente la maggior parte brevi eh! ^^ Lì... ho sentito che c'era qualcosa di più, sicuramente da parte mia verso di lei, ma non nascondo di aver in un certo senso "intuito" che potessi piacerle, anche se non ci credevo sinceramente. E poi... è arrivato il grande momento, la prima foto, con lei che mi appare bellissima e io che dico a me stesso "vabbè, me sa che è ora di alzarsi Maurì!", pensando di essere necessariamente in un sogno se, oltre che intelligente, simpatica, spiritosa e con un anima meravigliosa lei fosse, pure, tanto bella. E invece non era un sogno, così non nascondo che sono andato un pochino "in crisi", perchè temevo di non piacerle io... e allora ho avuto un'idea, inviarle la foto di un matrimonio cui ero stato poco tempo prima, in cui c'ero io ma anche tante altre persone, e le ho chiesto di ipotizzare chi fossi. In questo modo ho superato un pochino l'empasse del gesto (sono timidino! ^^), anche se poi... ha indicato come mia possibile identità credo chiunque c'era in quella foto meno che me, ed infatti ammetto che questo mi fece non poco preoccupare lì per lì ^^ Poi le ho detto chi ero e... ci siamo scambiati il numero *_* E allora ho pensato che vabbè, forse forse non le ero dispiaciuto, anche se faticavo ancora a credere che tanto bella com'era...
Eppure è andata davvero così, e da lì è stato un crescendo di emozioni e di voglia di incontrarsi, di vedersi, di conoscersi di persona che... mi ha spinto là dove davvero non credevo di poter arrivare, nel concreto e letteralmente proprio, perchè mi sono fatto coraggio e ho affrontato, quasi alla cieca in effetti, questo lungo primo viaggio verso la città dove studia, tanto forte era il suo "richiamo", pure per uno tanto razionale come me. E una volta giunto lì, alla stazione... non so nemmeno come spiegarlo, ma appena mi è apparsa davanti l'ho abbracciata forte forte, e lei mi dice sempre che l'ho sorpresa molto con quel gesto "inusuale", per me e per lei, però... non lo so, c'era qualcosa dentro di me che mi ha suggerito che quello fosse uno dei momenti cruciali della mia vita, e che dovevo giocarmelo al meglio. E beh, poi ho capito cos'era! *_*
Il resto non lo racconto ma ecco, da subito ci siamo trovati meravigliosamente bene, senza silenzi strani o difficoltà di alcun tipo, e da lì tutto è nato :)

2) Cosa ti ha colpito? Sarei ipocrita se non dicessi che era (ed è!) bellissima, come infatti ho già detto. Ma è altrettanto vero, e lo dico sempre a lei e a chi me lo domanda, che la cosa più eccezionale è essermi innamorato prima di tutto di un'anima: la sua anima, e quella di nessun'altro. Non sapevo quanti anni avesse (potevo immaginarlo perchè era chiaro studiasse all'Università, ma anche in questo caso la forbice può essere comunque piuttosto ampia), di dove fosse e che aspetto potesse avere, eppure... qualcosa di lei, da subitissimo, mi aveva rapito, tanto che ricordo che il 17 agosto ero in vacanza in una landa desolata della Puglia dove non prendeva minimamente campo e cercavo disperatamente il segnale per leggere eventuali suoi commenti al blog... e questo appena 5 giorni dopo il primo... se non è colpo di fulmine, ditemi voi! ^^
Questo mix di bellezza esteriore e interiore che lei ha, messo assieme, crea un qualcosa che non solo ti colpisce, ma ti travolge proprio. Ed io avevo assolutissimamente bisogno di venire travolto per smuovermi dal mio torpore.
Se poi volete un dettaglio... la primissima cosa, ad impatto, che ricordo di lei e che mi colpì molto sono stati quei capelli lunghi lunghi e bellissimi, mossi e profumati (perchè nel primo abbraccio ammetto di averla inevitabilmente "sniffata" ^^). E la pelle bianca bianca. Poi aveva una timidezza meravigliosa... nel vederla ho subito capito che era davvero quella che appariva scrivendo, che non mi aveva preso in giro e che, come me, si trovava per la primissima volta in una situazione del genere, non per gioco ma perchè aveva sentito, nei miei riguardi, quella stessa forza inspiegabile e "giusta" che aveva spinto me verso di lei.

3) E 'stata una facile conquista o hai penato? Se dicessi che è stato facile conquistarla penso lo pagherei a vita scatenando la sua ira, e non voglio ^^ Credo sia stato facile, piuttosto, entrarle nel cuore, e di rimando lei nel mio. Questo si, perchè la spiego solo così la fortissima attrazione che c'era fra noi all'inizio (e che peraltro non è mai venuta meno neanche dopo), era come un continuo "non può essere così ideale per me in tutto e per tutto", e invece poi scoprivi che lo era, che pensava le cose come te, che aveva quei valori che hai tu, che dentro di lei batteva un cuore grande e puro. Perciò ecco, la cosa probabilmente più facile, che poi è in realtà la più difficile, è stata diventare in breve tempo "indispensabili" l'uno per l'altra. Una volta realizzato questo, non poteva che andare a finire così.
Per quello che riguarda i tempi, come vi ho fatto presente nelle risposte precedenti credo siano stati "adatti", cioè non troppo lunghi da farsi venire dubbi sulla vera natura del sentimento che si provava nè troppo brevi da chiedersi se non si stesse correndo troppo velocemente. E secondo me questa è una delle cose più belle del mio rapporto con Paola, della sua "croni-storia" che è ben visibile, grazie al tempo trascorso che è sempre galantuomo e ci offre una splendida conferma di ciò, ai miei e ai nostri occhi: tutto è accaduto al giusto tempo, senza fretta e naturalmente. E non fa eccezione nemmeno la "conquista" :)

