sabato 28 gennaio 2017

"... Il Vento Che Ti Aiuta Con Un Soffio a Far Tornare Il Sole ..."

Col tempo mi sono convinto che certe cose indesiderate si verifichino appositamente, che determinate situazioni non capitino mai a caso. Si, non può proprio essere altrimenti.
Parlo di quelle consuetudini che diventano quasi un "classico", di quelle ciclicità che, di riffa o di raffa, alla fine si ripetono sempre, ogni volta uguali a se stesse e mai diverse, portandoci via, non richieste e non volute, serenità.
E così si finisce per sprecare e guastare scioccamente tanto del nostro prezioso e tempo, la cui importanza troppo spesso bistrattiamo, o almeno trascuriamo.
Ciò nonostante rimango convinto che le difficoltà possono vessarti anche all'infinito eppure insistendo e sapendo tener botta tutto è superabile, e tu raggiungi comunque i tuoi obiettivi, o almeno quelli che desideri di più. Anzi, forse è proprio per questa ostinatezza che li raggiungi.
Perchè c’è sempre un cielo sopra le nostre teste, c’è sempre un cielo dovunque, sopra chiunque. Anche se a volte è nero come il nero dei capelli, come il nero delle sciarpe intorno al collo, come il nero degli abiti. E poi sempre più dentro, fino al nero che è l’unico colore che si riesce a vedere nei momenti bui.
Per venirne fuori, in quei casi, mi hanno insegnato che bisogna prima guardare dritti davanti a se, non verso l'alto come invece sarebbe più istintivo fare, perché è quaggiù che c'è da correre, sgobbare e faticare per ridare il giusto colore al nostro personalissimo cielo. Proprio quello lì, quello temporaneamente bruttarello, inutile per tante cose, sciagurato.
Convinzione ancor più grande, direi assoluta, è che chi mi ha trasferito questo modo di essere, e di fare, merita un posto particolare. Nel cuore, nel punto più profondo e inattaccabile.
E mentre ci penso riavvolgo il nastro della memoria ed eccomi là: ci siamo, ci sono io, lì, giovanissimo, che da lei imparo e inizio a sperare. E ci sono di nuovo io, qui e oggi, non più così giovane e pienamente consapevole di tante cose. Ma che, comunque, ancora spero.
Molto spesso si ha a che fare con personaggi aridi, senza prospettive, mancanti di un' identità particolare e poco capaci di dimostrare sensibilità.
Per fortuna io, con lei, non ho conosciuto nulla di tutto questo, anzi ogni sua parola mi catturava, mi coinvolgeva, mi permetteva di imparare e di conoscere sempre qualcosa di più, attraverso quello stile poetico, sofisticato e al contempo genuino. Ogni sua frase, ogni concetto che elaborava avrebbero benissimo potuto essere aforismi. Tutto questo si presentava a me come un dono, impacchettato con cura ma anche con grande semplicità, persino un po' fragile, di quei regali da scartare premurosamente.
Quanto amavo parlarci! e quanto non potevo proprio aspettarmi che, all'improvviso, tutto questo non sarebbe più stato possibile. Metaforicamente, è stato come dire “a domani amico mio” ad una persona che si è abituati a vedere tutti i giorni e poi... finire per non rivederla più.
Purtroppo però le avversità della vita, le malattie in questo specifico caso, sono infime ed infami, nonostante ciò lei non si è comunque mai ritrovata alla periferia dei miei pensieri e ricordi. Di quelli degli altri forse si, ma dei miei assolutamente no, e questo mai accadrà. Anche se, certo, da allora tutto è stato, ed è, infinitamente diverso.
Shakespeare però scriveva che "esiste una speciale provvidenza anche per la morte di un passero". Allo stesso modo allora mi piace (o mi "aiuta") immaginare che, da qualche parte, quando verrà quel brutto giorno esisterà almeno un immenso premio per lei. Solo suo. E le verrà finalmente restituito tutto ciò che le è stato tolto permettendole così di tornare, felice, a ricamare parole e regalare sorrisi come solo lei sapeva fare. Magari in mezzo a tante, tantissme margherite, i suoi fuori preferiti.
Per quanto riguarda me, mi auguro soltanto di riuscire a restare sempre ricco dei grandi sogni che lei mi insegnò ad inventare. Lo spero perchè mi accorgo che non sempre è facilissimo farlo, ma se poi penso a quella dolce persona che parlava con tutti con la stessa tranquillità ed intimità con cui ci si potrebbe riferire ad un amico di vecchia data... tutto mi sembra, ogni volta, molto meno difficile.
Insomma, e provo a concludere, desidererei davvero che attraverso di me sopravviva almeno un po' la grandezza di questa anima tanto delicata ed al contempo indistruttibile, che mi ha insegnato, tra le tantissime altre cose, che vale sempre la pena essere curiosi, mettersi in discussione, e soprattutto credere nel positivo. In noi e negli altri.


Alla prossima!