4) Cosa cambieresti di lei (vietato il niente)? Eheheh, iniziano le domande "scomode" ^^ No, scherzo, allora, fisicamente niente *_* cioè, siamo realisti, perchè mettere mano a un capolavoro del genere? è come voler abbellire il Colosseo, perfezionare la Gioconda, sistemare la Fontana di Trevi... non scherziamo! :) A me Paola piace tutta tuttissima come è, la trovo davvero una ragazza bellissima in tutti i suoi dettagli e particolari, e non ne modificherei mai mai mai nessuno :)
Caratterialmente... ehhh, eccoci al tasto dolente! ^^ Ovviamente scherzo, e il riferimento è al semplice fatto che lei ha una forte (e per me bellissima) personalità, non è insomma tanto mansueta come forse a molti appare ^^
Io però so che questa forza che fa vedere e talvolta uscire anche con una certa intensità, in realtà, è solamente un modo per difendersi, per proteggersi custodendo e tenendo al riparo le sue piccole fragilità. Che sono normalissime, bellissime e che io cerco anzi di "coccolare" invitandola a non nasconderle, nè a me nè soprattutto a se stessa, per farle sentire che con me non deve celare la sua vera anima, non ce n'è nessun bisogno perchè la amo esattamente per quello che è, quindi anche nei suoi momenti più emotivi o in quelli in cui ci capita di scontrarci e di pensare di essere quanto di più diverso ci sia al mondo.
Se però dovessi proprio cambiare una cosa di lei, una forse ci sarebbe: non desidererei mai che fosse simile in tutto e per tutto a me, o che fosse esattamente come io potrei desiderarla, anche perchè è proprio il suo essere diversa, unica, originale e speciale che, puntualmente, mi sorprende, mi fa innamorare ancora di più di lei e mi fa scoprire cose bellissime cui io nemmeno riesco a pensare. Piuttosto, e vengo così a rispondere alla domanda, ne cambierei solamente la lunghezza dei momenti in cui mi tiene il muso. Io sono un tenerello e voglio fare pace presto, sempre, perchè in un clima "teso" non ci so stare, lei invece... mi tiene ogni volta un pochino lì facendo l'offesina, per me decisamente troppo a lungo anche perchè, nella stragrande maggioranza dei casi, è lei che sbaglia e si arrabbia per nulla (zan zan! ira funesta in arrivo), ahahah ^^
Quindi ecco, se potessi modificherei solo questo di lei, anche se essendo una scorpioncina inevitabilmente la sua "natura" la porta a essere difficilmente "domabile" e meno zuccona di quanto non sia già di suo :))) Ma uno ci spera sempre! ^^ E poi sta "scusa" della natura degli scorpioni ha fatto il suo tempo! :P

5) A quando l'anello? In verità... un anello lei già lo ha :) Certo non è quello "brilloccoloso" (seppure nel tempo, per la laurea nello specifico, ho "iniziato" questo capitolo della mia vita introducento i regali "luccicosi" ^^ ma non era un anello), però per il suo primo compleanno che abbiamo passato assieme (novembre 2014 quindi) pensai di regalarle un anellino che le ricordasse di me quando non c'ero, che avesse un significato soprattutto, anche al di là dell'oggetto in se. Scelsi quindi un anello in argento con il simbolo dell'infinito, che lei da allora porta all'anulare sinistro e senza il quale non saprei immaginarla :)
Quindi ecco, tecnicamente UN anello già c'è, per l'altro... per L'anello... vediamo, io in testa un'idea la ho, ma visto che non sono uno che lascia le cose al caso non si tratta tanto di tempi, quanto di "condizioni": al verificarsi (mi auguro il più presto possibile) di determinate condizioni, verrà penso da se anche... quello :)

6) Chi è il più simpatico della famiglia di Paola? Domandazza scomodissima! ^^ Faccio presente che da queste parti qualcuno di loro ci passa adesso (e anzi, ne approfitto per mandare tanti cari saluti! ^^), quindi... capiamoci! :)))) Ma, seriamente, io mi sono trovato davvero bene con tutti e non saprei scegliere, dalla nonna che ha vissuto a Roma e la ricorda sempre col piacere e col sorriso ai genitori allegri e premurosi, passando per il "team" delle sorelle, i cognati e i piccoli nipotini. Non saprei davvero chi scegliere, tanto bene mi hanno trattato lì e continuano a fare adesso ogni giorno, pur a distanza, cercandomi e chiedendomi come sto e quando torno a trovarli :)
Però, visto che non voglio svicolare dalla domanda perchè sennò non sarei serio, rischio tutto e SCELGO! ^^ e opto per la piccola nipotina Lucia, che non ha nemmeno due anni eppure è un uragano di energia, simpatia e curiosità, oltre che una bimba bellissima :) Scegliendo lei, direi, accontento tutti, e poi davvero il suo sorrisetto è troppo dolce e irresistibile! :) E ogni volta che mangia le patatine me le offre pure! *_*

7) E quello che ti piace meno? E a proposito di domande "problematiche" questa, se possibile, è peggio della precedente! ^^ Qua devo dirti nessuno perchè, almeno finora (eheheh ^^), nessuno mi ha fatto impressioni strane, e ti/vi prego di crederci :) Nemmeno i cani, che mi erano stati descritti come ringhiosi e potenzialmente aggressivi, mi hanno fatto niente... non so se per caso o perchè gli sto simpatico, lo scopriremo comunque presto, ma fino ad ora, e ci sono andato già 3 volte li, ci passavo tranquillamente in mezzo e sono ancora vivo per raccontarlo ^^

8) Quanti figli vorresti avere? Idealmente, io credo che 2/3 siano il numero giusto, o almeno se immagino un nucleo familiare lo vedo così. Paola viene da una famiglia molto numerosa quindi forse a riguardo fa pensieri differenti, in ogni caso la mia idea sarebbe questa, poi penso pure che mettere al mondo figli sia una GRANDE responsabilità quindi si dovrà ragionare, al momento in cui si deciderà di farlo, in base alle possibilità che si avranno di dargli tutto ciò di cui possono avere bisogno, e spero anche di più.
In linea generale, comunque, mi vedrei bene con 2 o 3 piccoletti, magari 2 maschietti e una femmina oppure uno e uno, poi il futuro e la vita mi diranno e soprattutto daranno quello che devo avere in questo senso, ed io sarò solo e soltanto grato per qualsiasi cosa mi "arriverà", al di là di calcoli, numeri, idee e quant'altro. Perchè in fondo l'unica cosa davvero importante è che ci sia, nei loro confronti, tanto tanto amore, e posso giurare sin da adesso che da parte mia non gli mancherà mai :)

E anche per questa terza puntata è davvero tutto! :)
Come già ho avuto modo di ricordarvi, ma non è mai abbastanza perciò mi ripeto volentieri, vi esorto a lasciarmi QUI le vostre domande, per dare sempre più linfa a questa rubrica che io tengo viva con piacere ma solo e soltanto voi alimentate :)

Ringrazio perciò la mia amica Nella Crosiglia per le domande che ha voluto pormi e mi congedo anche stavolta con un pezzo musicale "omaggio": non voglio spendere molte parole perchè sarebbero superflue in questo caso, dirò quindi solamente che le dedico questo brano dei Dream Theater e credo che lei ne capirà pienamente i motivi, il senso e il "messaggio" che, assieme ad un grande abbraccio, desidero farle arrivare :)


Alla prossima! :)

giovedì 21 gennaio 2016

"Gli InterrogATTIVI" Ep. 2 - Evil Evey


Nuova settimana e nuovo episiodio de "Gli InterrogATTIVI", iniziativa che sto portando avanti dall'inizio del mese di Gennaio e della quale trovate ogni dettaglio QUI. Per chi ancora non lo sapesse, comunque, si tratta di una nuova rubrica che troverà spazio nel mio blog, totalmente dedicata a voi ed aperta a raccogliere ogni vostra domanda e curiosità.
Vi invito quindi nuovamente a partecipare numerosi a questo "esperimento" che sto cercando di metter su, inserendo tutti i quesiti che vi vengono in mente nei commenti al post introduttivo che vi ho linkato, e che saranno lo spunto per le prossime puntate :)

Riepilogo episodi precedenti

Per questo secondo appuntamento con "Gli InterrogATTIVI" risponderò alle domande di Evil Evey, con la quale ci siamo incrociati ormai diverso tempo fa, quando aveva un altro nome e un altro blog. Da un simpatico post su Sheldon di "Big Bang Theory", che portò al primo scambio di commenti, è nata e si è sviluppata questa nostra conoscenza, anche grazie alle tantissime belle letture che ho potuto farmi nel suo spazio, ricco di curiosità, aneddoti ricercati e per me impensabili, disquisizioni artistiche e musicali e, soprattutto, emozioni vere nei racconti di una vita, verissima e piena, come è la sua.
Mi fà perciò molto piacere rispondere alle domande che mi ha posto, per lo più incentrate sul mondo dei libri di cui lei è ottima autrice e instancabile divoratrice ^^
Benvenuti dunque al secondo episodio de "Gli InterrogATTIVI":

1) Libri preferiti? Come per molti altri ambiti della mia vita, mi piace "spaziare" nei generi, negli stili e nelle tematiche, conoscere tanto e riuscire a farmi un'idea personale di un pò di tutto, e da questo punto di vista i libri non fanno eccezione. Anche se oggi, effettivamente, leggo molto meno di prima (e questa è senz'altro una "colpa", pur se giustificabile), è altrettanto vero che ho cercato di leggere molto in passato, e che questo bagaglio, piacevolissimo ed importante, me lo porto dietro. Il mio primissimo ricordo legato ai libri sono, ovviamente, quelli delle fiabe che mi leggeva mia nonna (o meglio, li tenevo io per guardare le figure, dal momento che lei le storie le sapeva a memoria e non ne aveva bisogno). Può sembrare una sciocchezza eppure anche questa tipologia di libri ha avuto un "peso", assolutamente non irrilevante, nella mia vita, ho infatti sempre cercato di tener viva in me la fantasia di cui ovviamente strabordavano come, pure, trasportato nel mio quotidiano quella ricerca del "lieto fine" nelle cose, nelle persone e nei progetti. Quel quasi "bisogno" che, al momento cruciale, tutto possa andare come si spera, anche quando sembra tanto difficile. Si, è una visione un pò utopistica forse, me ne rendo conto, però a me non dispiace.
Poi è venuto il tempo dei gialli, non scherzo se dico che li ho davvero divorati, terminando velocemente un'intera collezione per bambini (della quale ricordo nitidamente "Assassinio sull'Orient Express" di Agatha Christie) e passando quindi a quelli dei "più grandi". Era un periodo un pò così in cui volevo fare il detective, e mi guardavo anche "Chi l'ha visto?" su Rai3... :)))
Quindi ho iniziato a leggere, soprattutto nell'epoca del Liceo, i libri quelli "veri", quelli classici diciamo oltre a diversi libri d'autore ogni estate, appassionandomi in particolare, non chiedetemi perchè, a Boccaccio. Ho letto tutto il "Decamerone" in brevissimo tempo, sarà pure che il contesto dove mi trovavo mi offriva ben poche alternative. Così ho iniziato anche a leggere le raccolte di poesie, Foscolo (allegria! ^^), Leopardi, Ungaretti ecc... Non conto ovviamente la "Divina Commedia", i "Promessi Sposi" e i vari canti dell'Iliade e dell'Odissea, molto affascinanti ma ovvio materiale, per il tipo di studi che ho fatto, scolastico.
Dopo la scuola mi sono messo a leggere cose proprio diverse, ad esempio dei manuali di tattica militare romana e greca, libri umoristici di vari autori italiani, biografie, romanzi di vario tipo e stampo. Per intenderci passavo senza problemi dal "librone" del "Signore degli Anelli" alla biografia di Pippo Inzaghi regalatami, per scherzo ma io poi me lo sono letto davvero, da un caro amico :) Quindi, totalmente, da un genere a tutt'altro ^^
Comunque, e conlcudo, se dovessi dire quale libro abbia preferito in assoluto dico "Salvate il soldato Ryan", che ho letto nel 2000 e mi appassionò tantissimo. La cosa bella, poi, fu che vedendo successivamente il film (meraviglioso) diretto dal genio di Spielberg e con un Tom Hanks monumentale non rimasi deluso, come invece solitamente accade a chi legge prima il libro e poi va al cinema, anzi lo trovai assolutamente vicino a ciò che, leggendo, avevo immaginato io. E poi va detta un'altra cosa su questo libro, una "casualità non da poco": lo lessi nel mio unico soggiorno, con la mia famiglia, in Calabria. Non ci sono stato mai prima e mai dopo, lì, ad eccezione di quando, ormai oltre due anni fa, sono tornato per Paola. E beh, questo libro, caso vuole, lo lessi proprio in una località di vacanza sul mare Tirreno che si chiama Paola. E, come ho detto, è quello che ho preferito in assoluto in vita mia. Poi fate voi, io però non credo sia una coincidenza! ^^