22 commenti:

  1. Bellissimo post denso di ottimismo e di verità.
    Purtroppo io guardo in alto e vedo nero, sempre nero, colore che amo ma quando ti circonda ti annienta
    Nulla di positivo tutto tremendamente buio ma cerchi uno sprazzo di sereno, e aspetti quasi sempre per quanto mi riguarda inutilmente
    Ma si va avanti sotto questo cielo, sperando che le margherite si possano almeno intravvedere.
    Una grande lezione Maurizio che spesso si trascura.
    Abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella,
      ti auguro di riuscire a ritrovare i colori del tuo cielo, ovviamente ben sapendo i validi motivi per i quali ti si è oscurato, però... penso che anche le prove più dure possano essere superate, o comunque si possa riuscire a trovare il modo di conviverci un pochino più serenamente.
      Ecco, speriamo che per te possa essere così, e a prescindere ti mando un grande abbraccio ;)

      Elimina
  2. Per quanto possa apparire di minimo lenimento, ti consiglio Collateral beauty. Un film che parla di perdite feroci e di quel guardare avanti e a fianco a noi, per "correre, sgobbare e faticare", e ritrovare il sorriso. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di questo "Collateral Beauty" ho sentito parlare, Willy Smith poi lo apprezzo molto, quindi credo che sicuramente lo vedrò, oltre che per seguire il tuo consiglio proprio perchè immagino sia un film molto nelle mie corde e nei miei gusti.
      Grazie perciò di questa indicazione e della tua delicatezza, un abbraccio anche a te :)

      Elimina
  3. Ho le lacrime agli occhi Maurizio.
    Sei una bella persona, perché in pochi riuscirebbero a ricamare così belle parole in una situazione del genere. Io in primis.
    Ti auguro la felicità. Sempre.
    E so che la ritroverai. Non subito, forse. Ma per le persone come te non tarda mai ad arrivare.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Misa,
      il tuo commento è molto bello, estremamente lusinghiero, te ne ringrazio quindi molto, perchè è certamente piacevole pensare di apparire agli altri una bella persona, anche se poi è importante dimostrarlo, riuscire quindi ad "essere", non solo fermarsi ad apparire.
      Diciamo che seguo semplicemente quello che sento, in questo blog e quindi in quello che scrivo ma, direi, proprio nella vita di tutti i giorni, nelle cose che mi capitano e che faccio: sento e quindi agisco di conseguenza, immediata, alle mie sensazioni.
      Tante volte ho parlato di lei qui e tante altre ancora lo farò, mi piace farlo adesso perchè, se potessi, io adesso queste cose le direi, sempre adesso con lei parlerei, mi confronterei, cercherei buoni consigli. Perciò è, diciamo, semplicemente il mio modo di comunicare con lei by-passando la realtà dove purtroppo mi è impossibile, e di farlo nell'esatto momento in cui lo desidero. Non credo possa "sentirlo", però è d'aiuto a me, mi è di sostegno al pensiero che comunque in troppi ormai si dimenticano di lei anche se lei è ancora qui tra noi, quindi... attraverso questi post mi sento un pochino meglio, e immagino che lei, in qualche modo, un giorno saprà che non l'ho mai dimenticata, nemmeno un attimo.

      Ti ringrazio per le tue parole e per il bellissimo augurio, mi hai davvero lusingato in un momento, poi, dove sicuramente è per me particolarmente importante sentire di essere una figura positiva, con delle qualità buone, apprezzabili.

      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  4. Ti voglio bene ragazzo.
    Ho un groppo alla gola e le lacrime agli occhi, dopo avere letto le parole che hai scritto e compreso a chi le hai dedicate.
    Ti abbraccio forte. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari,
      ti ringrazio e ti voglio bene anch'io. E' bello condividere emozioni, non solo quelle più leggere ma anche quelle forti e particolarmente coinvolgenti come mi dici essere stata questa, per te, con chi riesce a capire nel profondo, e quindi partecipa a modo suo alle mie stesse emozioni. Perchè è chiaro, ovviamente il modo è diverso, ma non per questo meno speciale, per me, che trovo quindi parecchio conforto e gioia da messaggi come il tuo :)

      Perciò un grande abbraccio a te, e un bel sorriso soprattutto, che fa sempre bene :)

      Elimina
  5. Un post magnifico e molto positivo perché invita indirettamente a seguire la nostra strada,i nostri sogni,progetti,ad andare avanti nonostante le innumerevoli difficoltà che possiamo incontrare e che sembrano minacciare la nostra serenità...invece dobbiamo comunque e in ogni caso andare avanti,le difficoltà non sono altro che prove cui siamo sottoposti e il loro superamento non può che renderci più forti e tenaci!!L'insegnamento che ti ha dato questa persona speciale e' impagabile,dovremmo tutti tenerlo presente!!.
    Un caro saluto:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon pomeriggio Rosy,
      sono sempre molto colpito dai messaggi che mi lasci, pieni di spunti, di riflessioni saggi, di partecipazione e di interpretazioni correttissime di quello che cerco di far arrivare e condividere scrivendo i miei post. E' molto bello per me e, quindi, te ne ringrazio davvero tanto.
      Riuscire a seguire sempre e comunque il nostro percorso, ed il meglio per noi stessi senza farci abbattere dagli accadimenti esterni credo sia alla base di un'esistenza felice, non sempre è facilissimo riuscirci, ma se non ci si impegna normale che sia così, perchè la felicità non viene regalata, va seguita, coltivata, alimentata.
      Arrivare perciò a dimostrare a noi stessi di poter fronteggiare tutti gli ostacoli, riuscendo ad uscire da ogni difficoltà con positività nei pensieri e nel cuore, penso faccia una grande differenza, e come hai ben detto tu, ci rende certamente più tenaci, più forti e in generale penso migliori.