2) Libro fino ad ora più detestato? "Il giorno della civetta", di Leonardo Sciascia. Non per niente, ma dovevo leggerlo per la scuola e, davvero, mi è pesato farlo dalla prima all'ultima pagina, non mi ha appassionato per nulla, nè la storia, nè il contesto, nè lo stile. Per quanto sicuramente abbia avuto una sua importanza per il messaggio che ha veicolato allo Stato, aprendo gli occhi dell'opinione pubblica su una tematica quantomento "scomoda", l'ho trovato davvero un libro "pesante", e ritengo molto probabile che, non fossi stato "costretto" a leggerlo, volontariamente mi sarei interrotto ben presto nel farlo.

3) Ultimo libro acquistato? "Non si esce vivi dagli anni '80", che ho preso come regalo per il compleanno di un mio amico. Forse definirlo libro è troppo, perchè è costituito da una serie di pagine nelle quali, accanto a una bella foto a colori, si elencano svariati motivi per i quali i nati negli anni '80 sono persone diciamo "speciali", avendo vissuto gli anni più ruggenti della tv ed essendo rimasti "segnati" quindi da "Heidi", "Genitori in Blue Jeans", "Chips" con Ponciarello e tutti gli altri programmi indimenticabili dell'epoca, visti ovviamente da un punto di vista umoristico e divertente. Al mio amico è piaciuto molto, di certo si è fatto quattro risate di gusto che, a volte, sono la cosa più importante di tutte :)

4) Ultimo libro letto? "Open", la biografia di Andre Agassi. E io non amo ne seguo il tennis eh, però mi è capitato sotto mano e, cominciando a sfogliarlo... mi è piaciuto. A parte che Agassi ha davvero cambiato il mondo del tennis col suo stile, non solo sul campo, e qui svela molti retroscena del suo lato umano inedito, ma soprattutto è stato un libro "forte", per me, nel racconto del rapporto col padre, ossessivo e brutale con lui nel volerlo rendere un campione in quello sport che il giovane Andre invece, per assurdo, aveva finito per detestare, dal momento che le pressioni paterne lo avevano reso solo e triste, insomma tutto ciò che un bambino non dovrebbe essere. Forse mi ha interessato tanto perchè tratta di un qualcosa che non conosco, in cui quindi non mi riconosco ma che magari, se qualche "sliding doors" del destino si fosse aperta o chiusa diversamente, avrebbe potuto anche far parte della mia vita. E' una bella biografia, ve la consiglio.

5) Svelaci qualcosa (qualsiasi cosa a tua scelta) che non conosce nessuno! Beh... la prima, primissima squadra di calcio per la quale ho fatto il tifo è stata la Sampdoria! ^^ Ovviamente per tipo 6 mesi eh, però quando ho iniziato ad appassionarmi al calcio c'era un calciatore, Gullit (ciao Franco! ^^), storica icona del Milan, che stava finendo la sua carriera alla Sampdoria e... non so, mi faceva simpatia, con quelle treccine assurde che non avevo mai visto ^^ Quindi avevo deciso di tifare la Sampdoria, tanto che mio zio passò per Genova e mi prese la sciarpa e il completino di Gullit, fuori dallo stadio di Marassi. Poi "intervenne" mio fratello in maniera energica e mi ha riportato sulla retta via giallorossa :D Anche se ho ricordi molto nitidi di me davanti a "Quelli che il Calcio" a esultare ai gol della Sampdoria per quei pochi mesi ^^

E anche per questo episiodio è tutto! :)
Come già detto in precedenza, mi raccomando non dimenticatevi di lasciarmi QUI le vostre domande, per alimentare questa mia rubrica la cui esistenza... dipende da voi! ^^

Porgo quindi i miei ringraziamenti a Evil Evey per aver preso parte a questa mia iniziativa e per il tempo che ha voluto dedicarmi, congedandomi anche stavolta con un pezzo musicale "omaggio": non credo di sbagliare scegliendo per lei questo gruppo e questo pezzo, in cui Eddie Vedder con la sua voce graffiante rivendica la sua "proprietà" sulla sua stessa vita. Che appunto è sua e di nessun altro, nonostante tutto e tutti :)


Alla prossima! :)

giovedì 14 gennaio 2016

"Gli InterrogATTIVI" Ep. 1 - Mariella


Qualche giorno fa ho introdotto QUI la nuova rubrica che troverà spazio nel mio blog, totalmente dedicata a voi ed aperta a raccogliere ogni vostra domanda e curiosità.
Vi invito quindi nuovamente a partecipare numerosi a questa iniziativa (anche perchè altrimenti "chiudo" presto ^^), inserendo tutti i quesiti che vi vengono in mente nei commenti al post introduttivo che vi ho linkato: sarà poi mia cura dedicare un pezzo "ad hoc" per rispondervi nel modo più completo ed esaustivo possibile :)

E allora, senza ulteriori indugi, inauguriamo quello che spero diventerà un simpatico e piacevole appuntamente fisso rispondendo alle domande della prima persona che ha voluto cimentarsi, ovvero Mariella, una presenza costante e sempre graditissima da queste parti. Colgo l'occasione per consiglire a chi non la conosce di passare a vedere il suo blog, che è tra quelli che mi piace di più visitare perchè pieno di contenuti a mio gusto davvero interessanti e sempre originali, meditati e personali :)
Ecco dunque le sue domande, alle quali rispondo volentieri in quello che è, a tutti gli effetti, il primo episodio de "Gli InterrogATTIVI":

1) Che lavoro fai? Tanti ^^ Nel senso, attualmente ne sto cercando uno che possa essere il più "definitivo" possibile, per questo motivo non è semplicissimo trovare la giusta opportunità, essendo la maggior parte delle proposte che si trovano in giro di tipo fortemente temporaneo. Avendo però io già fatto queste esperienze, in più ambiti anche molto diversi e poco collegati tra loro, mi sono riproposto dallo scorso autunno di non "adeguarmi" alla dilagante precarietà continuando a prendermi quel che capita e per il tempo che dura, ma piuttosto di puntare su quello che so e che mi piace fare cercando di fossilizzare la mia ricerca su quel settore specifico.
E' un rischio probabilmente, ma penso che far qualcosa per cui si è predisposti sia meglio di accontentarsi di ciò che passa il convento, mi piace credere che la passione per quel che si fa e le competenze effettive possano ancora fare la differenza. Per un altro pò di tempo continuerò ad insistere ed a vederla così, se poi non andrà come spero farò sempre in tempo a tornare sui miei passi ri-ampliando gli ambiti nei quali propormi.
Parallelamente a questo ho presentato giorni fa un piccolo progetto di editing video, per un concorso a posti limitati nell'ambito multimediale che ho trovato interessante, e ora ne aspetto riscontro.
In generale, comunque, dopo gli studi sono passato dai lavori di segreteria agli inventari dei negozi, dal fare il giornalista/inviato per una tv locale in occasione di alcune manifestazioni sportive al curare la parte grafica in una società di servizi e soluzioni per il web. Quest'ultima è stata l'esperienza più lunga e, verosimilmente, quella più in linea con le mie capacità. A livello personale e "privato", infine, ho creato e creo alcuni siti web.

2) Quanti anni hai? Quest'anno, a maggio, non sarà un compleanno qualsiasi perchè spegnerò 30 candeline. E vi dirò, a scriverlo è un numero "rilevante", di quelli che fanno effetto. Sinceramente però io tutti questi anni non me li sento e, dicono, nemmeno li dimostro ^^ Quindi ecco, ho qualche annetto sulle spalle ma penso di difendermi ancora bene :)

3) Come passi il tempo libero? Tempo libero? hmmmm... con Paola non c'è tempo libero, a parte forse quello in cui lei dorme e io sono troppo stanco per fare qualsiasi altra cosa, ahahah ^^ Ovviamente scherzo, diciamo che avere la fidanzata non proprio dietro l'angolo fa si che mi venga proprio spontaneo trascorre con lei la maggior parte dei momenti liberi che ho. Cosa che non cambierà nemmeno quando sarà sempre con me, ovviamente. E, detto tra noi, questo non mi spiace affatto, cioè la ritengo davvero la mia migliore amica e la compagnìa (con l'accento sulla "ì", ma pure se la leviamo cambiando la parola e il suo senso va ugualmente benissimo) per me più perfetta possibile. Perciò perchè non dovrei voler passare con lei il mio tempo libero? :)
In ogni caso sono appassionato di diverse cose, ad esempio mi piace guardare lo sport, il calcio, l'atletica ed i motori nello specifico, e anche praticarlo con gli amici (questo punto però lo sviluppo nell'apposita domanda numero 5). Una cosa che mi rilassa molto è poi camminare, osservare le cose ed i luoghi attorno a me, respirare, sentire il contatto concreto con la terra: sono uno che non sa stare molto fermo e a volte mi piace uscire anche solo per il gusto di fare una piccola passeggiata senza mete precise, che tanto poi qualcosa da fare e da vedere me lo trovo sempre. Sarà che l'ho sempre fatto, anche e soprattutto nella natura ma pure per semplice abitudine con alcuni cari amici, comunque credo che il cammino, la strada, siano un qualcosa che non appartiene a tutti, specie in un epoca tanto "comoda" come la nostra, e che quindi apprezzarli e ricercarli sia raro, oltre che molto positivo.
Per diversi anni poi ho occupato molto del mio tempo facendo volontariato in svariate realtà, soprattutto nell'ambito dell'assistenza bambini e anziani. E' stata un'esperienza forte e formativa, di quelle che credo tutti dovrebbero fare, ti apre davvero gli occhi su tante cose che sono ad un passo da noi nella vita di tutti i giorni eppure il più delle volte nemmeno riusciamo a vederle.
Mi piace il cinema, ho divorato letteralmente film su film e ogni volta che ho modo coinvolgo la dolce Paola in questa mia passione. Per svagarmi mi diverto pure a creare immagini, presentazioni video e mix audio al pc per il semplice gusto di farlo, per diversi anni poi ho anche fatto parte di una web radio conducendo un programma a carattere sportivo che ha avuto pure un discreto successo di pubblico, dal momento che il mio primo grande sogno era quello di impormi in quell'ambiente. E poi beh, mi piace dedicarmi alla scrittura, ho sempre scritto molto riempiendo taccuini e quaderni e creando anche piccoli libretti ed una sceneggiatura per uno spettacolo teatrale per bambini. Il blog, quindi, è uno dei miei "passatempi" proprio perchè mi permette di dare libero sfogo alla mia voglia di scrivere e di comunicare.