      Un saluto allora, e ancora grazie :)

      Elimina
  6. Ciao Maurizio, un post che ci spinge a migliorarci sempre più anche se alle volte si cede verso la semplicità. Ti auguro una buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio,
      si, diciamo che l'aspirazione al miglioramento è sicuramente una cosa buona che, in teoria, sarebbe positivo che appartenesse a tutti. Non sempre però è così e, come dici tu, si "cede" verso le cose più semplici, quelle cioè che non prevedono sforzi da parte nostra in questo senso, e che lasciano le cose, di fatto, come stanno.

      Una buona settimana a te :)

      Elimina
  7. ..... Che "ricamo" meraviglioso questo post! In un attimo mi hai portato ad abbracciare i tanti ricordi, le tante situazioni e le tante parole condivise con mia nonna. Grazie di cuore e complimenti per la bella persona che sei e che hai dimostrato, ampiamente, di essere. Un abbraccio. 
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola,
      ti ringrazio dei tuoi passaggi qui e, anzi, penso sia un peccato che tu non abbia un tuo spazio personale, sarebbe certamente interessante leggerlo e leggerti anche lì :)
      Mi fa molto piacere se il mio post ti ha riportato alla mente momenti familiari pieni di dolcezza ed affetto con tua nonna, molto spesso crescendo ci si dimentica di quanto hanno fatto i nonni per noi, è bello perciò ricordarsene e, se si può, ricordarlo anche a loro rendendogli almeno un po' di quel grande affetto che loro ci hanno regalato nel corso della nostra vita :)
      Poi beh, mi lusinga la parte sulla "bella persona", anche se poi non so fino a che punto io lo sia. Cioè, non sta a me giudicarlo, poi si, fa piacere se mi viene riconosciuto, semplicemente, di rappresentare qualcosa di positivo, o quantomeno non negativo, questo sicuramente. Perciò grazie anche in questo senso, un abbraccio e alla prossima :)

      Buona settimana :)

      Elimina
  8. Buon pomeriggio!
    Bellissimo post, ma te l ho mai detto che scrivi benissimo?
    Un saluto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto Shane :)
      Un grande saluto a te e buon fine settimana! :)

      Elimina
  9. Mi hai fatto pensare alla frase di un libro "Si vive ciò che è insopportabile, e lo si sopporta". In fondo non ci sono altre vie possibili da percorrere... Il coraggio di andare avanti penso sia un piccolo miracolo umano.
    Ciao, buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maya :)
      Non conoscevo questo libro, ma mi sono documentato sulla citazione, e in effetti ha una sua verità. Non assoluta ma certo è una verosimile verità.
      La cosa più importante è affrontare comunque tutto quello che ci troviamo davanti, se riusciamo in questo penso che andrà sempre bene, anche quando potrà sembrare davvero difficile :)

      Buona serata e fine settimana a te :)

      Elimina
  10. CrEdoardo che proprio che qualcosa di quella anima bella lo porti dentro e semini bene quello che dai lei hai imparato.I tuoi post sono sempre belli e pieni,che mi riesce sempre un po'difficile lasciare un commento che possa essere più lungo di una frase è non si riduca a un semplice compigmento,sono pieni e spesso non hanno bisogno di aggiunta di altre parole, e commentare parlando di me, a me sembra un intrusione, un intrusione nel mondo delicato della tua intimità e del tuo sentire.
    Un bacione. Poi leggerò l'altro post il tempo in questo periodo mi è un po' tiranno e la pigrizia pure...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edoardo é uscita invece dall'anima del tablet 😁 volevo scrivere "credo proprio" 😁

      Elimina
    2. Ahaha, infatti leggendo "Edoardo" ho avuto un attimo di smarrimento e di crisi di identità ^^
      Comunque ti ringrazio molto per queste belle parole, è un commento molto bello il tuo, anche se io penso che ci sia sempre qualcosa da dire, da aggiungere, in ogni situazione, pur se si, certe volte non è semplicissimo è vero... però è sempre un'occasione in più per comunicare con gli altri :)
      Anche citare le proprie esperienze personali quindi, per me almeno, non è un intrusione, anzi mi piace se a volte, come è capitato, mi si dice che un mio post può aver portato alla memoria di altri le situazioni della loro vita, dei loro affetti familiari :)
      In ogni caso tu ovviamente fa sempre come credi meglio, a me fanno ogni volta piacere i tuoi passaggi e le parole che decidi di lasciarmi :)

      A presto! :)

      Elimina