4) Hai fratelli e sorelle? Si, ho un fratello più grande di me cui sono molto legato, forse perchè c'è una certa differenza d'età e, quindi, non ci siamo mai trovati a litigare o ad avere problemi tra noi, anzi lui mi ha sempre molto "coccolato", prendendosi cura di me al posto di chi avrebbe dovuto farlo davvero. E anzi a questo proposito voglio dire, perchè è giusto e perchè loro non hanno nessuna colpa essendo bravissime ragazze, che mio padre ha avuto altre due figlie successivamente, con le quali mi dispiace non aver avuto modo di instaurare un rapporto solido.

5) Fai sport? Ho sempre molto amato giocare a calcio, con i miei amici "storici" per diversi anni siamo riusciti a ritrovarci con costanza almeno 2 volte a settimana per partite di calcetto o calciotto che erano diventate un vero e proprio appuntamento fisso, fatto prima di tutto di allegria e divertimento. Non mi piace infatti chi gioca "cattivo" o la gente agitata ed esaltata, quel contesto era quindi perfetto, c'era sportività, un buon livello tecnico e di agonismo complessivo ma a prescindere da come andava a finire si tornava a casa sempre col sorriso, magari dopo una pizza tutti insieme. Questo spirito di amicizia, per me, era ciò che contava di più.
Avevamo anche un cameraman ufficiale che filmava le gare, in particolare quelle di calciotto contro una squadra composta da altri amici in cui indossavamo anche delle divise ufficiali create per l'occasione. Che bei ricordi, conservo ancora gelosamente i video montati da me con un programma di editor professionale (con tanto di interviste pre e post partita ^^), le statistiche e le pagelle di tutti gli incontri curate da un caro amico...
Poi purtroppo, come però è normale che sia, si diventa più grandi e crescono anche gli impegni "importanti", quindi c'è meno tempo libero per ritrovarsi con questa regolarità. Però io ancora "reggo", poi ovviamente le mie apparizioni sul campo sono diventate parecchio sporadiche ma quando accade mi difendo sempre piuttosto bene, perchè il "fiuto del bomber" (ho sempre giocato da seconda punta a sinistra, o come prima a calcetto) non si perde mai, e l'esperienza devo dire che fa il resto, aiutando non poco a compensare il ritmo che manca e a gestire le forze nel modo giusto ^^ Se ci mettete pure che non fumo e non bevo, anche questo dà una corposa mano a fare una buona figura pur senza avere un particolare allenamento sulle gambe :)
Quando ero più piccolo, comunque, ho fatto anche basket per alcuni anni e atletica, in particolare corsa sulle lunghe distanze :) Ho dei trascorsi anche in palestra, ma è un ambiente che alla lunga, almeno per quanto mi riguarda, trovo "poco stimolante", preferisco l'aria aperta e l'imprevedibilità degli sport che vi si praticano al chiuso di un palestra e alla "schematicità" degli esercizi.

6) Cosa ti piace leggere? Se parliamo meramente di libri, ahimè, devo dire che leggo poco ultimamente. Però sono uno cui piace essere sempre informato, quindi leggo i quotidiani e gli articoli online. In generale comunque, per concentrarci sui libri dei quali in ogni caso parlerò meglio nel prossimo episiodio della rubrica viste le domande poste proprio in questo ambito da Eva, mi piacciono i romanzi di respiro "storico", quelli insomma che raccontano cose realmente accadute, come anche le biografie di personaggi che ritengo interessanti. Mi sono divertito pure a leggere dei libri "simpatici", umoristici, cose leggere insomma, spazio quindi molto e quello che ritengo più importante per appassionarmi alla lettura di qualcosa è certamente lo stile di chi scrive: se riesce a coinvolgermi, il più è fatto.

Come detto, dell'ambito libri parlerò meglio nel prossimo appuntamento con "Gli InterrogATTIVI", alla luce delle domande già arrivate e che sono inerenti proprio ad essi (diversamente anticiperei cose di cui dovrò ri-parlare e non è il caso ^^). Spero perciò che questo "episodio pilota", chiamiamolo così, della rubrica vi sia piaciuto e vi abbia coinvolto e mi auguro interessato.
La speranza è che possa essere solo il primo di una lunga serie, ma questo dipenderà da voi, perciò se siete rimasti contenti... scrivete, scrivete e scrivete, lo ricordo ancora QUI, le vostre domande per me :) Per adesso siamo arrivati a 5 episodi, ma punto a molti di più! ^^

Un saluto a tutti allora, ed un ringraziamento speciale a Mariella per aver partecipato alla mia iniziativa :)
Come chi mi segue ben sa, sono solito abbinare ad ogni post una canzone, quindi ho pensato di farlo anche qui, "omaggiando" chi mi ha posto le domande con un pezzo musicale come "premio per la partecipazione" ^^
E per Mariella allora, che è una donna che "crede" davvero in tante cose importanti e soprattutto lo fa con grandissima forza e con una determinazione quasi contagiosa, inevitabilmente scelgo un brano (bellissimo a mio gusto) di un cantante che, direi, le piace "leggermente"... :)))


Alla prossima! :)

sabato 9 gennaio 2016

"Gli InterrogATTIVI"

Nel primo post del nuovo anno vi avevo anticipato che stavo progettando alcune novità per questa nuova "stagione" del mio blog.
Ebbene, dopo essermi preso il tempo per idearle e strutturarle (spero!) al meglio, eccoci qui con la prima!


Inauguro oggi "Gli InterrogATTIVI", una rubrica che nelle mie intenzioni diventerà un appuntamento a scadenza regolare dedicato alle vostre domande e curiosità. Ho pensato infatti che sarebbe stato bello creare uno spazio, un momento fatto apposta per interagire con tutti voi che, da tanto tempo ormai, mi seguite. E quale miglior modo per farlo se non darvi la mia piena disponibilità a trattare, di volta in volta, gli argomenti che voi stessi mi proporrete? :)
C'è qualcosa che vorreste chiedermi nello specifico e non avete mai avuto occasione di farlo? o un argomento che magari non ho trattato e sul quale invece avete la curiosità di sapere come la penso (ovviamente dicendomi anche poi la vostra, certo ^^)? o ancora qualche semplice domanda riguardante temi, occasioni e situazioni di cui vi ho parlato nei miei post che avete letto in passato?
Per porre questi e tutti gli altri vostri possibili quesiti "Gli InterrogATTIVI" è il posto giusto, ma più di tutto è un'occasione per conoscerci ancora di più e sempre meglio come si fa tra buoni amici che, trovato il giusto momento e il contesto adatto, si incontrano per farsi una chiacchierata serena e tranquilla parlando un pò di tutto :)

Insomma, le "regole" sono poche e anche piuttosto semplici, la mia disponibilità è totale, c'è però una cosa fondamentale che, per la buona riuscita del tutto, non può mancare: la vostra partecipazione!
Senza di essa, infatti, questa mia idea, questo progetto, sarebbe destinato a fallire miseramente di qui a breve... e io non voglio, c'ho messo tanta buona volontà, quindi almeno un pochino fatelo durare! ^^
Perciò mi raccomando, non fate mancare il vostro contributo e lasciate, nei commenti a questo post, le vostre domande, richieste e curiosità.
Sarò ben felice di rispondervi, seguendo l'ordine cronologico delle varie domande e richieste che mi invierete, nei vari post (uno per ogni domanda, siate quindi lieti di sapere che mi dedicherò singolarmente ad ognuno voi di volta in volta! ^^) di questa nuova, spero interessante e soprattutto mi auguro duratura, rubrica. Che vuole essere un mio piccolo ma spero sostanziale modo di ringraziarvi e quindi di conoscerci ed apprezzarci, reciprocamente, ancora di più :)

E allora forza, cosa state aspettando ancora? Siate ATTIVI, fatevi sotto e alzate la cornetta... Maurizio C vi aspetta! :)))))

martedì 5 gennaio 2016

Nuovo Anno, Nuovi Inizi

Eccoci qua! Ben ritrovati a tutti, spero abbiate trascorso delle buone feste ed iniziato nel modo migliore il nuovo anno :)
Per quanto mi riguarda, quello appena trascorso è stato un lungo e super positivo periodo di festa, ho passato giorni belli e sereni, pieni di divertimento, calore, cose da fare e progettare e, soprattutto, di Paola *_*
Sono infatti tornato (è già la terza volta dopo compleanno e laurea) a casa sua, nel profondo Sud, stavolta per una settimana piena, e sono stato davvero benissimo, al punto che, non scherzo, ripartire mi è risultato parecchio faticoso.
Il grande affetto che ho percepito da parte sua e di tutta la grande famiglia che ha intorno mi ha assolutamente "contagiato", oltre che tanto colpito e reso felice. Ho giocato, ancora una volta, coi suoi dolci nipotini, con la più piccina che ancora non parla ma già va sulla moto giocattolo addirittura alzandosi in piedi (diventerà una grande motociclista credo ^^) e con i due più grandicelli, sempre pieni di energie e voglia di fare. Mi sono "diviso" tra loro con tanta gioia, è stato per esempio molto tenero riuscire a far addormentare la piccola nel passeggino, o quando il buon Paolino mi ha preso per mano mentre camminavamo per strada iniziando da quel momento a volermi sempre avere accanto a se, in macchina e nei tanti giochi che abbiamo fatto assieme, dai Lego (dove lui e il fratellino più grande ridevano a crepapelle perchè mi sono inventato un coccodrillo volante con un ninja sopra e le ruote sotto, e insistevano col dire che non era reale, ma non capisco perchè ^^) ai Transformers, passando per il nascondino e per i giochi di società come quello delle tabelline, il Cluedo e così via. Mi ha fatto poi tanto sorridere quando, sempre Paolino, mi ha chiesto se poteva raccontarmi alcuni episodi dei suoi cartoni animati preferiti, non so spiegare ma l'ho visto come un momento davvero bello, ho sentito di aver fatto veramente amicizia con lui e questo mi ha trasmesso una bellissima sensazione.
Con Salvatore, il più grande, ci siamo invece concentrati sul biliardo, e visto il mio glorioso e celeberrimo passato nelle bische clandestine (^^) ne ho approfittato per spiegargli le regole VERE del gioco, dal momento che non avendoci mai giocato prima si era erroneamente affidato a zia Paola la quale, vediamo come dirlo in modo elegante... di biliardo (come di parecchie altre cose! ^^) ne capisce piuttosto poco, diciamola così perchè è passato da poco Natale e voglio essere buono ^^ Vi basti sapere che questo tenero bimbo colpiva tutte palle a caso senza nessun senso logico "perchè zia gioca così", adesso invece conosce alla perfezione le regole e gli ho consigliato pure come allenarsi per diventare più preciso. Ehhhhhh, sono soddisfazioni! :)))
Un'altra cosa che mi sono molto divertito a fare in loro compagnia è stata costruire un piccolo un ragno meccanico, acquistato in un negozio Tiger dalla loro premurosissima (e super paziente! ^^) mamma. Questo è il risultato finale:


Non nascondo che non credevo sinceramente che funzionasse, avendolo costruito pezzo pezzo e tutto con piccole parti in plastica staccate ad una ad una da noi, o meglio da me perchè mi hanno presto lasciato solo a montarlo ^^ No beh, chiarisco, è rimasto al mio fianco il piccolino, che però ha preferito solamente guardare perchè non voleva sbagliare e ci teneva che funzionasse, che tenerello! ^^ Anche se questa "pressione" ha aumentato la mia ansia nell'augurarmi il funzionamento dell'oggetto stesso una volta finito, per non deludere lui principalmente ma pure per accrescere il mio ego, ammetto ^^ Però ha avuto gli effetti sperati, perchè alla fine lo ho acceso ed ha funzionato e camminato! Così i bambini sono rimasti molto contenti, sarà che inizialmente avevano cominciato a farlo con zia Paola (sempre lei oh! ^^) e... gli era già passata la voglia, oltre che le speranze che funzionasse... come li capisco, ahahaha! :D
Insomma, bimbi li ho visti davvero tanto, ma ho avuto modo di fare anche altre cose: pensate che mi sono sottoposto pure alla maschera di bellezza! ^^ Già, io che non ho mai toccato creme e affini in vita mia ho ceduto alla cara e dolce Luisa, sorella di Paola e vero talento del make up, che mi ha scherzosamente proposto di farla e a quel punto... ho dovuto dimostrare coi fatti che io non mi tiro mai indietro :D E' stata un'esperienza di vita, e devo dire che effettivamente, alla fine, la differenza al tatto si vede e si sente, dalla carta vetrata che sono solito sentire sono passato a una pelle liscia come quella di un pupetto ^^ Qui, però, oltre appunto a Luisa, devo ringraziare anche Paola, che PER UNA VOLTA ha fatto qualcosa che sapeva fare e, nello specifico, con le sue manine sante mi ha applicato e poi tolto il magico prodotto. Diamo a Cesare quel che è di Cesare, ecco, non si dica che non sono onesto io! ^^
Poi poi poi... ahhhh ho fatto il karaoke! si, proprio io che mai avrei pensato di cimentarmici nemmeno nella mia più "folle" fantasia, e invece è stato divertente, di certo per me, non so poi per chi mi ha ascoltato ma i tappi alle orecchie non li avevano, o almeno non li ho notati ^^
Siamo anche andati al cinema a vedere il film di Zalone, che non mi ha esaltato in verità, poi è certamente guardabile ma me lo aspettavo più spassoso, anche se la cosa veramente importante, e più bella, è stato avere Lei al mio fianco per tutto il tempo, dolcemente con me come poi in tutti questi lunghi 7 giorni insieme. Vi dirò, c'è capitato anche di accompagnare un'altra delle sue tante sorelle (sono un vero e proprio team! ^^) a comprare il divano per la nuova casa dove si è appena trasferita con il fidanzato, e pure questo... è stato bello, mi ha fatto immaginare che tra non molto potrei farlo anch'io, certamente vorrei e... questo pensiero mi ha fatto bene, anche perchè mentre mi frullava in testa la mia mano era stretta da quella più bella del mondo, e sentivo fortissimo che con Lei tutto quello che desidero e immagino può diventare reale, possibile, concreto :)
Insomma, sono stati giorni pieni di queste e di tantissime altre cose che non ho scritto ma che mi porto gelosamente dentro. Soprattutto e più di tutto queste giornate mi hanno lasciato dentro una forza, una consapevolezza, una serenità e un allegria che... devo assolutamente portarmi dietro ora, coltivare e stimolare, perchè mi rendo pienamente conto di quanto, con queste cose dentro di me, io mi senta pressochè invincibile, pieno di energia di usare per arrivare a tutto quello che voglio.
Ed a proposito di desideri e intenzioni, vi annuncio che ho "pianificato" delle piccole e grandi novità per questa "stagione" del mio blog. Non aspettatevi certo un cambiamento drastico, non lo voglio io per primo perchè amo che il mio spazio resti come da titolo "libero", slegato da scadenze e men che mai schiavo di rigidi schemi o riempito da cose poco autentiche. Il punto focale saranno sempre i miei pensieri, come vengono e quando vengono, scritti di getto e sull'onda lunga delle mie emozioni del momento, però voglio anche trovare un modo per "evolvermi" e, soprattutto, per interagire con voi che mi seguite. Perciò, di qui a breve, vi verranno date maggiori informazioni in questo senso, posso anticiparvi che tra le altre cose prevedo di aprire una piccola "rubrica con voi", rispondendo a vostre domande o trattando argomenti che voi mi suggerirete o sui quali vi farebbe piacere conoscere meglio le mie idee, perciò capite bene che, per la riuscita di questo chiamiamolo progetto, mi occorre la vostra partecipazione, che però non dubito mancherà e sarà interessata, anche perchè davvero, vi "ruberò" solo pochi minuti, prometto ^^

Intanto, il mio cuore come ben sapete me lo hanno "rubato" da un bel pò (a breve si festeggeranno i due anni "ufficiali", ma in realtà siamo già oltre ed è bellissimo), ed è custodito da qualcuno di cui mi fido ciecamente e che amo con tutto me stesso. E che voglio ringraziare per questi giorni stupendi, dandogli appuntamento ai prossimi che sono davvero ad un passo, dietro l'angolo come abbiamo progettato fino all'altro ieri. Se tu ci sarai io ci sarò, sempre e per sempre, perchè solo con te sto bene, solo con te ho tutto quello che voglio, solo con te mi sento felice, completo e perfettamente al mio posto nel mondo.
Sei tu, quindi vola libera e felice nel cielo come quella lanterna cinese che, simbolicamente, mi sono portato dietro per tanti chilometri ed acceso per te lì la notte di Capodanno affinchè potesse farti capire, ancora di più, che puoi essere tutto ciò che vuoi, andare dove desideri e fare qualsiasi cosa il tuo cuore ti suggerisca: se mi vorrai vicino a te, io non chiedo di meglio, e non mi stancherò mai di seguire la scia ed ogni parabola dell'incantevole volo che è, e soprattutto sarà, la tua vita.

Grazie di tutto, amore mio. Ti amo :)


".. non c'è niente al mondo che valga un secondo
vissuto accanto a te, che valga un gesto tuo, un tuo movimento.
Perchè niente al mondo mi ha mai dato tanto
da emozionarmi come quando siamo noi,
nient' altro che noi .."




Alla prossima... ;)